Mario Monti ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo. E martedì arriva Berlusconi

By on gennaio 4, 2013

text-align: center”>Mario Monti a Otto e Mezzo

Mario Monti ha dato inizio tra mille polemiche alla sua capagna elettorale: dopo aver annunciato che sarà alla guuida della coalizione di centro composta da Fli, Udc, Api, Italia Futura ed altre associazioni, il premier uscente ha scatenato una marea di reazioni con la sua ospitata ad Uno mattina. Intervistato da Franco Di Mare, Monti ha mostrato un’abilità da politico consumato e (oggettivamente) una certa arroganza nel linguaggio e nei contenuti. Come quando ha invitato i leader degli schieramenti avversari a “silenziare le ali estreme” delle rispettive coalizioni: Brunetta per il centrodestra, la Fiom, Vendola e Fassina per il centrosinistra. Tanto che verrebbe da chiedersi quale politico al giorno d’oggi userebbe un termine arcaico dal sapore vagamente fascista come “silenziare“. Inutile ricordare la sequela di polemiche scaturite da quest’intervento. Quella di stasera a Otto e mezzo può essere l’occasione per smorzare i toni. Oppure per rincarare la dose.

Mario Monti tornerà ospite di Lilli Gruber su La7 dopo l’ulima intervista dello scorso gennaio, quando l’esperienza del governo tecnico era ancora a gli inizi e il premier si faceva ospitare in giro per spiegare quali sacrifici avrebbero dovuto affrontare gli italiani per fermare la speculazione finanziaria sui nostri titoli di stato e rimettere in ordine i conti pubblici. Ora lo scenario è ben diverso: Monti corre per Palazzo Chigi con Bersani, Berlusconi, Antonio Ingroia, il candidato del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo e magari pure quello della Lega. C’è già chi auspica un confronto fra i vari leader, anche se difficilmente ciascuno rinuncerà alla comodità di farsi intervistare senza contraddittorio. A queso proposito, la commissione di Vigilanza sulla Rai ha approvato ieri il regolamento sulla par condicio in periodo elettorale (entra in vigore 45 giorni prima del voto): le norme che regolano la presenza dei politici nella Tv di Stato saranno applicate anche alle apparizioni di Mario Monti, che in qualità di Presidente del Consiglio (e leader della nuova coalizione centrista) potrà avere uno spazio ridotto in televisione rispetto ai competitors. Intanto, in applicazione del monito deliberato lo scorso 19 dicembre dal Cda della Rai sulle ospitate dei politici nei programmi di intrattenimento durante le festività natalizie, è saltata l’intervista di Massimo Giletti a Monti prevista domenica 6 gennaio a L’Arena, già teatro della movimentata intervista a Silvio Berlusconi.

Mario Monti dunque farà campagna elettorale in televisione nel rispetto delle linee guida della par condicio: si risolve così il cosiddetto “caso Monti“, scoppiato per il moltiplicarsi della presenza del premier in diverse trasmissioni Rai. Una polemica sollevata soprattutto dal Pdl e dall’onnipresente Silvio Berlusconi, che aveva invocato l’intervento dei vertici Rai. Sulla questione è intervenuto il presidente della Commissione di Vigilanza Sergio Zavoli, parlando di “sgarro palese e grave” in riferimento all’eccessiva libertà di direttori di rete e di testata nell’approccio alle regole della par condicio, salvo poi precisare non aver “mai fatto riferimento al presidente del Consiglio, Mario Monti, nel corso della lunga seduta della Commissione dedicata all’approvazione del regolamento per le prossime elezioni, come possono testimoniare i numerosi deputati e senatori presenti“. In attesa di sapere quando sarà ospite di Giletti a L’Arena, Monti inaugura a Otto e mezzo un ciclo di puntate dedicato ai leader politici in corsa per la premiership. Come annunciato dalla stessa conduttrice, lunedì 7 gennaio, sarà la volta del leader del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani, mentre martedì 8 gennaio ospite di Otto e mezzo è l’ex premier Silvio Berlusconi, prima di scendere (forse) nell’arena di Sevizio pubblico di Michele Santoro, il 10 gennaio, sempre su La7.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *