Domenica Live : Barbara D’Urso intervista Silvio Berlusconi

By on dicembre 16, 2012

text-align: justify”>“Sono frutto di un parto naturale, sofferto da parte di mia madre”. L’ex presidente Silvio Berlusconi inizia con l’ironia la lunga intervista con Barbara D’Urso, a Domenica Live.  La prima domanda è ” Lei si candida o no?” . Berlusconi risponde che è in campo e inizia a parlare della sua posizione, a favore dei moderati la cui instabilità potrebbe rischiare far vincere la sinistra. “Il 100% del mio partito mi ha richiamato per riprendere il ruolo di presidente del consiglio, che ancora ad oggi ricopro. Oggi i moderati hanno individuato in Monti il loro punto di riferimento e a Bruxelles hanno chiesto a Mario Monti se abbia intenzione di candidarsi e allora ho detto che se Monti dovesse candidarsi sono disposto a tirarmi indietro e il professore sarà il nostro candidato.Farei ancora il presidente del partito, farei la mia campagna elettorale a sostegno del Popolo della Libertà e di quelli che non si riconoscono nella sinistra.” Barbara D’Urso poi passa a chiedere a Berlusconi il suo parere sull’Imu e dice“La gente non ha soldi per pagare l’Imu, non ce l’ha!!E’ una tassa per le banche!”  . Berlusconi dice: “L’Imu va abolita– scroscio di applausi- noi aboliremo l’Imu. Non è una promessa che non possiamo mantenere, non si tocca la casa.  Posso garantire l’Imu sarà abolita e non ci sarà più nessun’altra imposta.” Continua l’ex premier:

barbara-durso-canale5

“Sarà il primo punto della campagna elettorale, tagliando le spese e gli sprechi e risveglieremo le imprese per favorire l’economia e ridurre il Pil.” Berlusconi dice che è ora di cambiare la politica, troppo maltrattata dal governo dei tecnici che ha seguito una strada troppo germanocentrica portando l’Italia alla recessione. “Io ho visto la faccia della gente, la pressione fiscale è troppo forte.Dalla sarta, al pizzaiolo, non ce la fanno” Afferma la conduttrice con faccia affranta. Gli italiani devono sapere come funzionano le decisioni politiche e parla di come funzionino i partiti, che devono associarsi per poter governare scendendo a un compromesso “I padri costituenti avevano paura che si facesse la dittatura e così il presidente del consiglio non ha possibilità di cambiare il ministro .E’ gravissima. E’ contro il funzionamento del governo. ” Berlusconi continua attaccando nuovamente la costituzione “Un povero presidente del consiglio a causa della corte costituzionale, si sente anche dire che ha fallito il suo mandato, ma come può farlo se la sinistra glielo impedisce.Dobbiamo cambiare la costituzione.Dobbiamo cambiare le regole di voto. Per far questo serve un partito con la maggioranza di voti. Devono capirlo gli italiani altrimenti resteremo un Paese ingovernabile” . Dopo questa ultima esclamazione si Berlusconi  la D’Urso orgogliosa di lavorare in una tv commerciale manda la pubblicità.

Riprende la trasmissione e la D’Urso parla della grande energia del presidente. Berlusconi  non vede soluzione, se non che Monti sia il candidato alla presidenza del consiglio. “Spero che dica sì, così vinceremo le elezioni” L’ex premier dice che la politica non gli è mai piaciuta “ma si deve fare, non voglio che il paese cada in mano alla sinistra. Quando un comunista incontra qualcuno che si oppone alla storia, lo elimina”. Berlusconi torna poi a scagliarsi contro i giudici che lo hanno condannato, a suo dire, con l’inganno e questa è la cosa che lo ha ferito di più. Barbara D’Urso dopo lo stacco pubblicitario parla col presidente del processo Ruby. Secondo Berlusconi su questa storia si è basata la diffamazione per far cadere il governo italiano, attaccandosi a notizie false e ringrazia le persone che gli sono state vicine visto che attraversava un brutto momento dovuto alla perdita dei suoi cari. “Lei è un gentiluomo, non ho niente da dire” dice la D’Urso. Berlusconi parla del rapporto con i suoi figli, di sua figlia Marina che gli sta molto vicino e rivela di essersi fidanzato con Francesca Pascale, una ragazza di 27 anni. “Aveva pagato un aereo con scritto <<Berlusconi ci manchi>> e poi l’ultima settimana divenne <<mi manchi>> .Parla del Milan “Dobbiamo ricostruire la squadra”. Berlusconi mostra in conclusione un grafico in cui sarebbero riassunte le cose positive dei suoi governi.

“Che fa a Natale?” Con questa ultima domanda scomoda e con il resoconto delle tradizioni natalizie in quel di Arcore si conclude l’intervista. Barbara D’Urso chiude, invitando a seguire, se ci va, la prossima settimana la sua trasmissione. La domanda sorge spontanea: abbiamo un così ardente desiderio di vedere una nuova puntata di Domenica Live? Forse, se controllate bene vi ricorderete che proprio domenica prossima dovete correre a comprare gli ultimi regali…

About Dario Ghezzi

Dario Ghezzi nasce il 28 Giugno 1988. Fin da bambino matura la passione per la scrittura e il mondo dell’arte. Dopo il Liceo Classico si iscrive alla facoltà di Letteratura musica e spettacolo dell’Università la Sapienza di Roma laureandosi nel 2011. Nel 2012 si iscrive alla magistrale di Cinema Televisione e Produzione Multimediale dell’università Roma 3 e nello stesso anno ha frequentato una scuola di recitazione. E’ autore di tre romanzi usciti con ilmiolibro.it

3 Comments

  1. wavettore

    dicembre 17, 2012 at 00:26

    La richiesta per nuove ed alternative forme di governo sara’ presto assordante. Infatti, il Comunismo e di recente anche il Capitalismo sono entrambi falliti per via della stessa malattia: la corruzione.
    In una nuova e duratura forma di governo, la Fiducia non potra’ piu’ essere una dei suoi componenti. Ogni sforzo dovrebbe essere intrapreso per formare un nuovo tipo di governo, con nuovi meccanismi, che non richiedera’ piu’ l’elemento della Fiducia o la promessa di un politico per garantire che la volonta’ della maggioranza sia sempre riflessa nelle leggi di quel governo. Questo sara’ un sistema che potra’ migliorare nel tempo la possibilita’ gia’ esistente di un tale governo strutturato oggi tramite l’uso dell’ Internet.
    Una nuova forma di governo Democratico e’ il Comutalismo.
    Comutalismo e’ un nuovo concetto di Democrazia senza politici che e’ organizzato tramite Internet e che bilancia i bisogni dell’Individuo con il Rispetto dell’Uguaglianza.
    Il Comutalismo e’ strutturato per provvedere i beni necessari alla sopravvivenza di ognuno ed introdurre al tempo stesso una nuova e trasparente forma di Capitalismo per tutti quei beni che sono in eccedenza e non necessari, come in un Mercato Aperto alla competizione dei beni superflui. Al fine della trasparenza questo nuovo tipo di Capitalismo regolerebbe che ogni singola transazione di beni o servizi sia riportata sul Net per divenire visibile da chiunque (proprio come una fattura fiscale resa pubblica) e tassabile alla sua origine con una percentuale fissa per tutti.
    In un tale sistema, tutti i beni privati ed i loro proprietari come anche le transazioni valutarie ed i passaggi di proprieta’ privata dovranno essere pubblicamente riportati sul Net. Questo servira’ ai fini di prevenire illecite transazioni e poter stroncare la corruzione tramite l’immediato confisco di quei beni non riportati.
    Inoltre, per ridurrere l’Avidita’ e risanare l’equilibrio finanziario nel Mondo, bastera’ eliminare il concetto di eredita’. La proprieta’ privata della gente tornera’ allo Stato alla morte di ciascuna persona per poi essere messa all’asta fra tutti i cittadini. La gente potra’ spendere quanto vorra’ per educare i propri figli ma eredita’ e donazioni non saranno permesse.
    Una volta che la sopravvivenza sara’ garantita per tutti non ci sara’ piu’ il bisogno di essere tolleranti con il crimine come e’ invece necessario esserlo oggi quando lo stesso crimine e’ una conseguenza del nostro sistema corrotto. Nel Comutalismo, il diritto alla proprieta’ dovra’ essere protetto e garantito anche per quelli che vorranno lavorare e barattare il proprio Tempo per ottenere di piu’ delle basilari necessita’ provviste dal sistema.

  2. Rossella

    dicembre 17, 2012 at 11:49

    Un’intervista su cui tanto si è detto e troppo si dirà. A me, francamente, non è dispiaciuta e penso che gli storici converranno con me. L’ho seguita quasi integralmente e mi piacerebbe sapere da qualche esperto della comunicazione come interpreta i dati auditel di questa mattina. Secondo me la gente di spettacolo si dovrebbe concentrare sul proprio lavoro e lasciare agli addetti ai lavori l’analisi della televisione. L’autocritica ha fatto grande l’Italia!

    • Dario Ghezzi

      dicembre 17, 2012 at 12:35

      Rossella, mi sono limitato a scrivere un resoconto di quanto detto da Berlusconi, senza scendere in pareri personali su quanto io possa pensare di lui o di Barbara D’Urso, ma quello che ho scritto è esattamente quanto successo, quanto detto dall’ex premier e dalla conduttrice, con tanto di mimica facciale, e ho riportato fedelmente le parole dei due come ad esempio “La gente non ce la fa, non ce la fa. Dal pizzaiolo, alla sarta” detto con enorme enfasi da Barbara D’Urso. Non è lampante solo a me che quella di ieri non sia stata una intervista, come ad esempio su pur edulcorata fu quella di Vinci alla Minetti, ma solo un monologo propagandistico di Berlusconi e i dati auditel, sorprendentemente dimostrano che l’ex presidente non attira più di tanto, visto che la media è stata quasi quella di tutte le domeniche, si è alzata solo di tre punti percentuali. E anche se fosse stato un boom di ascolti, non è detto che chiunque abbia visto il programma fosse totalmente a favore o totalmente in disaccordo con Berlusconi, ma vedere Domenica Live e quella pagina di televisione di ieri era un dovere civico a mio avviso, sotto qualsiasi punto di vista. Sta all’elettorato e al comune cittadino trarre le sue conclusioni…

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *