Giovanni Conversano si racconta in esclusiva a LaNostraTv: “Da gennaio avrò un programma tutto mio!”

By on dicembre 20, 2012
giovanni conversano presenta le selezioni pugliesi di Miss Italia

text-align: justify”>giovanni conversanoINTERVISTA ESCLUSIVA A GIOVANNI CONVERSANO. Calciatore nel reality “Campioni“, tronista a “Uomini e Donne” e poi tanto, tanto gossip e qualche scandalo. Conclusa la storia d’amore con Serena Enardu, nata nello studio di Maria De Filippi, negli anni il bel Giovanni ha collezionato copertine, su copertine accanto a donne più o meno note. Oggi, però, è tutto diverso grazie alla presenza della modella Giada Pezzaioli nella sua vita. Nell’intervista che abbiamo realizzato, l’ex tronista si racconta a noi de LaNostraTv dalla storia con Giada al suo impegno politico, dai rapporti con Lele Mora al suo prossimo progetto televisivo.

Un tempo per vederti bastava sfogliare un settimanale di gossip, adesso, invece, non è così semplice. Sono gli effetti dell’amore? Una maturità professionale? Cos’è cambiato?

giovanni-conversano-alla-presentazione-del-calendario-in-memoria-a-sarah-scazzi

Direi che è il corso della vita. Nella vita si fanno delle cose, poi se ne fanno delle altre. Si cambia, si matura, si cresce. Nulla stabilisce cosa è meglio o cosa è peggio. E’ vero, prima ero più in tv quindi aveva un senso andare sui giornali perchè avevo delle fidanzate popolari, oggi ha senso andare a parlare delle aziende di cui sono testimonial. Ormai viviamo in una società in cui regna il pregiudizio che è figlio dell’ingnoranza…

A proposito di pregiudizi… parliamo della tua candidatura alle elezioni amministrative del Comune di Lecce dello scorso maggio. Alcuni giornali hanno scritto di te “Dal trono alla politica“, come l’hai vissuta?

Purtroppo è la paura del diverso che noi abbiamo. Per quanto facciamo campagne contro il razzismo e parliamo di globalizzazione noi siamo razzisti e in qualche modo questa è una forma di razzismo. Sono un cittadino come tanti altri, nella mia vita non ho mai subito una condanna e vengo da una famiglia di persone per bene e rispettate, e non vedo il perchè io non possa rappresentare degnamente dei cittadini e fare i loro interessi. Questo è il motivo per cui la nostra società sta andando a rotoli: perchè viviamo nel pregiudizio. Il pregiudizio non fa crescere, il pregiudizio blocca, rallenta, ti mette in una condizione di avere paura di fare, di agire. Io mi vergognerei più ad essere raccomandato e a non essere valutato per le mie competenze. Gli alberi si giudicano dai frutti dal mio punto di vista.

Cosa ti ha spinto ad attivarti politicamente?

Quello che mi ha spinto è stato aver visto l’onorevole Pier Ferdinando Casini, che reputo una persona onesta e con una buona base culturale, chiedermi di impegnarmi per mia città, ed io ho fatto quello che ogni cittadino avrebbe fatto al mio posto, senza paure. Non sono gli 85 voti che ho preso che fanno la differenza:  in un partito che ha avuto una bassissima percentuale totale  io sono stato il quarto del mio gruppo malgrado fossi alla prima candidatura. Per me è stata una grande soddisfazione; non potevo certo pensare di essere eletto consigliere comunale senza un background politico.

Lasciamo da parte la politica. E’ vero cha a gennaio condurrai un nuovo format televisivo?

Sì, è vero da metà gennaio condurrò una trasmissione tv su una delle più importanti emittenti pugliesi. Si tratta di un format con un taglio prettamente giornalistico che si pone l’obiettivo di intercettare il senso di insoddisfazione della gente in tutti i settori della nostra società. Un programma impegnativo, non di facile produzione che ha un risvolto sociale.

In barba a chi contestava la tua relazione con la modella Giada Pezzaioli per la differenza di età sembra che tutto proceda alla grande, non è così?

Chi mi conosce sa bene che qualsiasi cosa io faccia non la faccio mai tanto per fare. Due anni fa mi sono messo contro tutto e tutti per difendere questo rapporto perchè ero convinto che sarebbe stato un rapporto importante e meritevole. La gente non la conosce, ma Giada è una ragazza più matura della sua età; naturalmente rispetto a una donna più grande ha meno esperienze però ci sono le basi, la volontà, l’educazione e i valori della donna che vorrei avere accanto per tutta la vita. C’è un forte sentimento, spero che il nostro amore possa crescere e maturare. D’altronde il fidanzamento è fatto per conoscersi, no?

Certo, ma circolano in rete delle foto di te e Giada in abiti nuziali: è solo lavoro o c’è sotto il desiderio di convolare a nozze?

E’ solo lavoro. Ci chiamano per le fiere degli sposi e ultimamente lavoriamo molto insieme. Non è facile perché questo spesso crea un pò di invidia, ma noi l’abbiamo messo in conto.

Lele Mora, con cui tempo fa hai avuto degli attriti sfociati poi in una denuncia per diffamazione da parte tua ai danni dell’ex agente dei vip, è tornato in libertà. Hai avuto modo di vederlo o di sentirlo?

Nè visto, nè sentito. Sinceramente non mi interessa, voglio stare fuori da certi ambienti. Io ho tutelato la mia persona dalle sue accuse, ho chiesto 200 mila euro di danni, che devolverò interamente in beneficenza, c’è stato il rinvio a giudizio, insomma vedremo.

Nell’intervista di due anni fa abbiamo parlato della tua partecipazione al calendario in memoria alla piccola Sarah Scazzi, il cui ricavato avrebbe dovuto finanziare il progetto di un canile. Com’è andata poi a finire?

Purtroppo, la campagna denigratoria svolta da chi ha strumentalizzato l’iniziativa per ottenere riscontri mediatici non ha permesso la realizzazione di un progetto meritevole.

About Taty Rossi

Nata a Milano sotto il segno dei Pesci, ha origini eritree, una pelle color cannella e si definisce "un'amante della parola". Ha studiato recitazione e conduzione televisiva presso il Centro Teatro Attivo di Milano poiché teatro, cinema e televisione sono le sue più grandi passioni. Oggi cura i servizi esterni del programma "Live In Style" in onda ogni venerdì alle 18.15 su 7Gold.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *