Renzi e Bersani a Stadio Sprint, bufera sulla Rai per i candidati-opinionisti sportivi

By on novembre 19, 2012
Bersani e Renzi a Stadio Sprint

text-align: justify”>Bersani e Renzi a Stadio SprintLa presenza di Matteo Renzi e Pierluigi Bersani a Stadio Sprint, nelle vesti di “sportivi per caso”, non è passata inosservata agli occhi dei sostenitori degli outsider per la leadership del centrosinistra italiano. Rai nel mirino, ancora una volta, a causa della scelta ristretta a favore dei due favoriti nella rush finale delle primarie di coalizione, per di più in un contesto troppo insolito per non attirare un rumoroso vespaio di polemiche. Tra i primi a reagire a caldo, stando alla ricostruzione dei diretti interessati di Viale Mazzini, il governatore della Puglia Nichi Vendola, “il primo a telefonare per porre la questione, con estrema gentilezza secondo il direttore di Rai Sport Eugenio De Paoli, ma le proteste di Bruno Tabacci e Laura Puppato non sono tardate ad arrivare.

La notizia di Renzi e Bersani “special guest” di Stadio Sprint è rimbalzata velocemente nelle stanze delle segreterie politiche dei candidati “minori”, seminando lo scompiglio in pochi minuti. Dopo un frenetico tam tam telefonico portato avanti dalle rispettive “diplomazie”, il peggio è stato evitato in extremis, accogliendo sia le osservazioni del leader di Sel sull’inopportunità del confronto diretto a due Bersani-Renzi nel salotto sportivo, sia la richiesta di un’intervento “risarcitorio di Tabacci e Puppato.

A pochi giorni dalla fatidica data del voto per la poltrona più ambita nella coalizione democratico-progressista, ogni scintilla può infiammare l’ambiente già sufficientemente caldo del centrosinistra italiano, soprattutto in tema di par condicio nell’accesso ai media. Se nel complesso quasi unanime era stato il coro di approvazione per l’equlibrio di Sky Tg24 nella gestione del delicato confronto a 5, l’episodio dei due “big” invitati a sorpresa da Rai Sport, trasmissione sportiva della domenica con un discreto seguito di pubblico (in prevalenza giovanile), ha reso ancora una volta palese la crescente tensione pre-elettorale dei pretendenti alla leadership generale dello schieramento riformista.

Queste, comunque, le battute raccolte da Stadio Sprint nella breve intervista in parallelo di Pierluigi Bersani e Matteo Renzi: “Vorrei essere come Sergei Bubka, campione e recordman mondiale di salto in alto. Provate a rottamare uno come lui!” le parole ironicamente rivolte dal segretario Pd al giovane e ambizioso rivale, idealmente legato invece alla figura del velocista americano Karl Lewis, che vinceva sempre contro chiunque”. Si dice che la televisione sia una delle armi decisive per convincere fasce consistenti dell’elettorato indeciso, ma sarà difficile in questo caso che un paio di laconiche riflessioni prive di contenuto politico abbiano un peso nella contesa “senza esclusione di colpi” delle primarie.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *