Massimo Boldi a Cielo che Gol: “Sono il precursore del Telepanettore. Dico addio a De Sica”

By on dicembre 23, 2012
massimo boldi cielo

text-align: justify”>massimo boldi cielo

MASSIMO BOLDI INTERVISTATO A CIELO CHE GOL! – Ospite di quest’ultima puntata del 2012 di Cielo che Gol è stato Massimo Boldi che, durante l’‘intervista tenuta dalla conduttrice Simona Ventura, ha rilasciato delle dichiarazioni a cui vale la pena dare un’occhiata. Argomento cardine è stato ovviamente il successo in fatto di ascolti del suo ultimo lavoro cine-televisivo dal titolo “Natale a 4 Zampe”, andato in onda ieri in prima serata su Canale Cinque. Boldi ha parlato inoltre della “concorrenza” natalizia di Checco Zalone, i Soliti Idioti e dell’ex-compagno di merende Christian De Sica.

Questa, la prima tranche delle sue dichiarazioni nel programma calcistico di Cielo:

Sono nato per far ridere: lo faccio da 40 anni e sono felice quando arrivano soddisfazioni come quella di ieri sera. Il telepanettone è una vera novità, ci abbiamo creduto e spero di rifarlo… Non siamo usciti al cinema perchè c’è la Crisi e quindi con Mediaset abbiamo deciso di “regalare” il film alla tv. Io sono stato un apripista quest’anno: chissà quanti altri faranno la stessa cosa…

Sfatiamo qualche piccolo mito. E’ vero che sono 40 anni che fa questo mestiere ma sul fatto che sia riuscito sempre a far ridere non ci mettemmo mai la mano sul fuoco: spesso infatti la critica cinematografica (e anche quella televisiva) si è spesso scagliata contro le pellicole di Boldi, giudicate volgari e trash. Nell’immaginario comune, lo stesso termine Cinepanettone è sinonimo di trashume da grande schermo.

Ci sarebbe anche da assodare il suo auto-affermarsi come l’apripista dei telepanettoni. Purtroppo per Boldi, i telepanettoni (intesi come film-tv a tema natalizio) vanno in onda già da alcuni anni: ricordiamo i film della coppia Lino Banfi – Gerry Scotti “Il mio amico Babbo Natale” da cui è stato tratto il sequel “Il mio amico Babbo Natale 2” oppure il recentissimo telepanettone di SKY “Un Natale per Due” con Alessandro Gassman e Enrico Brignano.

Il cipollino poi ha parlato dell’affinità di coppia mai più corrisposta con Christian De Sica:

Ho deciso che non voglio più fare film con Christan De Sica. Da parte mia c’è sempre stata la volontà di tornare assieme, dall’altra sempre un muro. Questo è strano perchè il pubblico vorrebbe un nostro ritorno e io avrei già l’idea per un bel film… Ho visto in anteprima “Colpi di Fulmine” (il film con cui De Sica è attualmente al cinema, ndr.)… e si vede che gli serve una spalla.

Da spettatore di “Natale a 4 Zampe” però, ci viene da dire che anche Boldi ha bisogno della solida spalla di De Sica visto che il telepanettone di Canale Cinque è risultato molto lento. Basti pensare al mix di: una serie di battute e gag ormai usurate, la presenza di sottotrame iniziate e mai finite e, in ultimo, la presenza dei cani puramente come sfondo (e quando diventano protagonisti, vengono usati come pretesto per prendere in giro i Cesaroni).

A questo si aggiungono le performance recitative non proprio eccellenti di alcuni del cast e la trama costellata di elementi che rendono il film non adatto a tutta la famiglia: dai figli che mandano a fan**lo i propri padri agli stessi padri che cercano di mettere i bastoni fra le ruote ai  loro figli pur di raggiungere propri obiettivi (costruire una discoteca).

Tornando all’intervista, Massimo Boldi ha giustamente citato le giovani leve del film di Natale:

I Soliti Idioti sono i più forti… E Checco Zalone: lui è  un fuoriclasse anche se deve ancora trovare il tiro giusto…

Questo è tutto. A voi le conclusioni.

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *