Fabrizio Corona latitante: nuovi colpi di scena

By on gennaio 21, 2013

fabrizio corona latitanteFabrizio Corona è ancora latitante, per il momento non ha deciso di costituirsi. Intanto si susseguono gli eventi relativi al suo caso. Innanzi tutto, quel messaggio apparso ieri sulla sua pagina Facebook ufficiale, e scritto tramite cellulare dal quartiere milanese di Quarto Oggiaro, è stato opera del suo autista. Secondo, la Procura Generale di Torino ha emesso un mandato di cattura internazionale. Terzo, il Commissariato della Polizia di Milano ha ufficialmente dichiarato che “non si hanno più notizie dalle ore 11.30 del venerdì 18 gennaio 2013“, mentre il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha sospeso l’affidamento in prova e nel giro di un mese dovrebbe revocarlo del tutto. Ergo, i cinque anni di reclusione per Corona rischiano di diventare sette. E la possibilità di una pensa alternativa ormai appare remota.

Fabrizio Corona è latitante e, per certi versi, è come se le porte della galera fossero già aperte: ha commesso un grande, grande errore. Errore che si aggrava ogni giorno che passa. Le forze dell’ordine adesso non stanno cercando soltanto lui, ma anche i suoi presunti complici. Perché Corona è andato in palestra ed è quasi sicuro che sia fuggito proprio da lì, magari da un’uscita secondaria. Ciò che significa che qualcuno l’ha aiutato. Anzi, ciò significa che era tutto organizzato da un pezzo. Ragionando: quale essere umano “normale” andrebbe a fare addominali dopo aver essere stato condannato per estorsione aggravata?

Fabrizio Corona è latitante e i bookmakers internazionali sono già scatenati, scommettendo sulla durata della sua fuga e sulla possibilità che decida infine di costituirsi. L’opinione pubblica da una parte fa sarcasmo, dall’altra è esasperata e severa nei suoi confronti e dall’altra ancora tifa per lui. Ma lui è sempre stato uno in grado di accendere reazioni contrastanti, si sa. E chissà dov’è, a quest’ora…

 

About Nad

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *