Anna Oxa non si ferma ed approda a Verissimo per parlare del “sistema”. E intanto Virginia ne fa una parodia

By on febbraio 24, 2013

text-align: center”>

ANNA OXA A VERISSIMO PER MANDARE AVANTI LA SUA (POCO COMPRESA) BATTAGLIA – L’ “Oxa Polemical Tour” non si ferma, e continua a spopolare ad ogni ora e su ogni rete in qualsiasi programma televisivo. Partita a polemizzare subito prima di Sanremo, i suoi argomenti non si sono arenati alla sola esclusione dal Festival, ma hanno cominciato a coprire presunti ambigui sistemi anche aldilà della musica. In ultimo atto, la pimpante Anna Oxa ha animato il sabato pomeriggio di Canale 5 nel Verissimo salotto di Silvia Toffanin, dove ha riproposto le sue argomentazioni contro il Festival di Sanremo sfociando poi in discorsi pseudo politici. Ma andiamo con ordine. Prima di ogni cosa, chiarisce la sua posizione sull’esclusione dalla kermesse canora:

Non ho mai avuto un rapporto viscerale con Sanremo, sono stata esclusa altre volte. Ma, attraverso questa situazione che mi è apparsa così palesemente politica, ho voluto sollevare un problema: voglio tutelare i giovani che oggi vogliono fare arte

La questione si sposta quasi subito su argomenti di politica e società, sollevando l’evidente problema della non valorizzazione dell’arte nel nostro Paese e della difficoltà dei giovani a trasformare il proprio talento artistico in un lavoro. A questo punto, la padrona di casa contraddice l’ospite evidenziando l’altra faccia della medaglia, la difficoltà a vendere musica, bene non essenziale, a causa della profonda crisi che ci attanaglia. La risposta di Anna Oxa non tarda ad arrivare, che ribadisce come la crisi sia stata provocata da gente che non crea lavoro e che non bada al destino degli italiani. Ma non finisce qui, nonostante la Toffanin cerchi di riportare il discorso su Sanremo, il fulcro delle risposte si sofferma sempre sulla polita.

PER ANNA OXA OGNI AZIONE E’ POLITICA; FABIO FAZIO NON DALLA PARTE DELL’ARTE – Quando la conduttrice ricorda all’ospite che non si trova in un programma politico, Anna Oxa non ci sta e sottolinea come ogni azione che si compie è un’azione politica, qualsiasi essa sia, e poi continua:

Io sto facendo una proposta di sovvenzionare l’arte in tutte le sue forme, per far sì che chi voglia intraprendere questo mestiere possa farlo. Sono andata oltre Sanremo, altrimenti oggi non sarei qui come oratrice.

La polemica, tanto urlata quanto incompresa, sarebbe potuta continuare all’infinito, ma la signora Berlusconi, poco incline alle discussioni, ha preferito troncare il battibecco, non senza difficoltà. Prima di concludere con la polemica su fantomatico “sistema“, Silvia Toffanin si lascia sfuggire un apprezzamento verso Fabio Fazio, che Anna Oxa raccoglie prontamente per lanciare la sua ultima frecciata:

Mi auguro che lui possa pensare ciò che fa: dire che fa parte del sistema e non che stia dalla parte dell’arte, perché così non è.

VIRGINIA RAFFAELE NE FA UNA PARODIA – La polemica, partita al momento dell’ufficializzazione dei cantanti in gara a Sanremo, risulta ogni giorno di più tanto chiasso e poca sostanza. L’incomprensibile susseguirsi di apparizioni in vesti di oratrice continua a non rendere comprensibile il vero motivo che ha scatenato la bagarre, che a detta della cantante va al di là della sua esclusione sanremese. La polemica è stata presa a tema anche dalla regina delle imitazioni Virginia Raffaele, che ne ha riproposto un’interessante parodia nel pomeriggio di Quelli Che… , ma nonostante lo sforzo dimostrata da quest’ultima, la Oxa originale risulta agli occhi di chi guarda molto più esilarante. Da tutta la polemica, viene da chiedersi solo una cosa; entro la fine della stagione televisiva, riusciremo anche noi poveri ed ignoranti telespettatori a capire cosa sia questo “Sistema enunciato fino allo spasmo?

About Vito Tricarico

Nato nel cuore del sud nel 1993, diplomato da non molto come Tecnico della Gestione Aziendale. Curioso osservatore con la voglia di costruirsi ogni cosa con le proprie mani, dedica il proprio tempo a dilettarsi nella scrittura, nel disegno e dare seconda vita ad oggetti comuni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *