Gad Lerner torna su la7 con “Zeta – La commedia del potere”: ospite della prima puntata Mario Monti

By on gennaio 25, 2013

text-align: center”>Gad Lerner conduce Zeta la commedia del potere

Gad Lerner torna su La7 con un nuovo programma, Zeta – La commedia del potere: il titolo è ispirato al grande capolavoro del 1969 del regista Costa-Gavras Z l’orgia del potere, che raccontava la vigilia del golpe dei colonnelli in Grecia. Oggi il colpo di stato è quello della finanza e dei grandi poteri economici e l’orgia del potere è quella di una classe dirigente che dà scandalo. Con questo nuovo format Gad Lerner proverà ad analizzare l’attualità politica liberandosi della classica formula, un po’ usurata, del talk show. Archiviato definitvamente L’Infedele, dopo dieci edizioni, a Zeta – La commedia del potere ci sarà un solo ospite in un’ora e mezza di puntata, intervistato dal conduttore che si affiderà anche a contributi esterni ed interventi in studio.

Gad Lerner sperimenta così la seconda serata di La7, potendo contare sull’ottimo traino di Maurizio Crozza, che torna dopo la pausa natalizia col suo spettacolo record d’ascolti Crozza nel Paese delle meraviglie. E soprattutto può contare su un’ospite come Mario Monti, che ha fatto volare anche lo share di Ballarò martedì scorso, più o meno nella stessa fascia oraria. Il premier uscente e leader della coalizione centrista risponderà alle domande del conduttore ma si confronterà anche con il responsabile economico del Pd Stefano Fassina, lo stesso che Monti aveva chiesto di silenziare in quanto “ala estrema” del Partito insieme a Vendola e alla Cgil, e l’economista bocconiano Roberto Perotti. In conferenza stampa, Lerner ha presentato con entusiasmo la nuova esperienza, ma non ha lesinato commenti sulla chiusura dell’Infedele nè su Corrado Formigli che ha preso il suo posto al lunedì sera con Piazzapulita.

Gad Lerner ha scelto autonomamente di porre fine all’esperienza dell’Infedele. Certo non senza rammarico, ma con la ferma convinzione di voler preservare l’identità un format non relegandolo in una collocazione di palinsesto che lo avrebbe snaturato. A decretare la scomparsa del programma, inutile girarci intorno, sono stati gli ascolti, come ricorda lo stesso conduttore in conferenza stampa:

Sono stato disarcionato da Paolo Del Debbio con ‘Quinta Colonna’ , ha fatto piuù ascolti di me con la ‘tv degli indignati’, del furore del popolo, dei politici tutti ladri, temi che cessano quando si parla di Berlusconi“.

Lerner si è espresso anche sulla delicata questione della cessione di La7, auspicando che Telecom Italia non svenda l’emittente, ma si assicuri che chi la preleva abbia un valido progetto editoriale da perseguire. Altrimenti si tratterebbe dell’ennesimo regalo a Mediaset. Si è detto dispiaciuto delle tante occasioni perse negli anni, come per gli arrivi tardivi di Enrico Mentana e di Michele Santoro. E su Corrado Formigli si è espresso così:

Largo ai giovani, non vedo perchè non debba valere in televisione. Ha un linguaggio che non è il mio, ma è in sintonia con lo spirito dei tempi e io lo rispetto

L’appuntamento con Zeta – La commedia del potere è ogni venerdì alle 22.15 su La7 e in replica a poche ore dalla messa in onda sul canale youtube.com/la7attualita. Il programma è concepito in sinergia con il nuovo canale televisivo La Effe, che debutterà tra qualche mese e segnerà la partnership fra l’editore Feltrinelli e Telecom Italia. Un progetto che vede impegnato direttamente lo stesso Lerner.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *