Superbrain affondato da Aldo Grasso e Lucio Presta lo minaccia via Twitter

By on
superbrain supermenti perego

text-align: justify”>superbrain supermenti perego

ALDO GRASSO CRITICA SUPERBRAIN, LUCIO PRESTA LO INSULTA – Come poteva concludere l’anno il critico televisivo più chiacchierato del momento? Ovviamente parlando male dell’ultimo show televisivo approdato in Rai. In questo caso, a passare sotto le grinfie di Aldo Grasso è stato proprio “Superbrain – Le Supermenti”, show condotto il 29 dicembre da una rivitalizzata Paola Perego.

In via definitiva “Superbrain – Le Supermenti” ci è sembrato un programma molto ben confezionato, forse una cura dei dettagli troppo scrupolosa (e non solo) ma il critico tv sulle pagine del Corriere della Sera ha puntato il “carico da 90” sentenziando che la conduttrice era in quello show semplicemente per un accordo fra Rai e Lucio Presta (impresario di molti vip) che deliberò la serata evento “La più bella del mondo” di Benigni. L’accordo è stato coniamo proprio come “Pacchetto Benigni”. Questa la dichiarazione scottante:

Non dev’essere facile per Paola Perego condurre dopo alcune esperienze sfortunate: sa che è lì in quanto moglie di Lucio Presta e forse il programma fa parte del “Pacchetto Benigni”. La capiamo…

Alla lettura di queste affermazioni, le repliche all’articolo sono state le più diverse. Paola Perego ha twittato sul proprio social-profilo che è abituata alle malignità della gente porgendo i suoi ringraziamenti alla rete per aver deciso di realizzare “Superbrain”; parlando della rete, il neo direttore di Rai1, l’iper twittante Giancarlo Leone, non si è risparmiato in dichiarazioni ed ha negato l’esistenza di un papabile “Pacchetto Benigni”.

Tutte risposte molto tranquille, insomma. A smorzare gli animi pacati però ci ha pensato Lucio Presta (impresario nonché marito della Perego) che sempre su Twitter si è scagliato ferocemente sulle affermazioni del critico:

Vedi Aldo Grasso, non hai mai avuto le palle e non le avrai mai. Spero facciano a tua moglie e figli quel che tu fai agli altri. Vergognati! Aldo Grasso, del resto, se vieni dopo il meteo ci sarà un motivo! Sei un c*glione. Ma uno solo! Aldo Grasso, quella di oggi non è critica ma solo livore. Tutti lo pensano ma nessuno ha il coraggio di dirtelo: SEI UN C*GLIONE anche nel 2013…

Un carattere davvero troppo fumantino per l’inizio del nuovo anno. Signor Presta, chissà che il nuovo anno generi in Lei un po’ di pacatezza rispetto a questo livore che ha sempre avuto contro i critici televisivi. Poi, si sa, non arrabbiarsi fa bene alla salute.

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.
Articolo aggiornato il

One Comment

  1. Rossella

    gennaio 1, 2013 at 15:34

    S Spesso il prof Grasso usa espressioni forti: a primo impatto offendono anche il pubblico di certi programmi…pero’ un vero intellettuale vuole un interlocutore sveglio… Non vuole un fan che si accompagna alla televisione che meglio lo lusinga… Lo ammiro perche’ non offende la nostra intelligenza e non cerca la nostra simpatia… Io non ho viaggiato molto e ho sempre fatto affidamento solo sui libri e sulla scuola.
    Poi ho scoperto che la televisione e’ la vera scuola e che i tuoi valori non contano niente se non sono condivisi dal contesto sociale: chi divulga in maniera piu’ rapida?
    Infondo siamo bigotti al punto da cercare un precedente ad ogni comportamento! La televisione ci fornisce il precedente e i successivi e chi non si omologa e’ fortunato se dietro ai suoi valori c’e’ una fede solida. Ma c’e’ anche chi e’ ateo e gli intellettuali quando agiscono ispirandosi a principi etici aiutano anche lui ad essere libero di agire nella sua gerarchia di principi. Gli intellettuali non sono mai simpatici perche’ mettono ordine e descrivono empiricamente la realta’… Ma accettano le critiche e sono i primi a non intralciare il pensiero… Non sono censori o moralisti:sono come il serpentone degli auguri della serata su rai uno condotta da Carlo Conti…in maniera pacifica inquadrano la vita da logiche diverse.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *