Tv Talk torna a smontare la tv dal 6 ottobre alle 14.50 su Raitre

By on ottobre 1, 2012

text-align: center”>Tv Talk torna il 6 ottobre

Tv Talk di nuovo in tv. Segnatevi questa data: 6 ottobre 2012 ore 14.50 su Raitre. E’ proprio in quel momento che tornerà Tv Talk, il talk show condotto da Massimo Bernardini che smonta la televisione commentando i programmi televisivi della settimana e le vicende politiche dal punto di vista della comunicazione, un aspetto che è stato molto curato nell’ultima edizione e su cui sicuramente si punterà ancora vista la particolare situazione del Paese. Non sarà un esordio facilissimo per il programma, visto che si scontrerà con la premiere de La Scimmia, il reality in onda alle 14 il 6 ottobre con la conduzione di Giulia Bevilacqua.

Tv Talk riparte con molte conferme. Al fianco di Massimo Bernardini troveremo ancora i suoi collaboratori storici nonchè il professor Giorgio Simonelli dell’Università Cattolica di Milano, il professor Andrea Bellavita, Cinzia Bancone per le tendenze web e Silvia Motta per le curve degli ascolti. E naturalmente non possono mancare loro, i giovani analisti, studenti o lavoratori tra i 18 e i 26 anni non necessariamente iscritti a Scienze della Comunicazione (aboliamo questo falso mito ricordato in una puntata da Piero Chiambretti: il sottoscritto è un analista e studia Lettere) che diranno la loro senza peli sulla lingua.

tv-talk-antonella-clerici-e-gerry-scotti

Tv Talk  ha una storia lunga: la terza stagione 2007/2008 è stata registrata nello studio TV3 del CPTV di Corso Sempione a Milano, lo stesso studio di Che tempo che fa e di E se domani. Nell’edizione 2008-2009 è stato registrato negli studi Rai in via Mecenate 76, sempre a Milano per poi tornare al TV3 del CPTV di Corso Sempione. L’appuntamento è per il 6 ottobre alle 14.50 su Raitre, non mancate: la tv (e non solo quella, grande spazio ancora al web) sta per essere smontata nuovamente.

About Marcello Filograsso

Studia Giornalismo all'Università degli Studi di Bari e ha esperienza come blogger e addetto stampa di un giovane politico della sua città. Il suo primo amore è la televisione, soprattutto per le serie tv americane come le sitcom "Will & Grace", "Modern Family" e "Tutto in famiglia". Ha la passione per il canto - che sfoga solo al karaoke - e segue con molto interesse i talent show come "X Factor", da quest'anno su Sky. Ama leggere quotidiani, settimanali e libri che parlano di televisione. Il suo modello di critico televisivo è Aldo Grasso. Il suo ambizioso sogno è condurre il Festival di Sanremo.

One Comment

  1. Rossella

    ottobre 2, 2012 at 08:56

    Un programma in cui le persone che fanno la televisione sentono di poter stare al gioco e non si offendono o si mettono sulla difensiva. Questa è la prova che un artista onesto ha piacere di confrontarsi quando chi gli pone i quesiti non cerca la polemica ma il dialogo costruttivo. L’artista vuole crescere! La critica non deve offendere e non deve avere pregiudizi. Infatti secondo me il critico non dovrebbe avere bandiere e non dovrebbe parlare per partito preso contro il personaggio che non è di suo gradimento. Le chiacchiere e le amicizie stanno a zero! Questa non è critica è gossip. Il critico boccia o promuove non pubblicizza. In questo senso continuo a stimare Grasso anche se un grande come lui dovrebbe saper tornare indietro sulle proprie convinzioni: lo stimerei doppiamente. Anch’io ragionavo in quel modo perché a scuola spesso i professori ti portano a pensare che ci sia una televisione costruttiva. La verità, la mia verità, è che la televisione è un gioco anche quando racconta la vita nei suoi aspetti più crudi e questo gioco può scappare di mano anche ai più navigati del mezzo. Purtroppo i tempi televisivi sono da “catena di montaggio”; fare televisione oggi è come stare in fabbrica o andare in un grande magazzino in cui a furia di girare per le corsie finisci per perdere la lucidità e arrivi alla cassa con un conto salato da pagare. Vigiliamo e aiutiamo chi fa televisione a migliorare la qualità dei prodotti che ci offre! Un saluto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *