E’ morta Mariangela Melato: la celebre attrice italiana era malata da tempo

By on gennaio 11, 2013
Mariangela Melato

text-align: justify”>Mariangela MelatoLutto nel mondo dello spettacolo: si è spenta all’età di 71 anni Mariangela Melato, la celebre attrice italiana che si impose al grande cinema negli anni 70′ ma non solo. L’attrice milanese era malata da tempo al pancreas e si è spenta questa mattina in una clinica romana. Una grave perdita nel mondo della recitazione italiana. L’ultima apparizione in tv è stata nel 2010, e in replica durante le ultime vacanze natalizie, su Rai 1 in “Filumena Marturana” con Massimo Ranieri. L’attrice ha collezionato nella sua celebre carriera cinque David di Donatello, cinque Nastro d’Argento, un Globo d’Oro e l’onorificenza di Commendatore al merito della Repubblica Italiana. Premi che testimonano la grande carriera e la bravura di Mariangela Melato.

mariangela-melato-attrice-italiana

La carriera di Mariangela Melato parte nel 1963 collaborando con Dario Fo con cui lavorò fino al 1965. Nel 1970 il debutto cinematografico nel film di Pupi Avati “Thomas e gli indemoniati” e nei primi cinque anni di carriera conquistò i primi due David di Donatello come quello nel 1975 per la migliore attrice protagonista in “La poliziotta”. Oltre al cinema, la Melato si dilettò in maniera eccellente anche nel teatro dove interpretò le tragedie di “Medea”, “Fedra” e le commedie come “La bisbetica domata” e “Vestire gli ignudi”. Dagli anni 90′ iniziò a lavorare per la televisione debuttando nel 1990 in “Scandalo” fino all’ultimo suo lavoro del 2010, la commedia teatrale riproposta in tv “Filumena Marturana” con Massimo Ranieri con il record di ascolti. Mariangela Melato scrisse anche un libro nel 1980 “Dizionario dei film”.

About Federico Ranauro

Nato e residente in provincia di Salerno ma da cinque anni vive a Parma. Ha conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione e la specializzazione in Giornalismo e cultura editoriale presso l’Università di Parma. Ha la passione per la scrittura e lavora come giornalista da circa tre anni, in particolare nel settore sportivo e televisivo.

One Comment

  1. Rossella

    gennaio 11, 2013 at 12:42

    L’ultimo ricordo di quest’artista è legato a Filumena Marturano; ricordo che quella sera leggevo un saggio di Becker e quindii nella mia memoria alla sua figura si sovrappone una poesia di Rilke che viene citata, appunto, nel testo e diventa il manifesto degli artisti; se dovessi isolarne un frammento sceglierei questo:
    “Decise anche oggi di non dormire come// l’ultima lunga notte, e assoggettò uno sguardo/ col suo, senza riguardi, ch’era come se/ amando rose rosse avesse avuto figli/ che chi sa dove qualcuno allevava…”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *