Che Dio ci aiuti 2, Lino Guanciale: “Guido Corsi è un antipatico irresistibile!”

By on febbraio 25, 2013
foto serie tv che dio ci aiuti 2 suor angela guido corsi

text-align: center;”>foto serie tv che dio ci aiuti 2 suor angela guido corsi

CHE DIO CI AIUTI 2 – La serie tv diretta da Francesco Vicario e prodotta dalle case Lux Vide e Rai Fiction è cominciata lo scorso giovedì con i due episodi della prima puntata (qui il riassunto) che hanno ottenuto il gradimento del pubblico conquistando il primato di ascolti della serata. Le avventure della bizzarra suor Angela, interpretata dalla brava Elena Sofia Ricci, hanno cambiato decisamente tema. Dal giallo si è passati infatti al risvolto sociale, e nella prima puntata la serie ha affrontato subito un argomento caldo come quello dell’affido dei minori.

Uno dei personaggi chiave della seconda stagione di CHE DIO CI AIUTI, è sicuramente l’attore LINO GUANCIALE, una delle new entry del cast di quest’anno, composto anche da Francesca Chillemi (Azzurra Leonardi)Miriam Dalmazio (Margherita)Laura Glavan (Nina)Rosa Diletta Rossi (Chiara)Cesare Kristian Favoino (Davide)Luca Capuano (Francesco Limbiati)Alessandro Borghi (Riccardo Manzi)Massimo Wertmuller (Giorgio Alfieri)Ludovico Fremont (Emilio)Edelfa Chiara Masciotta (Beatrice)Massimo Polizzy Carbonelli (notaio Leonardi) e Valeria Fabrizi (suor Costanza)

LINO GUANCIALE è stato intervistato da Rai.tv in merito alla sua interpretazione. L’attore ha dato un’idea del suo personaggio, descrivendo nel dettaglio quello che dovremo aspettarci dall’avvocato e professore Guido Corsi durante le prossime puntate.

Avendo accettato il ruolo di tutor nella residenza del convento modenese propostogli da suor Angela, Guido Corsi è subito entrato in contatto con i personaggi che affollano il convitto e che vivono in questa famiglia allargata. “Guido Corsi è un antipatico, ma allo stesso tempo irresistibile! Si tratta di un docente universitario molto innamorato della legge, ex avvocato, che si trova in continuo contrasto con suor Angela. Una specie di Peppone alle prese con Don Camillo in gonnella. Quello che mi è piaciuto di questo ruolo – ha detto LINO GUANCIALE è stato poter trasferire nel personaggio una parte di me, una certa misantropia seppur lieve. Inoltre ho apprezzato la crescita che la figura di Guido ha nel corso di tutta quanta la serie, una crescita affettiva, più che altro. A Guido Corsi si può comunque volere bene. A me – ha aggiunto l’attore – è successo nonostante io non sia un sentimentalone”. 

Il set di CHE DIO CI AIUTI 2 è stato ovviamente “invaso” da numerose donne. Per Lino Guanciale è stato bellissimo entrare in questo cast, soprattutto per i primi venti minuti, tra attrici belle e divertenti. Poi nel corso del tempo si è creata la confidenza, e la presenza di così tanti personaggi femminili ha creato un’aria di domesticità bella sul set, era un po’ come entrare a casa tua, con i pro e i contro della cosa”. Certamente si è trattato di un lavoro lungo, ha proseguito Guanciale, che ha necessitato in primis di belle relazioni e di bei rapporti tra le persone che ci lavorano.

L’intervista si è chiusa con una considerazione sulla sceneggiatura. Inizialmente l’attore temeva un confronto tra la prima serie di CHE DIO CI AIUTI e la seconda, soprattutto perchè il personaggio rischiava di schiacciarsi. Leggendo le sceneggiature, invece, LINO GUANCIALE ha scoperto che la scrittura era ben congeniata e che questo rischio non c’era, tanto più che Guido Corsi (e anche gli altri nuovi personaggi del cast) è una figura pensata e scritta in un modo del tutto diverso, dando vita a un prodotto nuovo. “Sono molto contento di aver lavorato in questo set, perchè nonostante si è rimasti nell’ambito della produzione ‘familiare’ di RaiUno, gli attori e gli spettatori hanno avuto una buona occasione per non fare semplicemente commedia ma un prodotto misto a valori e registri più drammatici. Io ho apprezzato queste novità e mi sono divertito molto”. 

Rivedremo LINO GUANCIALE nella prossima puntata di CHE DIO CI AIUTI 2 in onda giovedì 28 febbraio alle 21,10 su Rai Uno (qui le anticipazioni).

About Luca Mastroianni

E' nato a Roma ed è un giornalista pubblicista. Ha lavorato presso Legambiente e il Ministero dell'Ambiente, collaborando con agenzie e uffici stampa e occupandosi di attualità, diritti e corsi di giornalismo. Oltre alla scrittura ha grande passione per il calcio, il tennis e la musica. Della televisione ama soprattutto le serie tv degli anni Ottanta e Novanta: da Twin Peaks a La Tata, da C.S.I. a Friends, da I Griffin a Sex & the city.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *