Sanremo, Carlo Conti ci andò vicino: ecco come sarebbe il suo Festival

By on ottobre 18, 2012
Carlo Conti su Sanremo

text-align: center”>Carlo Conti su Sanremo

Sanremo a Carlo Conti. Niente paura, si tratta di una rivelazione l’ultimo dei Robinson ha fatto al settimanale Diva e Donna:

Ci siamo andati vicinissimo due volte, poi però ho sentito che non tutta l’azienda era convinta. Sanremo è da fare solo quanto tutti remano dalla stessa parte. Si può anche non fare, non è obbligatorio. Non la vivo come una mancanza.

Carlo Conti però, in caso di chiamata, ha già la sua ricetta originalissima  per il suo Festival di Sanremo: “Riporterei al centro la musica, creando anche i giusti orpelli intorno“. Praticamente quello che hanno detto tutti non appena hanno affidato loro il Festival della canzone italiana.

Carlo Conti anche per quest’anno dovrà aspettare, ma noi oggi vogliamo provare a immaginare come sarebbe un Festival di Sanremo condotto dall’uomo giusto quando si tratta di lanciare un nero pubblicitario (ok, ora la smetto).

carlo-conti-e-vanessa-incontrada

Carlo Conti innanzitutto darebbe finalmente il giusto spazio ai giovani, quindi ecco in gara Paolo Mengoli, i Dik Dik, Piero Focaccia, Gloriana, Edoardo Vianello, Rosalia Misseri e i Los Locos, con orchestra rigorosamente diretta dal maestro Pinuccio Pirazzoli. Alle ore 24 in punto Carlo Conti si infila la sciarpetta, stappa lo champagne e fa cantare i Los Locos. Segue trenino.

Carlo Conti a Sanremo, dopo aver chiesto a ogni cantante “Quale delle nostre professoresse ti piace?“, manda a rischio eliminazione l’unico cantante che arrivando senza nessuno all’Ariston si è fatto adottare dal pubblico, Bobby Solo. In questo caso l’artista potrà puntare il dito contro chi vende più di lui, quindi la concorrenza sarà spietatissima. Alla fine, il conduttore, nominando il cantante, gli dirà: “Per te il Festival di Sanremo finisce qui”.

Carlo Conti però ricorrerà anche ai suoi amici comici, tra cui il divertentissimo Gabriele Cirilli, l’unico in grado di far scompisciare dalle risate … Carlo Conti. Pronta la scossa  per quando il conduttore sentirà la seguente battuta di Cirilli: “L’altro giorno so’ andato da mi’ moglie nudo e le ho detto: “Amo’ a che pensi quando me vedi nudo? Che c’ho tanto da stirà!”.

Carlo Conti dovrà poi eleggere il vincitore della kermesse: ebbene, sbancherà l’Ariston il cantante che avrà portato in gara un pezzo contenente tutte le soluzioni della Ghigliottina non approvate dalla Rai per l’Eredità, ovvero le parole velopendulo, radiatore, malthusianesimo, transustanziazione, glutammina, sottosegretariato e gonorrea.

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *