Il nuovo vecchio pomeriggio di Italia Uno: da domani Fringe, White Collar e Chuck

By on gennaio 6, 2013

text-align: justify”>A Italia Uno sicuramente si farà la raccolta differenziata perchè come riciclano loro, nessuno mai. La rete giovane di Mediaset, dopo aver chiuso il 2012 con risultati sicuramente non brillanti, si prepara a un inizio 2013 all’insegna del già visto. Con una linea editoriale non proprio di primo pelo, il daytime di Italia Uno cambia ancora e si riempie di telefilm replicati decine di volte dalle prime luci della mattina fino all’ora di cena.

Se alle 8.45 si riavvolge la storia di Everwood con la prima stagione, l’aperitivo lo si fa con la squadra di CSI: Scena del crimine che riprende dalla quarta stagione.

Ma è il pomeriggio, zona franca dei giovani studenti in fase pre-compiti, a destare più sorprese: se prima la fascia oraria delle 15 del sesto canale era dedicata ai teen drama: Dawson’s Creek, The OC, Gossip Girl, ora è la volta dello sci-fi, del giallo e del crime.

chuck

Se infatti alle 14 possiamo goderci l’unica prima tv dell’intera giornata (Fringe, quarta stagione), subito dopo arrivano White Collar (prima serie) e Chuck (seconda stagione). Giusto perchè non si è mai sazi di repliche, alle 17.40 arrivano gli episodi de “La vita secondo Jim”.

Un pomeriggio “da replicanti” che da domani terrà compagnia gli spettatori di Italia Uno per una buona quantità di settimane.

Ma concentriamoci sull’unica novità della giornata, Fringe.

Nella puntata di domani chiamata “Un essere umano migliore”, Olivia indagherà su un gruppo di ragazzi concepiti in vitro dallo stesso donatore mentre cominceranno ad affiorarle i ricordi dell’altra linea temporale.

In attesa di scoprire la novità serale di Italia Uno, Arrow, godetevi gli unici 50 minuti inediti della programmazione seriale di Italia Uno perchè sono gli unici.

About Simone Rausi

Quando nacque a Catania nel 1986, Pippo Baudo urlò “Fantastico!”. Già, la settima edizione era in onda su Raiuno in quel momento. Ha divorato decenni di fiction e programmi tv prima di laurearsi in Scienze della comunicazione. Ha fatto lo speaker, il giornalista, il blogger e attualmente è copywriter presso un’agenzia di pubblicità (ma sua nonna dice in giro che fa il copriwater). Ha scritto un romanzo sui carciofi ma non ne mangia uno da anni. Lo trovate su tutti i social network del mondo… o davanti qualche schermo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *