Squadra Antimafia 5: Claudia Mares morta? Simona Cavallari sarà Viola

By on novembre 24, 2012
Simona Cavallari Claudia Mares Viola

text-align: justify”>Simona Cavallari Claudia Mares Viola

È stata resa nota una notizia su Squadra Antimafia 5 che non avremmo mai voluto sapere: Caludia Mares è morta per davvero, e non sarà lei, per questo, a salvare Domenico Calcaterra dall’acquedotto. Un fulmine a ciel sereno non è stato, visto che Simona Cavalli, dopo le continue indiscrezioni che sostenevano una sua presenza certa nella prossima stagione della ficiton, ha voluto fare un po’ di chiarezza, non facendo illudere inutilmente tutti quei fan che ancora sperano di rivedere la loro beniamina in azione:

“Ringrazio tutti – ha scritto su Facebook -. Voglio dirvi la verità: non interpreterò mai più la Mares, lei è morta con l’ultima serie. Non riesco a spiegarvi a parole quanto mi abbia fatto piacere il vostro grande affetto, che ha ripagato anche tutti i miei sacrifici. Ora sto cercando di affezionarmi a Viola, il mio nuovo personaggio, molto diverso da Claudia.

Non vedremo mai più la poliziotta in gamba della Squadra Duomo: non affiancherà né Rosy Abate né il vice questore Calcaterra. Scartata, quindi, l’ipotesi che sia stata la Mares ad aprire la botola; allora si deve ricercare immediatamente un’altra.

claudia-mares-domenico-calcaterra

Molti affermano di aver visto la Cavallari durante le nuove riprese di Squadra Antimafia – Palermo Oggi: certo, si è recata sui posti della serie tv, però non è stata protagonista di nessuna scena; lei ha salutato semplicemente tutto il cast. Una perdita che comunque verrà subito colmata da due personaggi mai visti: Valentina Carnelluti e Ana Caterina Morariu. Per chi si sia affezionato tantissimo a Simona, la potrà rivedere comunque nella nuova serie televisiva (che segue sempre la falsa riga di Squadra Antimafia e Ris Roma – Delitti imperfetti, fiction che è giunta anch’essa alle battute finali), intitolata Le mani dentro la città; una serie prodotta da Pietro Valsecchi, incentrata sulle lotte tra forze dell’ordine e ‘ndrangheta, che conterà dodici episodi:

“Vorrei descrivere un’Italia diversa, cioè più pulita, ma dobbiamo per forza raccontare il brutto volto della nazione, parlando di mafia, camorra e ‘ndrangheta. All’inizio non volevo accettare: la gente per strada mi chiama Mares e non più Simona. La più grande sfida è quella di farla dimenticare. Viola sarà totalmente differente da Claudia”.

Simona, dopo la fiction Le mani dentro la città, ha deciso di non voler più interpretare ruoli affini né a quelli di poliziotta né a quelli di malavitosa. Vuole cambiare, per non fossilizzarsi troppo sulle stesse maschere: preferirebbe, ora come ora, avere un ruolo più leggero, più spensierato; magari uno dove potrà fare l’insegnante oppure una donna sbadata come Bridget Jones? Siamo più che sicuri che qualsiasi cosa faccia, la renderà sicuramente interessante.

About Pascal Ciuffreda

Classe 1992, un ragazzo come tanti, ma con un’ingovernabile voglia di comunicare scrivendo. Studente di filosofia con diverse passioni: divorare libri senza pregiudizi, seguire qualsiasi tipo di programma televisivo (da quelli incentrati sulla cultura a quelli più trash), ascoltare tanta musica, e scrivere articoli sui più svariati argomenti. Puzza sotto al naso, mai; entusiasta sempre di sperimentare e sperimentarsi. Il suo motto? Vivere militare est.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *