Start Up, ogni sabato alle 17:30 su Rai5 racconta le nuove musica: ospite prima puntata Noemi

By on
start up rai5 musica logo noemi

text-align: center”>start up rai5 musica logo noemi

START UP, documentari sulla musica di oggi su Rai5 – Quale sono i nuovi protagonisti della musica italiana odierna? Quali pop/rock star italiane diventeranno i classici del futuro? E quali sono le tendenze e le trasformazioni della musica stessa? A queste e ad altre domande risponderà “Start Up”, il nuovo programma di Rai5 dedicato ai giovani musicisti italiani in crescita, che prende il via oggi sabato 10 novembre alle 17.30. Un viaggio nel mondo musicale di Noemi, Malika Ayane o dei Negrita; un modo per conoscere meglio i Marlene Kuntz, Marco Mengoni o Gianluca Grignani.

Una serie che è anche un contenitore di racconti, curati da Giorgio Verdelli con la regia di Federico Bartuli. La struttura portante della trasmissione gira intorno a una lunga intervista confidenziale, realizzata in un luogo evocativo per il protagonista della puntata, che può essere una sala d’incisione o una gallerai d’arte. Nel racconto sono inclusi anche brani eseguiti dal vivo durante i vari concerti, materiale di repertorio scelti  dalle ricchissime Teche Rai (di cui ne fa largo uso anche Quelli che…), video e documenti inediti tratti dagli archivi personali degli artisti intervistati.

Protagonista della prima puntata è Noemi, la “rossa” della canzone italiana, che si racconterà nella sua sala prove a Roma, improvvisando al pianoforte e scavando tra emozioni, incontri e passioni della sua intensa vita. Chiuderà la serie una puntata intitolata “Beatles & Rolling Stones” dove  avremo un curioso scambio: i veterani del rock visti con gli occhi dei protagonisti di oggi.

Bellissima l’idea del programma. Certo… un nome migliore glielo si poteva dare, no?

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.
Articolo aggiornato il

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *