A Pomeriggio Cinque sempre più cronaca nera: in studio Patrick Lumumba

By on dicembre 3, 2012
Barbara D'Urso

text-align: justify”>Barbara D'Urso Pomeriggio di cronaca su Canale 5. Non si arresta la tendenza dei contenitori pomeridiani di parlare dei più turpi casi di cronaca nera e anche quest’oggi il programma di Barbara D’Urso ci ha offerto una ampia pagina dedicata a omicidi e casi irrisolti. La D’Urso cavalca l’onda del caso più discusso e misterioso del momento e cioè il ritrovamento dei cadaveri di Maria Belmonte ed Elisebatta Grande con l’intervista all’avvocato Aniello Di Maiolo, fratello di Salvatore Di Maiolo, il marito della prima, che continua a proclamare l’innocenza dell’uomo e getta nuovi macabri dettagli sul rapporto tra le donne Belmonte e il dottor Domenico come ad esempio presunte violenze sessuali ai danni di Maria da parte del padre e la decisione della Belmonte di suicidarsi per smettere di sopportare queste atroci sofferenze. Si prosegue con il collegamento con i nipoti di Maria Francesca Cimò, la donna di Catania scomparsa nell’Agosto 2011 che gli inquirenti pensano possa essere stata uccisa dal marito Salvatore Di Grazia. Ma, la D’Urso sfodera un suo asso nella manica per catalizzare l’attenzione su un film in onda stasera su Canale 5.

amanda-knox-film

Sì, perché la bislacca ha invitato Patrick Lumumba, il proprietario del locale in cui lavorava Amanda Knox, coinvolta nel giallo di Perugia che stasera Canale 5 propone in un docu-film di produzione americana, im prima visione, dal titolo per l’appunto “Amanda Knox”. Quest’ultima accusò Lumumba di trovarsi sul luogo del delitto la sera dell’omicidio di Meredith Kercher ma poi le accuse si rivelarono infondate. Il rapporto tra i due non era buono e infatti Lumumba licenziò la Knox per il suo atteggiamento troppo disinvolto con i clienti. Lumumba, come racconta lui stesso, restò in carcere 14 giorni e in quel frangente sua moglie non lo abbandonò, non avendo mai creduto nella sua colpevolezza e soprattutto cercando di barcamenarsi nel sistema giudiziario italiano a loro “profano”. La D’Urso ha poi mostrato delle scene tratte dal film, per la precisione quelle che vedono Amanda Knox (interpretata da Hayden Panettiere) accusare Lumumba e il successivo arresto dello stesso. Alla fine del video, Lumumba dice alla D’Urso: “io non ho urlato così”.

Certo, è evidente che questa fulminea ospitata di Lumumba a Pomeriggio 5 sia stata escogitata ad hoc per catturare l’attenzione del pubblico sul film in onda stasera e ci sarebbe da riflettere sull’uso che i media fanno dei casi di cronaca nera, molto spesso dando vita a dei veri e propri processi televisivi .Soprattutto in un periodo come questo, a ridosso delle feste di Natale, non sarebbe più opportuno trattare argomenti più distesi e leggeri anziché insistere su queste tragiche vicende?

About Dario Ghezzi

Dario Ghezzi nasce il 28 Giugno 1988. Fin da bambino matura la passione per la scrittura e il mondo dell’arte. Dopo il Liceo Classico si iscrive alla facoltà di Letteratura musica e spettacolo dell’Università la Sapienza di Roma laureandosi nel 2011. Nel 2012 si iscrive alla magistrale di Cinema Televisione e Produzione Multimediale dell’università Roma 3 e nello stesso anno ha frequentato una scuola di recitazione. E’ autore di tre romanzi usciti con ilmiolibro.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *