Sanremo 2013, perchè i giovani d’oggi criticano il Festival?

By on dicembre 13, 2012
Fabio Fazio condurrà il Festival di Sanremo 2013

text-align: center”>Fabio Fazio condurrà il Festival di Sanremo 2013

L’attesa è finita. Poche ore fa, il presentatore Fabio Fazio ha annunciato, attraverso i microfoni del Tg1, i 14 concorrenti del Festival di Sanremo 2013. Spazio ai giovani ma senza escludere le vecchie glorie, come Elio e le Storie Tese. Non poteva mancare all’appello la vincitrice dell’ultima edizione di X Factor, Chiara Galiazzo, poiché ormai si sa, dopo il talent l’accesso a Sanremo è quasi automatico. Non mancherà all’appello neanche una vecchia conoscenza di X Factor, Marco Mengoni. Annalisa Scarrone invece approda al Festival dopo la sua partecipazione ad Amici. Tornano sul palco dell’Ariston Max Gazzè, Daniele Silvestri, Elio e le Storie Tese, Malika Ayane, Raphael Gualazzi, Simone Cristicchi e i Modà. Parteciperanno a questa edizione, con grande sorpresa, anche Marta sui Tubi, band decisamente poco sanremese. Infine rientrano nella lista dei 14 selezionati, anche Almamegretta, Simona Molinari e Maria Nazionale. Un team di cantanti sicuramente variopinto, certamente la scelta di Fazio è stata molto accurata.

Gli ascolti del Festival, giunto ormai alle 63° edizione, non hanno mai deluso le aspettative, anche perché durante le giornate “calde” ogni tipo di concorrenza viene azzerata. Le altre reti non se la sentono di tentare di competere con una manifestazione così solida e antica, perciò propongono repliche o programmi minori, quasi come forma di rispetto nei confronti di una tradizione. Basti pensare che anche il Grande Fratello di Canale 5, registra ascolti davvero deludenti e in calo rispetto alle altre puntate, quando si trova a doversi scontrare con la kermesse musicale. Eppure il programma sembra che non riesca più a catturare i giovani. Perchè?

Nel corso degli anni, l’elemento musicale è stato affiancato da una cornice di ospiti internazionali e non, i quali stanno lentamente portando in secondo piano le canzoni in gara. L’introduzione del televoto, abbinato ad una giuria, non ha fatto che penalizzare il Festival, poiché l’elemento della giuria appare senza ombra di dubbio più professionale e imparziale, mentre la votazione da casa è un elemento assolutamente ambiguo, e negli ultimi anni sembra giovare solamente ai concorrenti reduci di talk show come Amici o X Factor, poiché presentano già un numero considerevole di votanti. L’introduzione del famoso “ripescaggio”, ha contribuito certamente ad ottenere un programma di una lunghezza davvero eccessiva, e anche ciò tende a scoraggiare il pubblico più giovane. Poco spazio alla musica, che appare di un profilo sempre meno ricercato, e  tanto agli ospiti internazionali, al cabaret, alle immancabili vallette svestite e alle polemiche che si ripetono anno dopo anno. Il programma appare più incentrato sulle curve delle presentatrici che sulle canzoni in gara. Forse il problema si trova a monte; la desolazione musicale che si trova sempre più spesso all’interno del programma non è altro che lo specchio del panorama artistico del nostro paese.

Simona Berterame

About LaNostraTv Redazione

One Comment

  1. zoil

    dicembre 14, 2012 at 10:46

    Daniele Silvestri a Sanremo! Era dal 2007 che non partecipava, sono sicuro che farà fare un salto di qualità al Festival

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *