Aumento del Canone Rai nel 2013: modalità di pagamento e lotta all’evasione

By on dicembre 27, 2012
La sede della Rai

text-align: center”>Il Cavallo Morente nella sede della Rai

CANONE RAI IN AUMENTO NEL 2013. Non ci siamo ancora lasciati alle spalle il 2012 di austerity che già ci giunge una notizia che certamente non farà piacere al telespettatore medio: il canone Rai nel 2013 subirà un incremento di 1 euro e 50 centesimi tanto da ammontare complessivamente a 113,50 euro da pagare entro il 31 gennaio 2013. Un incremento che non è certamente eccessivo, ma che sicuramente pesa sul budget delle famiglie italiane che hanno trascorso un Natale tra risparmi e sacrifici, tra le festività di fine anno più magre che l’Italia ricordi.

E L’AUMENTO DEL CANONE RAI stabilito con decreto ministeriale dello Sviluppo Economico, non è certamente una lieta notizia per i contribuenti che potranno comunque pagare l’ammontare della tassa di possesso dell’apparecchio televisivo anche a rate, scegliendo di pagare l’abbonamento ordinario della tv attraverso tre modalità: con un’ unica rata annuale (pari a 113,50 euro) con scadenza il 31 gennaio, due rate semestrali (pari ognuna a 57,92 euro) con scadenze il 31 gennaio la prima rata e il 31 luglio la seconda, infine quattro rate trimestrali (con un importo pari a 30,16 euro) con scadenze 31 gennaio, 30 aprile, 31 luglio e 31 ottobre. E considerata l’alta percentuale di evasori del Canone Rai, la dirigenza sta pensando a una modalità per riuscire a beccare anche gli evasori più incalliti…

Pare infatti che Luigi Gubitosi  pe contrastare il forte fenomeno dell’evasione che riguarda circa il 25% delle famiglie italiane  per una cifra che si aggira intorno ai 500 milioni di euro evasi ogni anno, stia pensando a delle misure per venire a capo del problema e tra tali accorgimenti la Rai vorrebbe accedere agli archivi dei clienti Sky per riscontrare se gli abbonati al servizio della tv satellitare paghino o meno il canone anche alla tv pubblica. Altra indagine della Rai sarà quella di venire a conoscenza degli acquirenti di nuovi apparecchi televisivi, al fine di verificare se gli stessi, siano o meno tra coloro che pagano il Canone Rai annualmente. Un vero e proprio attentato alla privacy, non c’è che dire, ma per qualche euro in più si fa questo e molto altro considerate le preoccupanti condizioni economiche della tv pubblica…

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *