Un Minuto per Vincere: la critica stronca la conduzione di Nicola Savino

By on
un minuto per vincere savino

text-align: justify”>un minuto per vincere savino

UN MINUTO PER VINCERE non convince la critica televisiva – Risorto dalle ceneri del flop targato Max Giusti, due settimane fa “Un Minuto per Vincere” è tornato sui palinsesti di RaiDue alla cui conduzione troviamo l’irriverente Nicola Savino. Ve ne abbiamo già parlato, annunciandovi anche il momentaneo spostamento di palinsesto (dal giovedì al mercoledì) per fiondarsi contro il confronto politico Renzi – Bersani: insomma, Savino si è prestato a fare da kamikaze. Un gesto da lodare direte voi, no? E invece la critica televisiva non guarda in faccia a nessuno e, proprio su questo game show, si sono scatenati feroci editoriali giornalistici.

Il primo che vi segnaliamo è stato pubblicato su “Il Fatto Quotidiano” dove Luigi Galella commenta in questo modo il programma con un articolo dal titolo “Un minuto per vincere e… uno per sparire nel nulla”:

RaiDue, la rete in cui viene programmato “Un Minuto per Vincere”, più che un valore aggiunto costituisce oggi un freno al successo… Poi c’è il problema della conduzione: Nicola Savino è una persona simpatica e garbata ma priva di peso. Una caratteristica comune a molti conduttori di nuova generazione… Sono sovraesposti per il ruolo che esercitano e finiscono per essere i massimi responsabili, nel bene o nel male, della riuscita dei programmi. Una simpatia (quella di Savino, ndr) non sostenuta da autorevolezza, negli implacabili tempi televisivi, che si trasforma quasi in disvalore. Non basta avere una bella faccia e sorridere al momento giusto: c’è bisogno di personalità, parole, talento, cultura e ironia anche nel più leggero dei game show.

Altre critiche alla conduzione del programma vengono poste dal quotidiano gratuito “Leggo” che, in un editoriale di Fabio Maccheroni dal titolo “Un Minuto per Vincere e due ore di noia”, così commenta il game show di Rai Due:

Game Show o game sciocco. Ma i soldi messi in palio ad “Un Minuto per Vincere” sono veri. Vero pure il conduttore, Nicola Savino, anche se per roba del genere andrebbe bene bassa manovalanza, mentre Savino dà l’impressione di prendere troppo sul serio la prima serata: quasi si presenta coi guanti bianchi… Inoltre, non essendo previste ospitate di alcun genere, due ore di questo show finiscono per conciliare il sonno. Anche grazie alla monotona voce fuori campo che sembra un Tom Tom. Magari come preserale potrebbe funzionare meglio.

Insomma, “Un Minuto per Vincere” non convince. Adesso però vogliamo un giudizio dai nostri cari lettori: a voi piace “Un Minuto per Vincere”? E quali migliorie apportereste al programma?

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.
Articolo aggiornato il

One Comment

  1. Rossella

    novembre 27, 2013 at 21:41

    Mi sembra un programma gradevole, avrebbe un risvolto ansiogeno, è un game, ma la conduzione di Savino lo rende a prova di mamma! La conduzione è tutto in alcuni casi, penso al Capodanno di Rai Uno… voglio Carlo Conti! Non se ne sa nulla? Strano! Che dire? Voglio carlo Conti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *