Italia’s got talent anticipato a settembre, C’è posta per te a gennaio del 2014

By on gennaio 17, 2013
foto di maria de filippi a c'è posta per te

text-align: justify”>foto di maria de filippi a c'è posta per teMANOVRE DI PALINSESTI IN CASA MEDIASET. Siamo appena all’inizio dell’anno che già si pensa ai palinsesti del settembre prossimo. La nuova edizione di Italia’s got talent, la quinta per l’esattezza, pare sia prevista a partire già da settembre (fonte Tv blog). Sabato andrà in onda la seconda puntata di questa quarta edizione, che dovrebbe terminare, salvo imprevisti il 16 Marzo. Già si pensa alla prossima, visti i buonissimi risultati della premier. Se il talent dovesse essere realmente confermato a settembre cosa sceglierà di fare Belen Rodriguez? Si dedicherà esclusivamente a Italia’s got talent lasciando l’impegno con Colorado su Italia1, oppure farà il contrario? La motivazione che spinge Mediaset a programmare il talent show a settembre piuttosto che a gennaio risponde al nome de La Corrida, che dovrebbe ritornare nel 2014. Onde evitare una sovrapposizione tra i due show, che si somigliano in molti aspetti, Mediaset ha pensato di correre ai ripari. Non è chiaro se La Corrida tornerà al sabato sera nella tarda primavera prendendo il posto del serale di Amici, oppure se andrà in onda in un giorno feriale. Ma la domanda che in molti ci facciamo è: chi sarà il conduttore? Flavio Insinna, ultimo a condurre lo show, ha lasciato Mediaset e per ora si dedica alla radio in Rai. Tornerà in quel di Cologno oppure si deciderà di affidare la trasmissione ad altri volti Mediaset (Bonolis, Papi o Mammucari)? Staremo a vedere quali saranno le decisioni del biscione e della vedova di Corrado Marina Donato, che detiene i diritti del format. Ulteriore slittamento è quello di C’è posta per te che sarà così posticipato a gennaio del 2014.

Se questi fossero i palinsesti Mediaset del sabato sera della prossima stagione tv, la Rai dovrebbe pensare ad una controprogrammazione molto forte. A settembre dovrebbe tornare in onda, dopo l’anno sabatico, la nuova edizione di Ballando con le stelle. In questo modo la sfida tra i due talent continuerebbe. A meno che in Rai non vogliano promuovere la nuova edizione di Tale e Quale show al sabato sera. Si rinnoverebbe una sfida, molto interessante, di cui abbiamo avuto un assaggio sabato scorso. E se invece in Rai decidessero di utilizzare quello spazio per dare vita ad uno show emozionale, visto lo slittamento di C’è posta per te? Potrebbe rivelarsi un’idea vincente, in quanto il pubblico televisivo è da diversi anni abituato ad ascoltare storie strappalacrime nei sabato sera autunnali. Che Raffaella Carrà ritorni con una edizione riveduta e corretta, ma sempre attuale, del suo Carramba? In Rai ci pensino e prendano le decisioni più appropriate in merito. Da ricordare che la tv pubblica, con Carramba che sorpresa, è stata la prima azienda a dare il via al filone degli emotainment. Perché quel genere non viene più preso in considerazione? Quando invece si torna ad occuparsi di emozioni in prima serata Rai, i risultati sono per lo più disastrosi.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

One Comment

  1. Rossella

    gennaio 17, 2013 at 14:52

    Spero di no! C’è posta per te ci deve traghettare al Natale. Quel programma crea coesione sociale e tiene il pubblico ancorato con i piedi per terra. Sono momenti difficili per la storia del Paese: la televisione deve proporre un mix d’evasione e critica della realtà. Proprio ieri parlavo con mia madre della trasformazione dell’Italia vista attraverso le storie di questo programma. Purtroppo nel meglio di C’è posta non fanno vedere mai le prime edizioni. Tutti dicono che adesso si piange: a me viene poco da piangere, anzi per nulla! Eppure molti si commuovono davanti alla forza dei figli: questi sono gli eroi della nostra società e perdonano al punto che tutti pensano che sia normale perdonare i genitori pena i sensi di colpa dei figli: ovvio! Adesso ci si arrabbia di meno difronte alle mancanze dei padri e il pubblico non pensa a quanto questo atteggiamento sia deleterio in ambito sociale. Un figlio deve giustificare tutto perché il padre e la madre sono innanzitutto un uomo e una donna. Mi chiedo quanto quest’uomo e questa donna possano avere una coscienza sociale se non si pongono delle domande neanche davanti allo smarrimento di quello che la legge chiama minore e che rimane sempre un figlio. Penso solo al peso che sms, social network e media hanno nella vita delle famiglie che fanno in frantumi. Ci sono tanti temi che non possono aspettare. Da telespettatrice adesso sono più ricettiva di qualche mese fa perché il panorama televisivo è meno sovraffollato di gente che rincorre un sogno.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *