Serena Rossi: “Non ci sarò nella seconda serie di Che Dio ci Aiuti”. In arrivo tre fiction

By on ottobre 10, 2012

text-align: center”>Serena Rossi impegnata in tre fiction

SERENA ROSSI è ormai ovunque, la sua carriera è in visibile ascesa. La giovane attrice dal fascino mediterraneo è impegnata su più fronti. Diventata nota grazie al personaggio di Carmen nella soap Un posto al sole, la napoletana è riuscita a mantenere ben saldo il sodalizo con Rai Fiction. L’abbiamo recentemente vista ne Il Grande Caruso, e dallo scorso mercoledì è entrata a far parte del cast di Ris Roma 3. Del suo nuovo impegno in Ris ha parlato al settimanale Telesette: “Anita Cescon è una giovane e abile avvocatessa: deve difendere un componente della Banda del Lupo che ha deciso di collaborare con la giustizia ma non provata ad estorcermi qualche altra anticipazione sulla nuova serie di Ris, perché ho giurato di tenere la bocca chiusa, però posso dirti che ci saranno risvolti sorprendenti.”

Serena Rossi lavorerà ancora con Pietro Valsecchi e la Taodue, casa di produzione di Ris. L’attrice ha infatti preso parte anche all’attesissima serie Il Clan dei Camorristi in onda nel 2013 su Canale 5.  Non solo la tv commerciale, la Rossi ritornerà in Rai dove parteciperà alla seconda stagione di Rossella, la fiction in costume con Gabriella Pession. Ma non è finita qui.

L’attrice napoletana è esplosa grazie a Che Dio ci Aiuti, la serie campione d’ascolti dello scorso inverno, nella quale l’attrice interpretava il ruolo di una ragazza madre ospitata nel variopinto convitto gestito da Suor Angela (Elena Sofia Ricci). Il personaggio di Giulia uscirà di scena insieme all’amato Marco (Massimo Poggio) e alla piccola Cecilia (Laura Gaia Piacentile). L’attrice non prenderà parte alla seconda stagione di Che Dio ci aiuti e al settimanale spiega il perché: “E’ stata una precisa scelta di sceneggiatura. Ma su quel set ho lasciato il cuore. Qualche giorno fa sono andata a trovare Elena Sofia Ricci e quando l’ho vista col costume di scena mi sono commossa. Le voglio un bene dell’anima. Elena è un’attrice meravigliosa che sul set si spende molto per aiutare gli altri. Ci sentiamo spesso: abbiamo creato un legame d’affetto.” Tante fiction in arrivo ma una piccola rinuncia, a voi piace l’attrice Serena Rossi?

About Giuseppe Candela

Nato a Nocera Inferiore(Sa) si è laureato in Scienze della Comunicazione con una tesi sulla comunicazione politica dal titolo “Pop o Papi? Vizi privati e pubbliche virtù. L’assenza-essenza dei media”. Si sta specializzando nell’ambito televisivo. Appassionato di calcio, di politica e soprattutto del piccolo schermo, ha collaborato e collabora con tv e giornali locali. Da settembre 2009 è opinionista a “Domenica in L’Arena” su Raiuno. Ha scritto e condotto eventi che hanno avuto risonanza nazionale. Guarda con occhio critico la televisione senza nessun pregiudizio.

2 Comments

  1. rosanna

    ottobre 11, 2012 at 08:36

    Salve a tutti! io seguo Serena dai tempi di “Carmen” e posso dirvi che è cresciuta molto cm attrice. Si,a me piace e le auguro di impersonare diversi personaggi anke se la preferisco nelle commedie…Grazie e un saluto a tutti i redattori!

  2. Rossella

    ottobre 11, 2012 at 10:56

    Concordo con Rosanna anche se non ho seguito la fiction in questione. Per seguire una fiction deve scattare l’amore a prima vista. Non sono prevenuta e non ho simpatie. Infatti ho rivalutato anche la Ricciarelli che non mi stava particolarmente simpatica. Invece è strepitosa e molto umile. Ha pagato lo scotto di passare dalla lirica alla televisione: sono due sensibilità differenti. La televisione ha tempi troppo veloci per una sensibilità che non è educata a quel ritmo. All’inizio sembrava troppo altera ma invece è una grande! Una vera rivelazione anche al cinema! Ho apprezzato la Ricciarelli nel reality “La Fattoria” in cui si è scoperta molto come donna anche nel rapporto quasi materno con Montano; ha partecipato senza la puzza sotto il naso che lei si poteva anche permettere di avere visti i trascorsi e la sua carriera che è sempre in divenire perché sa guardare ai giovani senza gelosie o spirito di competizione. Katia Ricciarelli mi sembra una delle poche artiste a non temere il passare del tempo! Mi rasserena in questo secondo tempo della sua carriera artistica: un vero esempio per le giovani donne; la Ricciarelli è una donna forte!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *