Giorgio Gaber: speciale “Che tempo che fa” a 10 anni dalla scomparsa

By on gennaio 6, 2013

text-align: center”>Che tempo che fa speciale Giorgio Gaber

Giorgio Gaber è scomparso dieci anni fa: da allora è stata tutta una corsa a riscoprirlo e reinterpretarlo, con la consapevolezza di quanto geniali ed incredibilmente attuali fossero i testi delle sue canzoni e dei suoi monologhi. Il prossimo 21 gennaio Rai3 trasmetterà uno speciale di Che tempo che fa dedicato al cantautore, una puntata monografica che ripercorrerà i suoi grandi successi. E prima ancora la Rai ricorderà Gaber sabato 12 gennaio, con una prima serata su Rai 5. In occasione del decennale della scomparsa, avvenuta a Capodanno del 2003 a Camaiore, lo scorso novembre è uscito un triplo cd curato dalla Fondazione Gaber, dal titolo Per Gaber… io ci sono . Un tributo, il più grande mai realizzato nella storia della musica italiana, che vede 50 artisti cimentarsi nelle interpretazioni dei grandi successi del “Signor G”. Certo non tutte riuscitissime (a partire dall’eccessivo, inappropriato virtuosismo di Marco Mengoni nella cover di Destra-sinistra).

Intellettuale anarchico, libertario, detestato a destra, scomodo e mai compreso fino in fondo a sinistra, per nulla incline alle etichettature politiche, Gaber (nome d’arte di Giorgio Gaberscik) è forse il più grande artista italiano ad aver identificato la sua arte col teatro-canzone, declinando la parola nel binomio inscindibile di monologhi e musica. Ora la trasmissione di Fabio Fazio prova a ricordarlo, con un’operazione amarcord già realizzata per altri grandi come De Andrè ed Enzo Jannacci.

Che tempo che fa riprende il verso di uno dei suoi testi-simbolo, Destra-Sinistra, per chiedere ai telespettatori, oggi, “ma cos’è la destra, cos’è la sinistra?” (sul sito del programma ognuno può aggiungere la propria definizione): sarà questo il filo conduttore della trasmissione di Fabio Fazio. Lo speciale dedicato al Signor G è un omaggio doveroso alla sua memoria, nella speranza che non si trasformi nell’ennesimo dei “sepolcri imbiancati”, come direbbe Andrea Scanzi, che di Gaber è un esperto visto che gira l’Italia con uno spettacolo teatrale dedicato a lui, Gaber se fosse Gaber.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *