Striscia la notizia, impiegato si suicida dopo il servizio di Luca Abete

By on gennaio 19, 2013
L'inviato di Striscia Luca Abete

text-align: justify”>L'inviato di Striscia Luca Abete

STRISCIA LA NOTIZIA, dopo le polemiche suscitate dal servizio dedicato a Cesar Millan, è  di nuovo nell’occhio del ciclone per un fatto sconcertante accaduto a Napoli, conseguenza di un servizio realizzato dall’inviato del tg satirico Luca Abete. A seguito di un filmato in cui si denunciava “una cattiva prassi al catasto di Napoli” in cui gli impiegati erano avvezzi, a detta di Striscia, a intascare mazzette per rilasciare pratiche senza bisogno di delega, si è suicidato buttandosi dal balcone della sua abitazione l’impiegato che all’epoca era stato colto sul fatto dalle telecamere nascoste del programma. Il 59enne infatti, durante il servizio andato in onda il 24 gennaio del 2012, era stato colto in flagrante mentre accettava la mazzetta di 20 euro dopo aver dapprima negato di rilasciare la planimetria richiesta, ma po a quanto pare convinto dal colore del contante.

STRISCIA LA NOTIZIA con l’aiuto di una complice aveva pertanto documentato il fatto e messo nei guai l’impiegato in questione, Lucio Montaina che dopo procedimenti legali era stato licenziato in tronco. La disperazione dell’uomo, padre di due figli di cui uno disabile è stata tanta che proprio nei giorni scorsi, alle 5 di mattina si è lanciato dal balcone della sua abitazione, dopo essere stato da un collega e aver affermato di essere stato vittima di un agguato da parte di Striscia la notizia: “Mi hanno teso una trappola, sono degli sciacalli”.

Immediati i commenti dei colleghi dell’uomo che puntano il dito contro la trasmissione e i suoi metodi piuttosto eclatanti nel gettare fango addosso alle persone, certi dell’innocenza del collega. “È giusto perseguire chi ruba e chi commette illeciti, ma non si può braccare un uomo come se fosse un delinquente. Lucio era una persona perbene”. Accusato di sciacallaggio, il tg satirico di Striscia la notizia è dunque stato inondato da critiche e ritenuto responsabile della morte dell’uomo che avendo perso il lavoro a causa dell’accusa di Striscia la notizia, non è riuscito più a sostenere il peso e le conseguenze delle sue presunte azioni.

 

About Alessia Onorati

E' laureata in Lettere indirizzo Discipline dello Spettacolo con una tesi sul metalinguaggio nel cinema documentario. Sin dalla tenera età amante della scrittura, è approdata al mondo del giornalismo con uno stage post universitario in un giornale locale della sua zona di residenza per poi iniziare varie collaborazioni da free lance con mensili di spettacolo e siti web. Appassionata di letteratura, viaggi, teatro e cinema, non può fare a meno della tv e soprattutto adora i programmi gialli e horror, nonché di mistero e approfondimento culturale "di qualità".

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *