Palinsesto primaverile di Raiuno: Red or Black, De Sica e Un medico in famiglia 8

By on gennaio 31, 2013
foto del logo di raiuno

text-align: justify”>foto del logo di raiunoTUTTA I PROGRAMMI DI RAIUNO DELLA PROSSIMA PRIMAVERA.  Tra qualche settimana ci sarà la 63? edizione del Festival della canzone italiana, con Fabio Fazio e Luciana Littizzetto e le mille polemiche che ogni anno accompagnano la kermesse canora. Ma dopo Sanremo cosa vedremo in tv? Primo debutto quello del quiz con Fabrizio Frizzi e Gabriele Cirilli, Red or black Tutto o niente?, che da venerdì 22 febbraio cercherà di intrattenere gli italiani. Sul format, che sarà realizzato in uno studio di Cinecittà, si scommette parecchio. Riuscirà a non deludere le aspettative? Al sabato sera continua la nuova edizione de I migliori anni, al termine della quale dovrebbe debuttare lo show che sta mettendo a punto Christian De Sica. Al fianco di De Sica oltre a comici e ospiti vari, dovremmo trovare Pamela Camassa, che sta vivendo una stagione televisiva molto intensa. Prima concorrente della seconda edizione di Tale e Quale show, ora inviata per I migliori anni nella fase di Canzonissima e poi promossa a show girl al fianco dell’attore. Altro debutto previsto quello di Born to shine con Milly Carlucci, che dovrebbe andare ad occupare la serata del mercoledì per quattro settimane.

Sempre al mercoledì previsto il nuovo talent culinario di Antonella Clerici: Cuochi nella tormenta (anche se il titolo è ancora in via di definizione). La gara prevede che persone comuni con l’hobby per la cucina si sfidino nella preparazione di piatti, supportati da personaggi del mondo dello spettacolo. Premio in palio la possibilità di aprire un’attività nel mondo della ristorazione.Intanto in Rai c’è una signora della televisione italiana, che ha un contratto in scadenza a giugno prossimo, in esclusiva per la televisione pubblica: Paola Perego. Dopo le due puntate prova di Superbrain- Le Supermenti, la Perego starà lavorando a nuovi progetti per la primavera prossima? Ci auguriamo proprio di si, sarebbe un peccato pagarla per tenerla in panchina.

Sul fronte delle fiction, che negli ultimi anni regalano i maggiori ascolti alla rete ammiraglia Rai, è previsto per domenica prossima il debutto della fiction in sei puntate Tutta la musica del cuore. La serie, ambientata in un conservatorio, vedrà tra i protagonisti Francesca Cavallin, Lucrezia Lante della Rovere, Ugo Pagliai e dei veri musicisti. Attesi inoltre due graditi ritorni: la  seconda serie di Che Dio ci aiuti con Elena Sofia Ricci in partenza giovedì 21 febbraio e l’ottava edizione di Un medico in famiglia, che segna il ritorno in casa Martini di Lino Banfi (nonno Libero) dal 3 marzo. Nel settore miniserie da segnalare K2, la montagna degli italiani, incentrata su una impresa storica, una spedizione di coraggiosi scalatori italiani che nel 1954 scalarono il K2 (la seconda montagna più alta del mondo dopo l’Everest), tra il Kashmir e la Cina,. Protagonisti Massimo Poggio, Marco Bocci e Giorgio Lupano. Beppe Fiorello infine vestirà i panni di Domenico Modugno per mamma Rai.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

One Comment

  1. Rossella

    gennaio 31, 2013 at 20:34

    Secondo me ci sono molte cose interessanti. Trovo che grandi artisti come Conti dovrebbero tornare al ritmo della televisione di Attenti a lupo o Cocco di mamma. Io sono cresciuta con i suoi programmi e adesso lo trovo troppo impettito.

    Penso che oggi si dovrebbe recuperare lo stile di Jocelyn e di tanti altri autori e registi televisivi che riuscivano a disegnare uno spazio creativo in cui lo spettatore aveva la possibilità di partecipare senza il bisogno d’identificarsi con questo o quel personaggio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *