The New Normal, convince la sitcom di Ryan Murphy sui genitori gay

By on settembre 11, 2012

href=”http://www.lanostratv.it/programmi-tv/the-new-normal-convince-la-sitcom-di-ryan-murphy-sui-genitori-gay/attachment/the-new-normal-2/” rel=”attachment wp-att-121670″>

Ryan Murphy non ne sbaglia una: Glee è diventata una religione per gli adolescenti di tutto il mondo, American Horror Story è destinata a far paura a un crescente numero di telespettatori e promette bene anche The New Normal, la sitcom che aveva fatto urlare allo scandalo mezza America per lo scottante tema affrontato, l’omogenitorialità. La comedy parte stasera in maniera ufficiale sulla NBC, ma il pilot era già in onda da tempo e ne approfittiamo per darne un giudizio, non senza prima darvi qualche dritta sulla trama.

David e Bryan sono una coppia di Beverly Hills, che hanno avuto tutto dalla vita. Una relazione stabile, delle brillanti carriere e una bella casa. L’unica che manca nella loro vita è un figlio. La ricerca della madre surrogata perfetta si rivela però molto difficile, David inizia a nutrire ansie sul’idea della paternità, e la coppia arriva quasi al punto di demordere e rinunciare al loro sogno di diventare genitori. Ma le cose cambiano quando incontrano Goldie, una giovane madre single dal passato difficile, trasferitasi a Los Angeles con la figlia di otto anni, per sfuggire dalla vita di provincia e dall’opprimente nonna cinica e razzista. Fertile e bisognosa di denaro, Goldie accetta di fare da madre surrogata per David e Bryan, trovando in loro una nuova famiglia.

La serie tv non andrà in onda nello Utah, mentre l’associazione One Million Mom ha attaccato pesantemente la sitcom prima ancora che andasse in onda ritenendola diseducativa. Il risultato? Tanto rumore per nulla, perchè The New Normal è una comedy molto piacevole, godibile ma capace di toccare più corde allo stesso tempo. I due protagonisti, interpretati da due ottimi Justin Bartha e Andrew Rannels, trasudano amore da tutti i pori e difficilmente può urtare la sensibilità di un telespettatore. Al masssimo può urtare la sensibilità dei gay sapere che diventare genitori può costare 35mila dollari.

the-new-normal-andrew-rannells

Quasi sicuramente The New Normal troverà spazio nel palinsesto televisivo di casa nostra, anche se potrebbe rimanere appannaggio di Fox o Fox Life: purtroppo la televisione italiana da questo punto di vista è rimasta bigotta, dal momento che non è normale il passaggio di un capolavoro come Modern Family su Mtv piuttosto che su Italia Uno o Raidue. Possibile che due genitori gay in prima serata facciano così paura anche se vogliono far ridere?

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *