La7 in vendita: aumentano le perdite, ma crescono gli ascolti. Santoro e Crozza da record

By on ottobre 30, 2012
michele santoro servizio pubblico

text-align: center”>La7 in vendita: ascolti in crescita con santoro e crozza

La vendita di La7 sta per giungere alla fase clou delle trattative di mercato: le quattro pretendenti per Telecom Italia Media, il ramo d’azienda della società telefonica editore el canale televisivo, hanno avuto accesso alla cosiddetta “Data room“, le informazioni sensibili sui documenti strategici aziendali, per giungere entro il 19 novembre alla presentazione delle offerte vincolanti per l’acquisizione. In campo ci sono l’azienda di telefonia H3G, il fondo Clessidra di Claudio Sposito, affiancato da Marco Bassetti, ex numero uno di Endemol, la concessionaria pubblicitaria di La7 Cairo Communication e l’emittente Discovery channel. Quest’ultima, nella prima fase di manifestazione di interesse, avrebbe offerto 100 milioni di euro per i due canali tv (La7 e Mtv), senza l’assunzione del debito societario, mentre l’offerta che ha ottenuto maggior risalto sui giornali è quella di Clessidra, che ha intenzione di rilevare l’intero gruppo TI Media offrendo 380 milioni (escluso il debito). Infine H3g, che potrebbe essere accompagnata da Cairo, avrebbe offerto 320 milioni per il canale e l’impianto di trasmissione (l’operatore di rete Timb).

La7 ha messo sù per la stagione televisiva in corso un palinsesto ricchissimo e pieno di novità, ma proprio in virtù dei costi affrontati per portare sulla rete i programmi di Santoro, Parodi, Mannino e gli altri, i dati di bilancio mostrano una realtà societaria ancor più in sofferenza rispetto allo scorso anno: una perdita netta di 53,8 milioni di euro (rispetto ai 14,9 milioni di un anno prima) e ricavi in calo a 160,7 milioni (-9 milioni). Sul fronte degli introiti, invece, le scelte coraggiose della rete sono state premiate con un considerevole aumento della raccolta pubblicitaria (+6,6%), un dato estremamente positivo considerato l’andamento del mercato nell’ultimo anno. Merito di una programmazione all’insegna della qualità dell’informazione e dell’intrattenimento intelligente: un binomio che ha permesso la crescita degli ascolti di Telecom Italia Media del 3,4%. Un trend confermato dall’ottima prestazione del debutto di Michele Santoro giovedì scorso…

La7 ha messo a segno una serata da record con la prima puntata di Servizio pubblico che ha sfiorato il 13% di share con quasi 3 milioni di telespettatori (2.985.947). Durante la puntata sono stati toccati anche picchi del 20.10% con oltre 3,7 milioni di telespettatori, per un totale di 8,1 milioni di contatti complessivi. Un risultato che ha permesso a La7 di essere la terza rete più vista, dopo Rai1 e Canale 5 e la più vista in assoluto per quasi un’ora in seconda serata. E se i programmi della fascia pomeridiana (Cristina Parodi Live e Cover, I Menù di Benedetta e G’Day) continuano a soffrire la concorrenza dei più noti contenitori di Rai e Mediaset, La7 ha messo a segno un altro colpo importante con il ritono di Maurizio Crozza ogni venerdì sera in prima serata: Crozza nel Paese delle Meraviglie ha debuttato con il 7.71% di share e 2.149.000 telespettatori, confermando l’ottima prestazione con la seconda puntata, che è cresciuta negli ascolti con 2.389.000 telespettatori e l’8.35% di share. Il progetto editoriale di La7 convince tutti, ma non allevia le perdite registrate in termini di fatturato. Il presidente di Telecom Italia Franco Bernabè ha chiarito che i debiti non dovranno comunque incidere sulla trattativa, perchè la società non intende svendere La7, ma cederla ad un acquirente che sappia valorizzarne l’enorme potenziale.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *