Elezioni in Sicilia, Pippo Baudo: “situazione irrisolvibile”, Pif: “Crocetta gay? Finalmente!”

By on ottobre 30, 2012

text-align: center”>

Nel marasma delle elezioni televisive (dovunque si parlava dell’election day siciliano) ogni individuo microfonato ha avuto qualcosa da dire. E se per i politici “abbiamo vinto tutti, non è andata poi così male”, per i giornalisti è pieno allarme: “oltre metà dei siciliani non è andata a votare, è un segnale forte e preoccupante” tuonavano gli anchorman di tutte le reti. Ma se pensate che a disquisire di Crocetta e Grillo siano stati solo addetti del settore masticanti di politichese vi sbagliate di grosso. Due opinionisti, in particolar modo, hanno fatto discutere. Due celebrities della televisione in antitesi totale: il nuovo che avanza e la saggezza del vissuto, l’esponente principale della tv giovane per eccellenza e la bandiera dei ricordi di Mamma Rai. Di chi parlo? Di Pif e Pippo Baudo, siciliani doc…

Ai microfoni di TgCom 24, Pippo Baudo è apparso molto preoccupato per la sua regione: “La situazione è tragica e irrisolvibile” ha detto il conduttore. “Più del 50% dei siciliani ha detto di non credere alla politica, è un dato inquietante in un Paese democratico. Non mi candiderò perché non me ne intendo di politica e poi di nuovi talenti non ne esistono. Esistono solo le persone che capiscono la politica”. Così in Sicilia il primo partito sembra essere quello di Beppe Grillo mentre a trionfare alla presidenza è Rosario Crocetta del Pd. “Grillo ha fatto delle sceneggiate spettacolari e piacevoli facendo ridere i siciliani. Finalmente li ha sgravati dal peso della politica e di questo i siciliani sono grati. L’omosessualità dichiarata di Crocetta è invece una manifestazione di modernità che dimostra che non è vero che la Sicilia è arretrata. I siciliani non sono stupidi e hanno superato pienamente l’ostacolo. Sono molto contento di ciò”.

pif

Su Grillo e Crocetta interviene anche Pif direttamente dal website di Mtv. “Pensate il 53% dei siciliani non sapeva del voto” ironizza il vj. “Sembra però che di queste elezioni la mafia non si sia interessata. Sono contento del fatto che crocetta sia un gay dichiarato, è un segnale positivo, e c’è da riflettere pure sul fatto che la mafia voleva ucciderlo, avere una persona che si occupa di anti mafia in Sicilia è molto importante”. Una domanda però non permette la quadratura del cerchio: “ma se Crocetta vuole fare la rivoluzione con chi dovrebbe riuscirci considerando la natura non rivoluzionaria dell’Udc alleato e la voglia palesata del Movimento 5 stelle di non fare coalizioni?”.

About Simone Rausi

Quando nacque a Catania nel 1986, Pippo Baudo urlò “Fantastico!”. Già, la settima edizione era in onda su Raiuno in quel momento. Ha divorato decenni di fiction e programmi tv prima di laurearsi in Scienze della comunicazione. Ha fatto lo speaker, il giornalista, il blogger e attualmente è copywriter presso un’agenzia di pubblicità (ma sua nonna dice in giro che fa il copriwater). Ha scritto un romanzo sui carciofi ma non ne mangia uno da anni. Lo trovate su tutti i social network del mondo… o davanti qualche schermo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *