Sonohra: “I Talent Show non creano artisti. Emma e Alessandra un’eccezione”

By on
sonohra sui talent show

text-align: center”>sonohra sui talent show

La dodicesima edizione di Amici di Maria De Filippi tornerà a breve sul piccolo schermo e proprio ieri sono iniziate le registrazioni dei casting finali. Molti cantanti e personaggi dello spettacolo in passato hanno espresso la propria opinione riguardo al programma. Ora anche i Sonohra hanno deciso di dire la loro sulle pagine di Visto. Secondo il duo, i talent show non sfornano veri artisti ma danno la possibilità a giovani talentuosi di esprimere le loro capacità solo per un breve periodo di tempo. Un’eccezione è rappresentata da Emma Marrone e Alessandra Amoroso le cui doti sono state troppo forti per essere facilmente dimenticate. Poi hanno aggiunto fermamente: La musica è passione. E’ un vero mestiere, arte. Si fa credere che se canti sotto la doccia o al karaoke, dopo 2 o 3 mesi di televisione, puoi trovarti sul palcoscenico di uno stadio di fronte a migliaia di persone. E, in generale, è un successo che dura al massimo un anno, dopodiché arriva qualcun altro che prende il tuo posto. Ma non è così che funziona la musica. Invece con questi reality e talent diventa semplicemente un bene di consumo. Questo vogliamo sottolineare nel nostro brano.

Il pezzo a cui si riferisce è “Il re di nulla” che fa parte del loro nuovo album “La storia parte da qui”. I due giovani hanno quindi messo in guardia tutti coloro che decidono di partecipare a reality o talent show di qualsiasi natura però allo stesso tempo non possiamo dimenticare che questa può anche essere una grande possibilità per molti giovani che amano la musica e vogliono avere la chance di vivere della loro passione in un momento in cui il mercato, non solo discografico, incontra grandissime difficoltà. Cosa pensate dell’opinione dei Sonohra? La condividete o trovate che i talent siano un valido trampolino di lancio per futuri artisti?

About Eleonora Sospetti

Nata nel 1994 ad Ascoli Piceno, studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Bologna.
Articolo aggiornato il

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *