Centovetrine: sul suo futuro e su quello della soap, parla Jgor Barbazza

By on dicembre 22, 2012
Jgor Barbazza

text-align: center”>Jgor Barbazza

IL FUTURO DI CENTOVETRINEIeri, 21 dicembre, è andata in onda l’ultima puntata inedita del 2012 della soap opera Centovetrine. Molto probabilmente, prima di assistere alla messa in onda delle nuove puntate, nel periodo natalizio andranno in onda le repliche per circa due settimane. Dal 7 gennaio i personaggi della soap più seguita e più longeva d’Italia, torneranno su Canale Cinque con le loro avventure torinesi e non solo, e a partire da quella stessa settimana l’appuntamento settimanale raddoppierà, precisamente dal 13 gennaio ci sarà, oltre alla consueta programmazione pomeridiana, un appuntamento speciale di due ore circa nella prima serata della domenica dell’ammiraglia Mediaset.

barbazza1

PARLA JGOR BARBAZZA, PROTAGONISTA DELLA SOAP – A parlare del futuro della soap, e della chiusura di un set così importante che manderebbe a casa tanti lavoratori, aumentando così la crisi occupazionale italiana, è Jgor Barbazza che veste i panni del vicecommissario di polizia Damiano Bauer. Sono tante le persone che lavorano per la produzione di Centovetrine – dice Barbazza – persone che si sono trasferite a San Giusto Canavese, abbandonando le loro famiglie e la città in cui vivevano, nella speranza che un lavoro del genere avrebbe potuto aiutarli dal punto di vista economico. Nel caso la soap venisse chiusa, tutti questi sacrifici sarebbero stati inutili, anche perché non si è ancora ben capito il motivo di questa ipotetica chiusura. L’unica consolazione, nel caso in cui le riprese non dovessero più riprendere, questa avventura si concluderebbe a testa alta, con ascolti record e tanto affetto da parte del pubblico. Ora però sembra che la situazione si stia sbloccando, e dopo una sospensione forzata della soap, si spera di ritornare a girare nuovi episodi. Parla anche del suo personaggio, Damiano Bauer, che dopo essere riuscito a trarre in salvo Viola (Barbara Clara), tornerà a Torino, molto provato dallo shock di un’esperienza talmente forte tanto da provocargli traumi psicologici. A suo avviso, le puntate che ha girato sono state molto avvincenti ed è stato davvero divertente poter mostrare altri lati del suo personaggio.

IL NUOVO IMPEGNO TELEVISIVO DI JGOR BARBOZZA – Ritornando al suo lavoro di attore, nel 2013 lo vedremo oltre che ogni pomeriggio dal lunedì al venerdì e per due volte a settimana in prima serata su Canale Cinque, Barbazza debutterà nella seconda stagione della fiction di Rai Uno Che Dio ci Aiuti, accanto ad Elena Sofia Ricci, nel ruolo del diplomatico Giannandrea Graziosi; quindi per Jgor Barbazza si prospetta un anno molto intenso, diviso fra set, amore e impegno sociale (perché vicepresidente dell’associazione Team for Children). È entrato a far parte di un cast ben collaudato, dopo il successo della prima serie, ed è stato molto contento di partecipare a questo progetto sul quale Rai Fiction punta molto. Riguardo al fatto di aver lavorato accanto ad una professionista come la Ricci dice che per lui è stata un’ottima consigliera. La definisce molto simpatica e di un’intelligenza imbarazzante ed ha saputo creare il clima giusto fra gli attori, mettendosi allo stesso loro livello, pur avendo molti più anni di esperienza nel settore. Dal punto di vista sentimentale è legato da anni a Linda Collini, la Cecilia Castelli di Centovetrine e tra loro procede a gonfie vele. Non gli piace parlare molto della sua vita privata e si limita a dire che va tutto per il verso giusto.

Nella speranza che il grande progetto di Centovetrine vada avanti, tutto il suo grande pubblico deve aspettare il 7 gennaio per godersi le nuove puntate della soap con tante nuove appassionanti storie. 

About Paolo Mastromarino

Paolo Mastromarino (Classe 89) nato a Castellana Grotte (Bari), laureato in Scienze della comunicazione culturale e forme dello spettacolo presso l'università Lumsa di Roma, ad ora iscritto al corso di laurea magistrale in Produzione di testi e format per l'audiovisivo. Mi piace scrivere e da sempre sono appassionato di televisione, programmi televisivi e fiction, insomma mondo dello spettacolo in generale. Trovo molto interessante studiare il mondo televisivo straniero, soprattutto britannico e americano

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *