Augusto Minzolini indagato per abuso d’ufficio: non reintegrò la Ferrario al Tg1

By on gennaio 27, 2013
augusto-minzolini-indagato

text-align: center”>Minzolini indagato per il mancato reintegro della Ferrario

Augusto Minzolini tornerà di fronte ai magistrati. Ancora. Stavolta non c’entrano le spese folli con la carta di credito aziandale della Rai (per cui è accusato di peculato), ma l’inchiesta disposta dalla procura di Roma a seguito della denuncia presentata dalla giornalista Tiziana Ferrario: l’ex direttore del Tg1 non la reintegrò nell’organico redazionale nonostante due ordinanze del tribunale del lavoro avessero stabilito il diritto della giornalista a tornare a svolgere la sua mansione. La Ferrario denunciò Minzolini sia in sede civile che penale: il pm Colacicco lo convocherà in Procura per chiudere quanto prima il fascicolo d’indagine, aperto nel settembre 2011, che lo vede indagato per abuso d’ufficio e per la mancata applicazione della sentenza di reintegro emessa dal tribunale del Lavoro.

Augusto Minzolini nel frattempo è stato rimosso dalla direzione del Tg1 e si è candidato alle elezioni politiche con il Partito della Libertà di Silvio Berlusconi (corre per un seggio al Senato in Liguria), mentre Tiziana Ferrario sta per tornare al Tg1 nell’ambito del nuovo piano predisposto dal direttore Orfeo. La vicenda però è ancora aperta in sede penale. Secondo Il fatto quotidiano, non esiste ancora una data certa per la convocazione di Minzolini in Procura, ma ad accelerare i tempi è stata una relazione della Guardia di Finanza che ha ricostruito la continuità temporale tra le scelte di Tiziana Ferrario in merito alla linea editoriale di Minzolini e la decisione di quest’ultimo di rimuoverla dal suo storico ruolo di conduttrice e inviata speciale.

Augusto Minzolini dovrà rispondere presso il tribunale penale di Roma dell’accusa di abuso d’ufficio per i provvedimenti messi in atto nei confronti della Ferrario. In sede civile, già due sentenze hanno riconosciuto la volontà censoria dell’allora direttore del Tg1 nei confronti della giornalista: una discriminazione politica dovuta all’opposizione della Ferrario alla linea editoriale di Minzolini, all’adesione della stessa alla protesta sollevata dal Cdr per rivendicare maggiore pluralismo ed imparzialità e alla sua presa di distanza rispetto al documento di sostegno alla direzione di Minzolini. Intanto l’ex retroscenista della Stampa si prepara ad entrare in Parlamento: “Mi sentivo emarginato, messo da parte: ora avrò l’occasione di poter dire la mia” ha dichiarato in merito alla candidatura con il Pdl.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *