La7, presentate le offerte d’acquisto. Stella lascia la presidenza

By on dicembre 6, 2012

text-align: center”>La7 in vendita: Stella lascia la presidenza

Prosegue la lunga trafila per la vendita di La7: per l’emittente di Telecom Italia Media e le sue frequenze di trasmissione sono state presentate le offerte vincolanti d’acquisto. In quest’ultima fase il fondo d’investimento Equinox si è affiancato al gruppo Clessidra per rilevare l’intero pacchetto, mentre un’altra offerta è stata presentata da Urbano Cairo, già concessionario pubblicitario per l’emittente tv, che però ha avanzato una proposta d’acquisto solo per La7 e non per gli impianti di trasmissione. In corsa c’erano anche gli americani di Discovery Channel e i cinesi del colosso della telefonia H3G, che si sono defilati nella corsa a TI Media. Secondo Il Sole 24 Ore, il fondo Clessidra di Claudio Sposito e Alessandro Grimaldi avrebbe offerto per TI Media 300 milioni di euro, mentre Cairo avrebbe messo sul banco una cifra inferiore ai 100 milioni di euro.

Il magnate franco-tunisino Tarek Ben Ammar, già consigliere di amministrazione di Telecom Italia e di Mediobanca, ha invece annunciato che non ha intenzione di concorrere per l’acquisto di La7, nè di Mediaset Premium: La7 non la comprerei perché non hanno bisogno di me: mi risulta che ci siano offerte e sono contento che ci sia chi la vuole comprare”. Ben Ammar ha invece acquistato la più importante rete televisiva di news tv egiziana OnTv da Naguib Sawiris, mentre si appresta ad investire  anche in italia: “Farò un’offerta se ci sarà l’asta sul digitale televisivo terrestre“, ha dichiarato. Intanto, nella già delicata fase di valutazione delle offerte, irrompe la notizia dell’abbandono di Giovanni Stella, che lascerà entro fine anno la presidenza di La7 dopo aver precedentemente ricoperto il ruolo di Amministratore Delegato della controllante Telecom Italia Media.

E’ stato Stella a portare su La7 volti di punta come Michele Santoro, che ogni giovedì garantisce a La7 uno straordinario risultato d’ascolto a due cifre (la media si attesta intorno al 12% di share), ma già da tempo si rincorrevano voci sui rapporti burrascosi con il gruppo TI Media. L’annuncio della separazione è arrivato dal presidente Severino Salvemini, che ha sottolineato come la scelta sia avvenuta in pieno accordo fra le parti. Secondo indiscrezioni di stampa, invece, Stella avrebbe lasciato la poltrona in risposta alle richieste pressanti dell’azionista di controllo che chiedeva da mesi un taglio drastico dei costi di produzione, in particolare dei compensi di alcuni anchorman della tv (che si tratti proprio di Santoro?). A ventilare l’ipotesi di una rottura burrascosa è stato il Messaggero, secondo il quale questa circostanza (che ha generato subito importanti flessioni del titolo in Borsa), potrebbe far vacillare il percorso della vendita dell’emittente. Spetta ora al Consiglio di amministrazione di Telecom valutare le offerte d’acquisto: l’assemblea potrebbe accettare una delle due proposte o azzerare tutto e ripartire da capo, anche se quest’ultima ipotesi risulta assai improbabile.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *