Le Iene, Claudio Marchisio risponde ai Napoletani: “Dichiarazioni travisate, la mia un’antipatia solo sportiva e non riferita alla città”

By on gennaio 13, 2013
Claudio Marchisio intervista a le iene

text-align: center”>Claudio Marchisio intervista a le iene

Tante erano state in settimana le reazioni e le polemiche nei confronti delle nuove dichiarazioni di Claudio Marchisio: il fortissimo centrocampista bianconero, intervistato da Style, aveva espresso particolare “antipatia” nei confronti dei Partenopei, da qualche anno tornati prepotentemente a rivestire un ruolo da protagonisti in Italia ma anche in Europa. “Non c’è qualcuno che mi sta antipatico, ma un’intera squadra: il Napoli aveva detto Marchisio, le cui parole -comunque tranquillamente evitabili– sono state interpretate dalla società e dai tifosi azzurri come un’offesa. “Dopo le finali di Coppa Italia e Supercoppa – ha proseguito – Quando me li trovo di fronte scatta qualcosa“: la rivalità tra le due fazioni è oramai consolidata, ma è andata inevitabilmente inasprendosi nel corso dell’ultima stagione, quando il Napoli ha soffiato ad una Juventus fresca di Scudetto la decima Coppa Italia in finale e dopo i veleni della trasferta di Pechino.

Immediate le prese di posizione da parte di entrambe le società,  che a colpi di comunicati stampa hanno gettato benzina sul fuoco, amplificando e in parte travisando la questione. In merito alla vicenda, però, si è espresso finalmente il diretto interessato, che qualche tempo fa era stato addirittura indicato come militante leghista per aver “offeso” l’Inno di Mameli, situazione fanaticamente strumentalizzata ma puntualmente smentita poi dall’Azzurro. Nella prima puntata de Le Iene, infatti, il “Principino” ha dichiarato:

La mia era un’antipatia solo sportiva.  Mi dispiace, ma come ha detto il mio allenatore Conte, e ringrazio Mazzarri per le parole di ieri, loro avevano capito il messaggio.

Purtroppo nel nostro mondo a volte le cose vengono storpiate o cambiate per colpa dell’informazione e di tutti i social network che ci sono. C’è da fare i complimenti al Napoli che in questi ultimi anni è diventata una grande squadra in Italia ed è tornata anche in Europa.

La Fan-page del giocatore, intanto, continua da giorni ad essere presa di mira in maniera anche pesantissima dalla tifoseria partenopea, che ha interpretato le parole di Marchisio come un atteggiamento razzista e che reputa il numero 8 bianconero un campione nel gioco ma non nella vita. Eppure sembra difficile immaginare che una persona intelligente e rispettosa come Claudio abbia voluto di proposito offendere la città di Napoli; sembra difficile immaginare anche che un personaggio del suo calibro voglia improvvisamente veicolare messaggi di odio razzista. Probabilmente sarebbe stato più conveniente affidarsi alle solite dichiarazioni di circostanza, quelle solite frasi che rientrano nel gioco del “politically correct a tutti i costi“. Ma ancora più sconcertanti sono le manipolazioni cui sono state gradualmente sottoposte le dichiarazioni del giocatore dalla stampa e dal web, che non hanno perso tempo e hanno lanciato la “bomba” con titoloni e provocazioni.

Era solo riferito a quello e non alla gente di Napoli o alla città. Nella mia intervista si parla solo di “antipatia sportiva“, poi su vari siti è stata cambiata la frase in “odio” per la gente di Napoli. Abbiamo già abbastanza problemi e odio nel calcio e non bisogna dare questi messaggi soprattutto ai giovani.

Devo imparare il dialetto napoletano così la prossima volta non ci saranno problemi

A questo punto, la Iena Rosario Rosanova, napoletano doc, ha impartito al centrocampista juventino alcune nozioni di dialetto partenopeo. Così da evitare (forse) nuovi fraintendimenti.

http://youtu.be/3Mv2GBNrvMg

About Matteo

Nato e residente in provincia di Lecce, è il più giovane tra i Redattori de LaNostraTv.it. Frequenta il Liceo Linguistico e adora il calcio (ma solo quello in Tv), la lettura (in particolare la saga di 'Harry Potter' e la magica penna di J.K. Rowling), il mondo dell'Interior Design, la Filosofia, la musica e naturalmente la televisione . La passione per la scrittura e per il giornalismo ha sempre accompagnato il suo percorso scolastico e non. Per il futuro ha molti sogni e parecchie ambizioni, ma anche tanta confusione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *