Riusciranno i nostri eroi: ovvero quando Max Giusti tira il pacco al venerdì sera

By on gennaio 12, 2013
riusciranno i nostri eroi

text-align: justify”>riusciranno i nostri eroi

RIUSCIRANNO I NOSTRI EROI, LA TRAGICA PRIMA PUNTATA – Se Riusciranno i Nostri Eroi è stato definito dallo stesso conduttore come “il nuovo grande varietà del venerdì sera dedicato agli italiani di oggi”, sappiate fin da subito che non  ci è parso di vedere nè qualcosa che avesse a che vedere con il grande varietà, nè qualcosa di nuovo, nè elementi da dedicare al pubblico italiano. In poche parole, il primo vero buco nell’acqua del 2013. E pensare che questo show era stato fortemente voluto dal nuovo direttore di Rai1 Giancarlo Leone che ha chiosato foto e annunci via Twitter fino alla prima ora di programma.

Che dire? Il tutto è realisticamente apparso sul palco come un insieme di cose non ben precisate: dagli artisti musicali (Fiorella Mannoia e Simone Cristicchi) alle campionesse di scherma (Arianna Errigo ed Elisa Di Francisca) entrate in studio assieme ad un balletto e ad una canzoncina che faceva “Siamo le due moschettiere”; inaspettato è stato l’intervento di Sergio Castellitto, rilegato alla gag dell’insegnate di recitazione per lo studente Giusti che, a quanto pare, ha ancora molto da imparare.

L’ospite che ha reso di più è stato sicuramente Enrico Brignano, abituèe dei palchi col pubblico a vista, che si è cimentato nei suoi classici monologhi conditi dai vari dialetti regionali. Oltre a Giusti e ai vari ospiti però, sul palco si sono avvicendati altri tre personaggi forse abbastanza sottovalutati.

Ha spiccato in simpatia Donatella Finocchiaro (la più sconosciuta televisivamente del cast) che è riuscita a destreggiarsi sul palco di questo show simile all’avanspettacolo con una presa in giro garbata della tv dei talent. Laura Chiatti invece è stata principalmente “adoperata” per mettere in scena quei classici sketch da villaggio turistico, fatti con una sedia, una pistola finta, un costume da prete e tanta fantasia. La stessa fantasia che è stata necessaria per il pubblico da casa per riuscire a sorbirsi Riusciranno i Nostri Eroi dall’inizio alla fine.

L’unico evento shock che ha decretato il clamore sulla rete è stato il cambio di capigliatura di Cristiano Malgioglio che, tagliato il ciuffo platinato, si è imborghesito per il pubblico della prima serata. Da sottolineare, il siparietto Malgiogliano composto da “comparsa in stile Zorro”, “lettura di poesie d’amore dedicate a se stesso” e “telefonatina all’amica Mara Venier”: tutte e tre forse più indicate per uno show della domenica pomeriggio, più che per un prime time del venerdì sera.

Poco sfruttati i momenti verità con la meritevole gente d’Italia: in rapida sequenza è stato intervistato un uomo che produce e vende cashmere senza problemi fino ad arrivare al ragazzetto che trovò un ingente somma di denaro per strada che ha subito consegnato al proprietario.

Un doppia occasione sprecata per Giusti (conduttore e autore di Riusciranno i Nostri Eroi) che probabilmente farà giocare alla Rai la carta dell’usato garantito. Sempre che fra qualche venerdì non ci sbuchi su Rai1 quel Superbrain della Perego che, sarà pure moscio, però… ne incassa di ascolti!

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.

4 Comments

  1. Rossella

    gennaio 12, 2013 at 15:06

    Secondo me è stato bravo. Ho seguito solo il frammento prima dell’esibizione della Mannoia e devo ammettere che non era malvagia come idea anche perché Giusti è un uomo semplice e forse come artista doveva essere più snob. Certo è che il conduttore spesso sottovaluta il fatto che i suoi lavori pregressi contribuiscono a delineare il suo profilo artistico. Nel suo caso era evidente perché immediatamente prima c’era Affari tuoi: non si può! Ad esempio Conti funziona per la coerenza con cui accetta i lavori. Non è uguale a se stesso ma si cala in un unico modo di concepire la televisione: anche Miss Italia l’ha condotta con il suo aplomb e non a caso si è allineato con la grande tradizione di Mirigliani.

  2. simone

    gennaio 14, 2013 at 14:04

    Per me Max Giusti si è comportato benissimo e lo spettacolo l’ho trovato molto gradevole.

  3. maria

    gennaio 14, 2013 at 14:36

    Devo dire che lo show è assai piacevole e sicuramente lo rivedrò di nuovo settimana prossima: il trio Giusti – Finocchiaro – Chiatti devo dire che funziona!

  4. mcquail

    gennaio 14, 2013 at 19:11

    A me è piaciuto molto lo show, giusti si conferma in palla. Forse qualche meccanismo va oliato, ma buona la prima!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *