“Chi l’ha visto?”, anticipazioni puntata del 30 gennaio: tracce di DNA potrebbero inchiodare l’assassino di Serena Mollicone

By on gennaio 29, 2013

text-align: center” align=”JUSTIFY”>Federica Sciarelli

Nuovo appuntamento mercoledì 30 gennaio alle 21.05 su Raitre con “Chi l’ha visto?, il programma dedicato alla scomparse e ai misteri insoluti condotto da Federica Sciarelli e trasmesso dallo studio 2 del CPTV della Rai di via Teulada a Roma che questa settimana tornerà ad occuparsi dell’omicidio di Serena Mollicone, uno dei delitti più atroci degli ultimi anni. La ragazza è scomparsa da Arce, un piccolo centro in provincia di Frosinone, il 1° giugno 2001. Il suo corpo è stato rinvenuto due giorni dopo tra le sterpaglie ai margini del bosco di Anitrella, con la testa infilata in un sacchetto di plastica e le mani e i piedi legati: una vera e propria esecuzione. Secondo i primi accertamenti la ragazza è stata tramortita con un forte colpo alla testa e trasportata nel bosco ancora in vita. Il medico legale che ha eseguito l’autopsia non ha riscontrato sul suo corpo alcun di violenza sessuale o di colluttazione. Serena è morta per asfissia: ad ucciderla è stato il sacchetto di plastica che l’assassino ha usato per coprirle la testa.

chi-l-ha-visto-federica-sciarelli-raitre

CHI HA UCCISO SERENA MOLLICONE? La storia dell’omicidio di Serena è piena di misteri: quando è stata uccisa la ragazza non aveva con se il suo cellulare. Il padre lo ha trovato in un cassetto della scrivania diversi giorni dopo il ritrovamento del suo cadavere. E’ stata Serena a lasciarlo in quel cassetto oppure il suo assassino è entrato in casa e lo ha deposto lì appositamente per farlo ritrovare? Nello stesso cassetto, dieci giorni dopo, è stata trovata una bustina contenente hashish. Si è subito ipotizzato un tentativo di depistaggio. Alcuni mesi dopo Carmine Belli, 36 anni, carrozziere, è stato fermato dalla polizia perchè in possesso di un biglietto scritto dalla ragazza ma poco tempo dopo le accuse contro di lui sono cadute.

UN TRAGICO EPILOGO. Nell’aprile del 2008 Santino Tuzzi, un brigadiere dei carabinieri, si è ucciso con la pistola d’ordinanza quattro giorni dopo aver testimoniato di aver visto la ragazza entrare in caserma il giorno della scomprsa. Il 27 giugno 2011 cinque persone sono state iscritte nel registro degli indagati. Si tratta dell’ex maresciallo dei carabinieri di Arce Franco Mottola, suo figlio Marco, un altro carabiniere, Francesco Suprano, l’allora fidanzato di Serena, Michele Fioretti e la madre del ragazzo, Rosina Partigianoni che presto saranno sottoposti al test del DNA il cui esito sarà confrontato con gli elementi trovati sugli indumenti che la ragazza indossava al momento dell’uccisione, sullo scotch e sul filo di ferro che l’assassino ha usato per legarne il corpo.

LA SCOMPARSA DI ROBERTA RAGUSA. Mercoledì 30 gennaio a Chi l’ha visto? si parlerà ancora della scomparsa di Roberta Ragusa. Dopo le perlustrazioni degli speleologi nelle caverne dei Monti Pisani, i sommozzatori hanno iniziato ad ispazionare i fondali del lago di Massaciuccoli. E’ lì che un pescatore ha affermato di recente di aver scorto qualche tempo fa una testa affiorare e sprofondare successivamente di nuovo nei fondali del lagoAntonio Logli, il marito, è tuttora indagato dalla Procura di Pisa per omicidio volontario e occultamento di cadavere. A cercare Roberta sono in migliaia ma finora della donna non è stata trovata alcuna traccia. Le ricerche effettuate dai sommozzatori sono partite proprio dal punto dove ha avuto luogo il presunto avvistamento ma almeno per il momento non hanno dato esito. Gli stessi sommozzatori, tuttavia, hanno affermato che si tratta di una ricerca molto complessa a causa della scarsa visibilità e per i fondali melmosi del lago.

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come Uno Mattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In, affiancando la passione per il piccolo schermo a quella per la scienza, che ha sempre caratterizzato il suo percorso di studi. Caporedattore de LaNostraTv dal 2014 al 2017, è il Responsabile Editoriale del sito.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *