The Voice Italia: parte in anticipo la promozione del talent show musicale di Rai Due

By on
The Voice

text-align: center”>The Voice

THE VOICE ITALIA – Sarebbe dovuto andare in onda su Rai Uno e condotto da Carlo Conti, ma il direttore generale Lorenza Lei ha spento tutte le speranze del direttore generale di Rai Uno Leone, e della Toro Produzioni per gli eccessivi costi di realizzazione. Stiamo parlando del nuovo talent show musicale in versione italiana, The Voice, talent tra i più seguiti al mondo (sono 13 i paesi che attualmente lo trasmettono), destinato così alla seconda rete pubblica, anche se lo stesso Leone ha ribadito che se nel caso dovesse avere un ottimo riscontro su Rai Due, ha tutte le intenzioni per riprenderlo e mandarlo in onda sulla rete che dirigerà ufficialmente dal 1 gennaio prossimo.

LA PROMOZIONE DI THE VOICE AL TG1 – Quindi, nonostante quanto detto, durante il Tg1 delle 20 di venerdì 21 dicembre è stato fatto un servizio sul talent che andrà in onda in primavera (probabilmente dal 19 febbraio al 14 maggio, per 13 puntate), e questo in Rai può essere considerato un piccolo evento dato che in passato altri talent non sono mai stati sponsorizzati su un’altra rete rispetto a quella di messa in onda e soprattutto in così largo anticipo. Difficilmente, infatti, è successo che tra reti della stessa azienda pubblica ci si spalleggiasse per una nuova produzione. Evidentemente scottati dai passati insuccessi e chiusure anticipate di programmi, si sono decisi a fare ciò che è giusto, cioè fare la pubblicità di cui necessita ogni programma per essere lanciato nel modo giusto. È anche questo il motivo per cui negli altri paesi, come negli Stati Uniti, i programmi hanno un successo enorme e lo stesso programma in Italia appare quasi sconosciuto, proprio grazie alla tanta pubblicità che gli viene fatta.

carra1

LA PRIMA APPARIZIONE UFFICIALE DEI 4 GIUDICI – Nel servizio di Vincenzo Mollica non solo vengono mostrate le prime immagini della scenografia, ma tutti hanno potuto avere un primo approccio con i quattro giudici, per la prima volta assieme in via ufficiale. Saranno infatti Raffaella Carrà, Noemi, Piero Pelù e Riccardo Cocciante in 4 giudici del talent, che hanno voluto fare gli auguri di Natale al pubblico, ma soprattutto per ricordare l’appuntamento con il programma di punta della prossima stagione di Rai Due, che li vedrà assoluti protagonisti soprattutto nella prima fase del programma, sperando che siano alla pari di Shakira, Usher, Adam Levine e Blake Shelton della versione americana. Dopo aver finalmente definito i giudici, è stato ufficializzato da Leone, che sarà Fabio Troiano a guidare il programma nelle vesti inedite di conduttore, che nelle prime puntate registrate avrà un ruolo quasi marginale come avviene per X-Factor di Sky e Italia’s Got Talent di Canale Cinque, ed un ruolo più incisivo per le puntata in diretta.

LA STRUTTURA DI THE VOICE – Il ciclo di 13 puntate consta di tre fasi: le audizioni al buio (Fase Blind) registrate e montate in 4 puntate, le gare a due (Fase Battle) registrate e montate in 3 puntate e le esibizioni dal vivo (Fase Live Show) appunto in diretta per le restanti 6 puntate. Oltre al cast dei giudici Big, il programma si avvarrà della collaborazione di un’orchestra live e della presenza di una guest star, che vestirà il ruolo di coach, uno diverso per ogni puntata. Una struttura importante, che richiede un investimento molto grande, con lo scopo fondamentale e l’esigenza di riaccendere una rete come Rai Due, che per troppo tempo è stata quasi oscurata dall’ammiraglia.

Lo show rivelazione degli ultimi anni ideato da John De Mol è molto forte, si è partiti con il piede giusto, bisogna enfatizzare il tutto, creare attesa e curiosità per l’evento e se la sua promozione continua ad essere come questa potremo aspettarci, per la prima volta da parte della Rai, un bel programma confezionato in tutti gli aspetti nel modo giusto. Però prima di convincere gli spettatori, la strada da percorrere è ancora lunga e non si può certo nascondere che è il pubblico a decidere sul destino di un programma.

About Paolo Mastromarino

Paolo Mastromarino (Classe 89) nato a Castellana Grotte (Bari), laureato in Scienze della comunicazione culturale e forme dello spettacolo presso l'università Lumsa di Roma, ad ora iscritto al corso di laurea magistrale in Produzione di testi e format per l'audiovisivo. Mi piace scrivere e da sempre sono appassionato di televisione, programmi televisivi e fiction, insomma mondo dello spettacolo in generale. Trovo molto interessante studiare il mondo televisivo straniero, soprattutto britannico e americano
Articolo aggiornato il

One Comment

  1. marco

    gennaio 7, 2013 at 13:21

    Credo che sarà un talent che avrà molto riscontro visto le novità che introduce e la caratura dei giudici

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *