Le Iene 2013, video Sara Tommasi scomparso? Lo sfogo di Alfonso Luigi Marra

By on gennaio 15, 2013
Le Iene 2013 Video Sara Tommasi

text-align: center;”>Le Iene 2013 Video Sara Tommasi

LE IENE 2013, VIDEO SARA TOMMASI – A Le Iene 2013 non è stato mostrato il video di Sara Tommasi che è stato girato da quest’ultima sotto l’effetto di stupefacenti: il tutto fatto contro la sua volontà. Ovviamente stiamo parlando del suo secondo film per adulti, che non ha ancora smesso di far discutere: se in un primo momento aveva scandalizzato per il fatto che la soubrette avesse “recitato” a causa di varie pressioni; adesso, invece, ci si chiede il motivo per il quale Le Iene non abbiano trasmesso un servizio in cui parlavano direttamente con la Tommasi, poco prima della realizzazione del filmino. Molti non aspettavano altro che vedere Sara prima di mettersi in azione, ma purtroppo sono rimasti a bocca asciutta (e per fortuna!). La ragione della scelta dei produttori del famoso programma di Italia 1 di non mandare in onda l’intervista fatta da Sabrina Nobile a Sara Tommasi ci è del tutto sconosciuta, anche se questa loro saggia decisione è stata molto apprezzata dal politico e avvocato Alfonso Luigi Marra, il quale, però, non si è risparmiato dal muovere pesanti critiche:

le-iene-sara-tommasi

L’ATTACCO DELL’AVVOCATO MARRA CONTRO LA “IENA” NOBILE – “[…] Condannabile la scelta della Nobile e della sua troupe di parlare con Sara quando quest’ultima si trovava in uno stato confusionale. È sconcertante vederla fare qualcosa che non ha deciso, mentre il regista Federico De Vincenzo, con la droga in mano, inculcava la Tommasi a girare quelle scene che così tanto disprezzava. In quel film non avrebbe messo per nessuna ragione al mondo la sua faccia: voleva solo che gli altri parlassero di sé, perché se avesse annunciato di abbracciare quella nuova ‘professione’, sicuramente noti programmi l’avrebbero voluta intervistare; e così è stato. Era intenzionata a fare un finto filmino, recitando in tutto e per tutto, ma mai si sarebbe sognata di girarlo per davvero! Non era in lei quando lo ha fatto”.

L’AMICIZIA TRA DE VINCENZO E UN COLLABORATORE DE LE IENE – Ma gli attacchi di Marra non sono di certo terminati:

“Pensate che De Vincenzo è un amico di un collaboratore de Le Iene: l’amicizia che lega questi due individui deve essere al più presto spiegata, visto che stiamo parlando di una trasmissione moralizzatrice!”.

La produzione de Le Iene sicuramente ribatterà alle parole di questo avvocato. Adesso, però, Sara si è davvero ripresa dal periodo di smarrimento? La risposta è affermativa: sotto l’ala protettrice di Don Mazzi, la Tommasi sta finalmente percorrendo una strada lontana dagli eccessi.

About Pascal Ciuffreda

Classe 1992, un ragazzo come tanti, ma con un’ingovernabile voglia di comunicare scrivendo. Studente di filosofia con diverse passioni: divorare libri senza pregiudizi, seguire qualsiasi tipo di programma televisivo (da quelli incentrati sulla cultura a quelli più trash), ascoltare tanta musica, e scrivere articoli sui più svariati argomenti. Puzza sotto al naso, mai; entusiasta sempre di sperimentare e sperimentarsi. Il suo motto? Vivere militare est.

6 Comments

  1. mabbiano lallo

    gennaio 15, 2013 at 16:59

    Adesso Marra ha paura delle Iene perchè lui sa che quella dei porno è una sosia e sa che le Iene lo sanno e sa che le Iene sanno che lui è complice di De Vincenzo, di Gabriella Sassone, della sosia e di un manipolo di delinquenti intenti ad incastrare ed infangare per soldi e interessi vari la vera Sara Tommasi.Quindi Marra stà cercando il modo di non far mandare in onda il servizio alle Iene perchè sa che quel servizio fara scoprire la verità sulla vicenda e su di lui. Se volete sapere la verità leggete qui:Quella dei film porno è una SOSIA, la quale non è drogata nel primo film, ma si diverte a recitare la parte di burlona e di scema per prendere in giro la vera Tommasi e per fare credere a tutti che la vera Tommasi è una drogata e una scema. Ora, c’è una foto sul sito fake della Tommasi che è gestito dalla SOSIA e dalla Sassone ed è questo http://www.facebook.com/SARATOMMASIPAGINAUFFICIALE Dove la SOSIA abbracciata a Gabriela Sassone da gli auguri di natale e dietro di loro c’è Marra che gioca a carte. Adesso spiegatemi Marra che cavolo ci stà a fare lì con la SOSIA e con Gabriella Sassone che è una complice di Federico De Vincenzo? Non credo che io abbia bisogno di dirvi altro……la cosa si capisce da sola. Ora, Marra parla di circonvenzione di incapace, sequestro di persona, somministrazione di sostanze stupefacenti e violenza sessuale. Se la vera Tommasi quel famoso 6/6/2012 dopo l’intervista con le Iene mentre veniva portata all’hotel da De Vincenzo e altri due fosse stata drogata, sequestrata e violentata, per prima cosa il giorno dopo sarebbe andata a denunciare il tutto, e seconda cosa si sarebbe ricordata di quello che aveva fatto la sera precedente, perchè sotto somministrazione di droghe una volta passato l’effetto una persona se lo ricorda quello che ha fatto sotto l’effetto di droghe, a meno che, la droga è quella dello stupro, ma quel tipo di droga se gliel’avessero fatta prendere lei non sarebbe stata in grado di muoversi e quindi questa ipotesi è da scartare. In più, vi ricordo che la vera Tommasi ha detto di essere svenuta in macchina e di essersi svegliata 12 ore dopo in una stanza di un hotel, il che signi@#?*%$, che le hanno somministrato del sonnifero.Ora, se a una persona le viene somministrato del sonnifero, la persona non può essere risvegliata con droghe ( cocaina, eroina, ecc.ecc.) perchè il cuore non reggerebbe e la persona morirebbe sul colpo.Per quanto riguarda i buchi che la vera Tommasi si è trovata sul braccio una volta svegliatasi nell’hotel, la spiegazione è facile. Quei buchi, le sono stati fatti mentre lei era addormentata per sviare le indagini e per fare credere a lei una volta svegliatasi di essere stata drogata.Quindi questa falsa sul fatto che la Tommasi sia stata drogata per fare il film porno non regge e si capisce chiaramente che è una falsa sceneggiata imbastita da Federico De Vincenzo, da Gabriella Sassone con l’aiuto dei media gestiti e controllati da lei, dalla SOSIA, da Alfonso Luigi Marra e da un manipolo di altri delinquenti. Ora, perchè hanno imbastito questa falsa sceneggiata? Semplice, facendo credere alla gente che quella del film fosse la Tommasi loro avrebbero venduto senza farsi accorgere della truffa moltissimi DVD e venduto alla grande il film in streaming . Ma come mai le persone si sono fatte truffare e sono cadute nella truffa? Semplice, le persone aspettavano un giudizio da parte di Marra e quando Marra (all’epoca vendutosi a De Vincenzo) durante la registrazione avuta con la vera Tommasi le ha detto ” ma sei tu!” le persone non hanno avuto più dubbi e hanno creduto ingenuamente che quella del film fosse la vera Tommasi.In più, hanno imbastito la scenegiata sulla droga perchè si vede chiaramente che quella del film non è la vera Tommasi, ma facendo credere alla gente che quella del film fosse drogata, le persone anche accorgendosi della differenza avrebbero detto” si vabbè, non si rassomigliano tanto perchè nel film la Tommasi è drogata”, in poche parole, la storia della Tommasi drogata è servita a sviare le differenze fisionomiche tra la SOSIA e la vera Tommasi e con questa truffa, le persone sono state prese in giro e burlate, e la vera Tommasi è stata incastrata e infangata da questo manipolo di delinquenti, che, adesso, stà cercando di fare lo stesso con il secondo film girato anch’esso dalla SOSIA, facendo andare Marra alla magistratura denunciando il falso, e, se è vero quello che si dice, e cioè che insieme a Marra c’era la Tommasi, allora, quella insieme a lui portata in magistratura a fare la denuncia non era la vera Tommasi ma la SOSIA, anche perchè l’intervista con dichiarazioni false fatte a “CHI” è stata fatta alla SOSIA e quella che è andata con Marra alla prima dello spettacolo musicale ” Una vita da strega “ è la stessa SOSIA. Per chi ancora non lo sapesse, quella che quest’estate ha rilasciato dichiarazioni matte sugli alieni e altre cavolate è la SOSIA, quella alla festa dei bikers è la SOSIA, quella che si è fatta cacciare alla festa dei camionisti è la SOSIA, quella che firma i contratti per il primo film porno è la SOSIA, quella che ha parlato di tumore al fegato eppoi ha detto che era uno scherzo è la SOSIA, quella che ha fatto il video per viviroma “SARA TOMMASI ENIGMATICA” è la SOSIA, quella che ha fatto l’ultimo video per Marra a settembre contro il signorinaggio bancario è la SOSIA, quella che ha fatto il video a casa di Paolini dove dice di volersi vendicare è la SOSIA, quella che ha fatto il MAKE UP ARTIST GENNARO MARCHESE… X SERVIZIO FOTOGRAFICO BY ROBERTO ROCCO è la SOSIA, quella che prende il treno Milano-Napoli con la madre è la SOSIA con la SOSIA della madre della vera Tommasi, quella che ha rilasciato dichiarazioni a “CHI” è la SOSIA, quella che ha rilasciato dichiarazioni a “vero tv” dove dice che stà facendo un CD musicale è la SOSIA, quella che andava in giro per le discoteche quest’estate è la SOSIA, quella che è andata al mare a fregene è la SOSIA, quella con la scopa in mano al ristorante è la SOSIA, quella che è stata insultata in discoteca è la SOSIA, quella che si bacia per le vie di Roma con Anthony Manfredonia è la SOSIA , quella che ha fatto il video musicale con flycat per Marra contro il signorinaggio bancario è la SOSIA, quella che è andata alla prima dello spettacolo musicale ” Una vita da strega “ è la SOSIA, quella che ha fatto il calendario con foto riprese da fotogrammi del secondo film è la SOSIA e quella che firma i contratti per il secondo film porno è sempre la SOSIA. Ora, per quanto riguarda la vera Sara Tommasi invece vi dico che, quella che ha fatto il video tutta nuda con i tatuaggi per Marra contro il signorinaggio bancario il giorno 5/5/2012 è la vera Sara Tommasi, quella che ha rilasciato le dichiarazioni che sono state poi subito cancellate ( chissa poi il perchè? ) al programma radiofonico”la zanzara” dove lei dice di non avere fatto nessun porno e che quel giorno il 6/6/2012 lei in accordo con le Iene doveva fare uno scherzo ai telespettatori è la vera Sara Tommasi, quella che è stata registrata da Marra (all’epoca vendutosi a De Vincenzo) mentre spiegava cosa le era sucesso il giorno 6/6/2012 è la vera Sara Tommasi, quella alla RAI a “Domenica In…Così è la vita”con la madre e la Cuccarini è la vera Sara Tommasi, quella a “CIELO CHE GOL” con la Ventura è la vera Sara Tommasi, quella nell’articolo “Sara Tommasi a spasso per le vie di Roma insieme a mamma Cinzia: foto – Foto e Gossip by Gossip Newswww.gossip.it” è la vera Sara Tommasi e quella alla presentazione del suo libro è la vera Sara Tommasi.I video che ci sono in rete prima della data del 6/6/2012 sono tutti della vera Sara Tommasi.In più Marra dice”Avevo fin qui taciuto perché avevo imputato a un fatto personale di questa tale Sabrina Nobile l’orribile, prima che illecito, gesto di starsene lì per tutto il tempo a filmare Sara mentre De Vincenzo, con la cocaina, dapprima la trascinava a iniziare, e poi la spingeva a proseguire quelle scene che non aveva mai avuto alcuna intenzione di girare.”Nel porno se ci fate caso fuori dalle tapparelle e dalle finestre è giorno e si vede chiaramente, se avesse girato veramente il film porno dopo l’intervista con le Iene fino a notte innoltrata fuori dalle tapparelle e dalle finestre sarebbe dovuto essere buio.Eppoi questo tizio Max Scarpat ha detto a Marra tutte fandonie e falsità visto che De Vincenzo è il suo manager, ma Marra lo sa perfettamente che De Vincenzo è il manager di Max Scarpat e sa anche perfettamente che Max Scarpat ha detto tutte fandonie e falsità.Comunque adesso ci penseranno le Iene e la signorina Sabrina Nobile a farvi sapere chi è in realtà questo falso e truffaldino individuo dal nome di Alfonso Luigi Marra.Adesso sapete tutto quello che dovete sapere……..tirate voi le somme. Un saluto!!!!!

  2. Pascal Ciuffreda

    gennaio 16, 2013 at 01:09

    Grazie per tutto quello che hai scritto 🙂 Noi ovviamente non possiamo aggiungere nulla e nemmeno confermare quello che dici, Mabbiano, perché non abbiamo nessun tipo di prova. Vedremo quello che faranno Le Iene.

    Pascal Ciuffreda

  3. raffaele

    gennaio 31, 2013 at 19:18

    Marra: Monti chiarisca: Imposimato dichiara: Bilderberg dietro stragi e governo invisibile del mondo.
    Ferdinando Imposimato, Presidente Onorario della Cassazione, dichiara, in un video, che, dalle carte processuali, è emerso che il Bilderberg, del quale, com’è noto, fa parte Mario Monti (e molti altri): -1) è responsabile delle stragi e della strategia della tensione; -2) governa in modo invisibile il mondo per condizionare lo sviluppo della democrazia.
    Ho pubblicato, il 21.12.2011, nei confronti di Monti, proprio per la sua appartenenza al gruppo Bilderberg, un esposto alla Procura di Roma (vedi da marra . it), benché siano territorialmente competenti tutte le procure d’Italia, ma nessuno, nemmeno un magistrato tanto zelante come Ingroia (evidentemente troppo impegnato a combattere la delinquenza comune), ha fatto nulla.
    Bisogna ritenere che quantomeno anche Napolitano, Bersani, Casini e Fini – ai quali non possono essere sfuggiti i video in cui sono giunto ad usare la nudità femminile pur di spingere qualcuno a fare qualcosa per fermare queste gravissime cose – dovrebbero fornire chiarimenti.
    Il PAS continuerà ad operare perché la magistratura, subito dopo le elezioni, apra finalmente, in tema di Bilderberg, signoraggio e altre forme di illiceità bancaria, tutte quelle indagini che finora non ha intrapreso.
    Alfonso Luigi Marra

  4. raffaele

    febbraio 19, 2013 at 22:49

    Marra: Monti, di fronte alla reazione internazionale, risponde alla mia denunzia: «Il Bilderberg è cosa buona..».
    Monti, di fronte alla reazione dei media internazionali, che hanno tradotto e pubblicato la denunzia che ho presentato il 1.2.2013, con il numero 050429, alla Procura di Roma contro il Bilderberg e circa la sua appartenenza ad esso, risponde che: «Il club Bilderberg non è una setta segreta. Magari qualche politico italiano ci andasse! Ci aiuterebbe ad uscire da un isolamento politico e culturale italiano».
    Sennonché lo schema giusto è invece che lui mi denunzi per calunnia, quindi io denunzi a mia volta lui per calunnia, e che si faccia il processo per stabilire se il calunniatore sono io o è lui. Fermo restando che la magistratura non è neutra rispetto al Bilderberg, altrimenti sarebbe intervenuta da tempo, sicché, nonostante la fondatezza delle mie affermazioni sia evidente, sarebbe un duro scontro.
    In ogni caso, poiché quel che conta è il giudizio della collettività, faccio osservare che ho ampiamente motivato la mia denunzia, mentre il fatto che il Bilderberg non sia occulto e sia un circolo di persone per bene è solo una mera affermazione di Monti.
    Denunzia che spero la stampa italian voglia divulgare adeguatamente, che riporto di seguito, e che invierò ora tradotta in dieci lingue alla stampa mondiale, perché in certi punto le traduzioni pubblicate dai media stranieri sono un po’ approssimative.
    L’ideale tuttavia, visto che Monti ha tanta propensione ai confronti, sarebbe che accettasse di confrontarsi con me in televisione.
    Alfonso Luigi Marra

  5. Vitto

    febbraio 26, 2013 at 22:10

    Marra: Fine del grillismo e scacco matto al sistema politico. Inevitabilità, ora, del vero cambiamento.

    Grillo, anche lui di fatto un bilderberghino, eviterà – c’è da ritenere – di andare al governo per non essere coinvolto nel suo fallimento e cercare così di presentarsi di nuovo come dissidente alle prossime, imminenti elezioni.

    Un artifizio, quello di Grillo, che comunque non sarebbe durato, perché neanche Cinque Stelle, come ogni altro partito del PUB – il Partito Unico Banche – è in grado di risolvere nulla, ma che per durare almeno un po’ sarebbe occorso battesse le coalizioni PD e PDL alla Camera e al Senato e prendesse il premio di maggioranza.

    Cosa che, alle prossime elezioni, non gli riuscirà più, perché, se affronterà le banche e il Bilderberg, essi lo elimineranno descrivendolo per quello che è: un uomo comune che non ha ovviamente mai formulato il complesso sistema scientifico, giuridico, culturale ed economico necessario per il cambiamento; e se non li affronterà il suo gioco sarà smascherato dai molti avversari e prima ancora dagli stessi grillini, sempre più a disagio per i suoi ‘vuoti di memoria’ circa il signoraggio e la sovranità monetaria europea; a cui non gli basterà più, come fa ora per salvarsi, alludere di tanto in tanto.

    Grillo che però in una cosa sarà solidale a Bersani: far sì che Berlusconi sia travolto dalla magistratura e dallo sbando delle sue imprese, a partire da Mediaset, vittima della crisi della pubblicità.

    Berlusconi che sarà abbandonato a se stesso perché ha fallito nell’unico ruolo per il quale è stato sempre tollerato e votato: quello di baluardo contro l’apparato burocratico e bancario, non avendo invece mai nessuno creduto alle sue promesse.

    Quanto all’improbabilissimo governo, morirebbe in ogni caso subito perché Bersani è portatore delle stesse politiche bilderberghine di Monti, e il Bilderberg ha già perso, oltre che in Italia, nel mondo. Mondo che ha governato per decenni celandosi dietro quasi tutti i politici, i media e gli apparati.

    Una situazione in realtà di facile soluzione e la cui ‘irrisolvibilità’ è solo frutto del fatto che nessun altra forza, eccetto il PAS, ha alcuna proposta che abbia un livello di dignità tale che qualcun altro possa condividerla. Tant’è che la soluzione non sono le elezioni, ma la confluenza delle forze oggi in Parlamento nel PAS.

    Una confluenza che, se non ora, si verificherà non appena sarà divenuto chiaro che non c’è altra possibilità, perché, mentre a tutti, compreso il Bilderberg, manca l’a b c dei presupposti per la costruzione del nuovo mondo, nel PAS c’è tutto, a partire dalla cosa essenziale, ovvero il nuovo modello culturale senza il quale la società non potrà far nulla, perché la cultura è il modo che gli uomini mediano, istante per istante, di dover avere in comune nel vedere la realtà.

    Modello culturale che è tracciato nei miei libri a partire da La storia di Giovanni e Margherita, le cui tesi tutti cercano vanamente di scimmiottare fin dal 1985, e che non si esaurisce affatto nell’economia, perché l’economia è solo uno degli elementi di ciò che questo contesto politico di illusi e collusi chiama cambiamento o persino rivoluzione.

    25.2.2013

    Alfonso Luigi Marra

  6. ada

    febbraio 27, 2013 at 22:23

    Cari Bersani e Grillo, come fate a parlare di riduzione delle spese e moralità se prima non eliminate l’anatocismo, le commissioni di massimo scoperto e l’accredito differito dei versamenti, con i quali le banche lucrano illegittimamente circa 2 miliardi di euro al giorno a danno della società?
    Capite: 2 miliardi al giorno di fronte alle quisquilie che recuperereste tagliando i parlamentari o le auto blu o i ‘rami secchi’ eccetera?
    E come fate a disinteresessarvi del fatto che, ogni 100.000 euro, applicando i tassi anatocistici, cioè addebitando gli interessi ogni tre mesi anziché ogni anno, in dieci anni, le banche prendono 204.000 euro in più di interessi?
    E perché non chiedete alla magistratura di smettere di rimanere inerte di fronte al gravissimo illecito rappresentato dalla privatezza della Banca d’Italia, la cui nazionalizzazione – come sapete – risolverebbe ogni problema?
    E tu Grillo, perché non mi rispondi quando dico che sono pronto a risolvere io, gratuitamente, il problema di buona parte dei 550 milioni di debiti del Comune di Parma semplicemente facendo causa alle banche creditrici, perché, secondo una giurisprudenza ormai pacifica, sono somme per la più parte non dovute?
    Perché cioè non fate queste cose? Quali motivi lo impediscono?
    Alfonso Luigi Marra

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *