Sara Tommasi malata, la dichiarazione di Don Mazzi: “La mia pecorella si trova in purgatorio”

By on dicembre 3, 2012
Sara Tommasi Malata

text-align: justify”>Sara Tommasi Malata

Sara Tommasi ha intrapreso un percorso di guarigione fisica, mentale e spirituale: sta lottando duramente contro la sua dipendenza alle sostanze stupefacenti, che l’hanno danneggiata gravemente, conducendola non di certo sulla strada della santità. Ha più volte affermato di non poter fare a meno di “distrarsi” assumendo droghe, e che se si è resa protagonista di episodi poco piacevoli e molto imbarazzanti, la colpa è da imputare solo ed esclusivamente a quello che ingeriva. I due film a luci rosse, poi, lei non li avrebbe mai e poi mai voluti girare, però è stata in un certo senso indotta a farli, lasciando che la sua volontà venisse piegata: una questione, questa, che non è ancora molto chiara. Sara si è accorta che quello che ultimamente faceva la stava distruggendo sempre più, e che così facendo bruciava anni e anni della sua vita spesi a studiare sui libri (ha una laurea in Economia alla Bocconi) e spesi anche ad apprendere i segreti della recitazione (ha il diploma di recitazione e dizione al Cta di Milano e ha fatto uno stage all’Actors Sudio di New York). La Tommasi si è quindi messa in discussione affidandosi alle cure dell’anima di Don Matteo Mazzi, il quale afferma di voler condurre la trentunenne al paradiso; anche se il cammino è lungo e pieno zeppo di pericoli.

sara-tommasi-cartellone-pubblicitario

Don Mazzi, nella sua rubrica “Persone&Fatti secondo coscienza” di Gente (in uscita prossimamente nelle edicole), ha dedicato un articolo interamente a Sara Tommasi, iniziando col dire che è davvero da irrispettosi e da insensibile diffondere il secondo film piccante della ragazza, ora che vive un periodo di profonda crisi:

“Mentre cerco di far ragionare Sara Tommasi che deve passare dall’inferno al purgatorio (per il momento accontentiamoci pure del purgatorio), senza nessun briciolo di pietà viene messo in circolazione il suo ultimo ‘filmino’. Il suo dolore e la sua malattia l’hanno totalmente debilitata. Lei, ora come ora, non è altro che un’immagine spenta di sé stessa”.

Matteo Mazzi poi parla anche dell’intervista che ha fatto a Sara a Domenica In, specificando che non l’ha fatto assolutamente per far aumentare gli ascolti al programma:

“Mai mi è passato per la mente di abusare del viso dolce e disorientato di Sara per secondi fini”.

La stessa accusa (cioè quella di usare la showgirl come mero mezzo per essere seguiti) è stata mossa nei confronti di Simona Ventura, la quale, tenendo molto alla giovane, come se fosse sua figlia, le ha offerto un posto di lavoro di tutto rispetto.

Don Matteo Mazziche ha preso sotto la sua ala protettrice anche Lele Mora – crede comunque che ha buone possibilità di ricondurre la Tommasi sulla retta via, e confida però anche nella potenza divina, un aiuto sempre utilissimo:

“Lei mi ha promesso che non deve bluffare. La speranza è sempre l’ultima a morire, e perciò dico a Sara e alla sua mamma, così preoccupata per la condizione psico-fisica della figlia: ‘Lotteremo insieme, e che la Madonna di Medjugorje faccia l’ultimo miracolo”.

About Pascal Ciuffreda

Classe 1992, un ragazzo come tanti, ma con un’ingovernabile voglia di comunicare scrivendo. Studente di filosofia con diverse passioni: divorare libri senza pregiudizi, seguire qualsiasi tipo di programma televisivo (da quelli incentrati sulla cultura a quelli più trash), ascoltare tanta musica, e scrivere articoli sui più svariati argomenti. Puzza sotto al naso, mai; entusiasta sempre di sperimentare e sperimentarsi. Il suo motto? Vivere militare est.

2 Comments

  1. Matteo

    dicembre 5, 2012 at 18:02

    Vai Sara, questa è la strada giusta. Sei 1 milione di volte più bella così. Sono con te!

  2. Pascal Ciuffreda

    dicembre 5, 2012 at 18:41

    Speriamo che sia davvero convinta. Lo spero per lei, visto che ha toccato veramente il fondo.

    Pascal Ciuffreda

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *