Il Fatto Quotidiano sbarca in tv: quello che la stampa non dice

By on dicembre 11, 2012
Logo Il Fatto Quotidiano

text-align: center”>Il Fatto Quotidiano in tv con uno speciale sulla stampa

IL FATTO QUOTIDIANO si conferma ancora una volta un periodico capace di andare oltre, scandagliare i segreti più inconfessabili, analizzare i fatti dal di dentro con uno speciale che approderà direttamente in tv che tratterà proprio l’argomento tanto discusso relativo alla stampa nazionale: Quello che la stampa non dice. Quanto costa la libertà? E per libertà si intende la libertà di stampa, quella sancita dall’articolo 21 della Costituzione in cui si cita testualmente che “La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure”. In un’Italia tanto impegnata a discutere e dibattersi sull’arresto del direttore de Il Giornale Alessandro Sallusti come al solito, si tende a sviare il problema principale e viene detto davvero poco invece delle censure, degli intrecci di potere e scoop giornalistici mai andati in onda e rimasti all’oscuro dell’opinione pubblica, in particolare quello relativo al baratro economico e il degrado morale che ha coinvolto l’intera penisola. E’ mai possibile che sia stato un evento arrivato dal nulla?

“CONOSCERE PER DELIBERARE”, è proprio da questo principio democratico di Luigi Enaudi che parte questo speciale de Il Fatto Quotidiano che porterà alla ribalta fatti scabrosi taciusi e mai presentati dalle tv nazionali e dai maggiori quotidiani,  così come interviste pilotate e servizi taroccati, in onda domani 12 dicembre in prima serata in streming sul Il Fatto Quotidiano Tv e sulle emittenti locali in cui ci saranno tanti ospiti tra cui imprenditori, editori e grandi firme del giornalismo che si confronteranno su questo annoso problema che vede l’Italia, paese democratico come sancito dalla nostra Costituzione che però è sprofondata al 61esimo posto nella Libertà di stampa nel 2012 (era al 50esimo) secondo la classifica stilata da Reporter senza frontiere.

antonio-padellaro

E proprio in virtù di questa situazione Il Fatto Quotidiano tratterà approfonditamente l’argomento, tra censure e autocensure, mettendo in risalto anche le esperienze di giornalisti e blogger che non hanno voluto sottostare al sistema. Interverranno Antonio Padellaro, Marco Travaglio, Peter Gomez, Milena Gabanelli, Riccardo Iacona, Carlo Freccero, Angela Corica, Oscar Giannino, Beatrice Borromeo, Piero Ricca, Gianluigi Nuzzi, Marco Colombo della Bbc e tanti altri.

Le reti regionali che trasmetteranno l’evento in onda domani sera alle 21 saranno le seguenti: per il Piemonte Videogruppo; per la Lombardia Telelombardia; nel Veneto Telenordest; nel Trentino Rttr; in Friuli Venezia Giulia Telequattro; per l’ Emilia Romagna E’tv; in Toscana Rtv 38; in Liguria Primocanale; per l’Umbria Umbria Tv; nelle Marche Tv Centro Marche; per il Lazio RomaUno; in Abruzzo Rete 8; per la Campania Napoli C21; in Calabria VideoCalabria; in Puglia, Basilicata e Molise Telenorba; in Sicilia  Antenna Sicilia; per la Sardegna Videolina.

Appuntamento dunque domani sera 12 Dicembre alle 21 per una pagina importanza del servizio pubblico in cui si cercherà di capire veramente i responsabili di tale censura: solo gli editori e i giornalisti oppure anche la stessa opinione pubblica che preferisce essere tenuta all’oscuro degli intrighi di potere preferendo una stampa più rassicurante e in linea con l’evasione?

 

 

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *