Berlusconi “onnipresente” in tv, in arrivo spazi “riparatori” per gli altri leaders politici

By on dicembre 27, 2012
Berlusconi, maratona tv

text-align: justify”>Berlusconi, maratona tvSilvio Berlusconi continua ad occupare spazi televisivi senza soluzione di continuità, ma in Rai cresce il dibattito sul rispetto delle regole nelle principali reti generaliste. In queste ore l’attenzione di Viale Mazzini si è spostata sui palinsesti pre-elettorali e sulle pari opportunità tra i diversi candidati premier ed in generale tra le più rappresentative forze politiche nazionali. A chiare lettere il Partito Democratico ha già chiesto all’autorità di vigilanza (Agcom) sull’azienda radiotelevisiva di Stato di rendere noti i dati “comparativi sulle presenze tv dei leader politici impegnati per le prossime elezioni, in ossequio all’obbligo di conoscenza e di trasparenza verso i cittadini”.

Berlusconi, nel frattempo, ha trovato il modo di arricchire il suo personale carniere di apparizioni televisive, facendo capolino ad Uno Mattina per un’intensa mezz’ora d’intervento, sulla scia delle precedenti (e contestatissime) uscite pubbliche. Tra un elogio del ventennio di governo ed una serie di frecciate a vecchi e nuovi avversari politici, il Cavaliere ha rinfrescato la memoria ai suoi potenziali elettori, invitati ancora una volta a premiare il centro-destra in quanto “unico baluardo contro la sinistra italiana”, diffidando dall’Europa ed in particolare dai tedeschi “protagonisti della congiura internazionale dell’anno scorso”. L’intenzione di proseguire fino in fondo la maratona tv è stata ribadita senza giri di parole nella stessa intervista “concessa” al giornalista di Raiuno Franco Di Mare: “Siamo cresciuti di diversi punti percentuali grazie alle mie partecipazioni nei programmi televisivi. Di questo passo possiamo puntare al 40% dei voti e vincere le elezioni.

Silvio Berlusconi mostra i muscoli, affila le armi e si prepara a giocarsi la mossa spregiudicata dello sbarco a Servizio Pubblico, con una sfida aperta ai nemici di sempre (Michele Santoro e Marco Travaglio) che, se confermata, registrerà ascolti record ed un puntuale contorno di polemiche a 360 gradi. Resta da attendere, nei prossimi giorni, l’esito del braccio di ferro in corso ai piani alti della Rai, dove dirigenti e consiglieri d’amministrazione si accingono a decidere tempi e modi dell’auspicato “riequilibrio” tra presenze di candidati dentro i vari contenitori informativi.

Nel mirino dei parlamentari di centro-sinistra, oltre al numero di minuti concessi al leader del Pdl, anche “la mancanza di contraddittorio e di domande significative” da parte dei conduttori chiamati ad ospitare “i comizi senza replica” dell’ex presidente del Consiglio. In mancanza di provvedimenti riparatori da parte della tv di Stato, informano gli esponenti democratici, si chiederà conto all’Agcom ed agli altri organismi competenti del “pesante condizionamento sulla prossima campagna elettorale causato dalla presenza abnorme di uno dei candidati alla premiership.

About Marco Franco

Il giornalismo come "cane da guardia" della democrazia, scrivere per diffondere idee e creare coscienza: queste sono le stelle polari che lo guidano. Studi classici, laurea in Giurisprudenza in arrivo, Marco non ha mai smesso di coltivare i suoi interessi, primo tra tutti la lettura. Libri, riviste e tanti quotidiani sempre al suo fianco, in una continua ricerca delle "verità scomode". Idealista, spesso "controcorrente" e attivo nel volontariato, ama la politica e l'informazione di antica scuola. Riccardo Iacona e Milena Gabanelli i punti di riferimento, per coraggio e professionalità dimostrati sul campo. Esperienza come web writer su diverse piattaforme e come redattore in bollettini d'informazione politica locale. Natura, sport e la musica rock le altre passioni, anzi il carburante per andare avanti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *