Sposami e l’ironia su Anna Tatangelo, Marcella Bella e Toto Cutugno

By on ottobre 17, 2012
Sposami, recensione

text-align: center”>Sposami, recensione

Sposami, lunedì sera: “Vuoi vedere che la collana non l’hanno presa gli zingari?” scrivo alla mia amica su Facebook. Passano pochi minuti e in effetti la collana non l’avevano rubata gli zingari. Se l’era presa il cane. Riavvolgiamo il nastro e parliamo di Sposami, la miniserie in sei puntate in onda su Raiuno il mercoledì alle 21.10 – lunedì è stato trasmesso in via eccezionale – con protagonisti l’affascinante Daniele Pecci e la frizzante Francesca Chillemi, Miss Italia 2003 ed ex nuora di Ignazio La Russa.

In Sposami, nei panni di Nora e Ugo, i due interpretano una coppia separatasi dopo il tradimento di lui con un’americana, oltre che i gestori di Felici come noi, un atelier per spose che si occupa anche di organizzare bislacchi matrimoni come quello a impatto zero della scorsa puntata oppure sul ghiaccio. Una miniserie sul filone comedy rappresenta una boccata d’ossigeno considerando i soliti biopic, ma Sposami possiede un difetto di fabbricazione macroscopico.

daniele-pecci-sposami

Le trame di ogni puntata di Sposami sono prevedibilissime! Si subodora sin dai primi minuti che in una coppia prossima a sposarsi – i pattinatori – il tradimento di uno dei due è fasullo se avviene con le porte aperte e a pochi metri da lei. Come si intuisce subito che la collana sparita alla zia tedesca era caduta in maniera accidentale sul cane. La dinamica non so spiegarvela, anzi pregherei le lettrici di raccontarmi se vi è mai sparita una collana in quel modo.

Sposami, al di là della sua prevedibilità, è comunque una fiction leggera, senza impegno, un po’ come il ragazzo o la ragazza con cui usciamo anche se non ci piace perchè ci distrae (e mi fermo qui). E’ l’ideale per passare una serata senza pensieri nonostante non faccia scompisciare dalle risate. Anche se ho adorato la scena in cui l’indossatrice invita Dino a un concerto di Anna Tatangelo e il giardiniere rumeno che propone a Ugo di riconquistare Nora portandola a un concerto di Marcella Bella o Toto Cutugno. Ecco, Sposami dovrebbe trovare la forza di ironizzare anche sul rapporto di coppia senza ruzzolare a gambe all’aria nel sentimentalismo.

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *