Festival di Sanremo 2013: le pagelle della terza serata

By on febbraio 15, 2013
Foto di Sanremo 2013 terza puntata

text-align: justify”>Foto di Sanremo 2013 terza puntataFESTIVAL DI SANREMO 2013: LE PAGELLE DELLA TERZA SERATA. Ieri sera è stata una serata di vera gara per il Festival di Fabio Fazio e Luciana Littizzetto e infatti è stata resa nota la classifica del televoto che peserà al 25% sulla classifica di sabato. Noi siamo qui con le nostre classiche pagelle che però oggi presentano una novità importante: ci saranno ben 3 voti differenti. Uno dato dalla redazione del nostro blog che ieri ha valutato tutte le canzoni, un altro voto invece viene dato da un gruppo d’ascolto di appasionati di Sanremo composto da persone di sesso ed età differenti, infine il voto popolare. Il terzo voto, infatti, è quello dei nostri lettori che ieri su Facebook si sono scatenati a dare i propri giudizi alle canzoni e sono arrivati oltre 700 voti scatenando discussioni proprio sui brani in gara.

Festival di Sanremo 2013: le pagelle della terza serata. Insomma un’ iniziativa quella presa da LaNostraTv che è molto piaciuta ai nostri lettori che per una sera sono diventati una vera e propria giuria demoscopica. Nelle pagelle di questa sera dopo un breve commento sull’ esibizione potete leggere i tre voti ben distinti e quindi poter capire quali sono i gusti degli italiani al di là del televoto. Non ci resta che lasciarvi quindi ai giudizi, prima vi ricordiamo che nella serata di questa sera verrà eletto il vincitore dei giovani e soprattutto non ci sarà la gara dei big che canteranno le canzoni più belle della storia del Festival.Festival di Sanremo 2013: le pagelle della terza serata in ordine di esibizione.

SIMONA MOLINARI CON PETER CINCOTTI – La Felicità

Una canzone che sicuramente ha il merito di portare un po’ di allegria sul palco dell’ Ariston. In questa serata la Molinari canta sicuramente meglio rispetto all’ esordio e la canzone risulta anche più apprezzabile in questo secondo ascolto. Anche quel gusto un po’ retrò risulta essere molto ben studiato, rimaniamo invece della stessa idea sulla presenza di Peter Cincotti che appare piuttosto inutile visto che si limita solo a cantare pochissime frasi.

Voto Utenti Facebook: 7,5/ Voto Redazione: 7-/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 7

MARCO MENGONI – L’essenziale

E’ il preferito dal televoto, ma in realtà il cantante che ha vinto X Factor non convince pienamente con questa canzone. Anche nel secondo ascolto confermiamo che il brano assomiglia già ad un altro del cantante, lui ha il merito sicuramente di essere tra i più precisi di questo Festival: ottima intonazione. Il testo del brano è davvero però troppo banale e in questo Sanremo anche le parole sono molto importanti.

Voto Utenti Facebook: 8/ Voto Redazione: 6+/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 6

ELIO E LE STORIE TESE – La canzone mononota

Hanno la canzone più geniale del Festival, ma devono anche i loro consensi alle loro esibizioni che sono sempre originali e imprevedibili. Poi c’è anche da sottolineare che nonostante la canzone possa sembrare leggera e divertente, in realtà è molto difficile considerando i continui cambi di ritmo e la velocità generale del brano. Che dire non sappiamo se vinceranno, ma sicuramente a loro va la palma dei più originali del Festival.

Voto Utenti Facebook: 4/ Voto Redazione: 7-/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 8

MALIKA AYANE – E se poi

E’ sicuramente una cantante raffinata Malika e lo dimostra anche in questa sua partecipazione a Sanremo 2013. La canzone è scritta da Sangiorgi che come al solito costruisce un bel testo, alla canzone però manca qualcosa per essere un vero successo: non esplode mai e rimane più o meno stabile senza sorprendere quindi chi la ascolta. Il pubblico ieri sera non ha assolutamente premiato la cantante, tra le ultime in classifica.

Voto Utenti Facebook: 7-/ Voto Redazione: 7,5/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 7

MARTA SUI TUBI – Vorrei

Avevano l’ occasione di Sanremo per farsi conoscere da un pubblico molto più ampio, ma il gruppo non ha voluto puntare su una canzone più semplice da capire e da apprezzare. Così il risultato finale è un brano che non può piacere al pubblico del Festival, belle però le melodie che sono molto varie e più fantasiose e originali rispetto ad altre canzoni in gara. Non basta però per salvare la loro partecipazione e la classifica provvisoria lo dimostra.

Voto Utenti Facebook: 3,5/ Voto Redazione: 4,5/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 6

CHIARA – Il futuro che sarà

La canzone guadagna punti al secondo ascolto in questo Sanremo 2013. Lei poi è come sempre precisa e intonata con una voce potente che già conosciamo. Il tango è sicuramente coinvolgente, la canzone perde un po’ di consensi e di bellezza forse nel ritornello che non è all’ altezza delle strofe. Intanto lei è vicina al podio, almeno secondo la classifica provvisoria del televoto.

Voto Utenti Facebook: 6+/ Voto Redazione: 7-/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 7,5

MAX GAZZE’ – Sotto casa

Ieri aveva sorpreso tutti con una delle canzoni più ritmate di questo Sanremo e con questo secondo ascolto il brano guadagna ancora più punti. Un bel testo, simpatico e intelligente, melodia fantastica che ci accorgiamo che nasconde tante sfumature che non avevamo notato nell’ esibizione di ieri. E’ lui la vera sorpresa di questo Festival di Sanremo 2013, anche se il televoto non lo premia particolarmente.

Voto Utenti Facebook: 8-/ Voto Redazione: 8+/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 8,5

ANNALISA – Scintille

La giovane cantante di Amici mostra ancora una volta di essere una delle più precise e intonate di questo Festival. La sua bella e limpida voce si adatta benissimo al brano. La canzone come vi avevamo detto già ieri è un esperimento molto coraggioso da parte della ragazza: uno swing che forse poteva non piacere al grande pubblico e invece il televoto per ora le ha riservato il terzo posto in classifica.

Voto Utenti Facebook: 7+/ Voto Redazione: 7+/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 7

MARIA NAZIONALE – E’ colpa mia

Un classico della canzone neo-melodica napoletana: non si può definire meglio questa canzone di Maria Nazionale che risulta sorprendentemente alta in classifica con un brano che sicuramente non trova l’ appoggio dei giovani. La canzone però, ve l’ avevamo detto, può piacere al pubblico più classico di Sanremo.

Voto Utenti Facebook: 5,5/ Voto Redazione: 3,5/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 4,5

SIMONE CRISTICCHI – La prima volta(Che sono morto)

Avevamo detto di voler riascoltare Cristicchi prima di dare un giudizio definitivo: nella serata di ieri sicuramente è stato più preciso lasciando quindi più spazio ad ascoltare meglio il testo che a notare le sue stonature. Il testo è surreale, racconta la vita con semplicità e lo fa nel suo classico modo ironico. Potrebbe diventare un tormentone, ma forse non ha il ritmo giusto per farlo.

Voto Utenti Facebook: 6/ Voto Redazione: 6+/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 6

MODA’ – Se si potesse non morire

Erano i favoriti e con questa canzone che rappresenta il più classico stile di Sanremo possono farcela. Nonostante un testo banale, una canzone che ricorda vagamente il brano di Emma in una versione più lenta, il pubblico sembra apprezzare sempre di più lo stile della band che ormai colleziona successi. Riusciranno nell’ impresa questa volta?

Voto Utenti Facebook: 7,5/ Voto Redazione: 4+/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 5

DANIELE SILVESTRI – A bocca chiusa

Un testo che va ascoltato con attenzione per poterne capire bene il significato. Solo in questo modo si può apprezzare meglio la canzone di Silvestri cantata solo con piano e voce. La presenza di Renato Vicini che interpreta nel linguaggio dei segni è quel tocco in più di una canzone che è una denuncia dell’ Italia di oggi.

Voto Utenti Facebook: 7-/ Voto Redazione: 7-/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 8+

ALMAMEGRETTA – Mamma non lo sa

Non di certo una delle migliori canzoni della storia della band capitanata da Raiz. Insomma per questo Sanremo ci si aspettava di sicuro molto di più da loro, il cantante poi ha reso anche ieri sera il testo quasi incomprensibile. Quindi come fare ad apprezzare la loro canzone?

Voto Utenti Facebook: 4-/ Voto Redazione: 5+/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 5+

RAPHAEL GUALAZZI – Sai(Ci basta un sogno)

Leggermente più in forma rispetto alla prima serata, Gualazzi si riconferma come uno dei giovani italiani più talentuosi. Bella la canzone, intimista che però si accende nel finale. Il testo parla di amore: il tema può piacere o meno, ma bisogna anche ammettere che le sue parole poi non sono così banali.

Voto Utenti Facebook: 5+/ Voto Redazione: 7-/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 7+

GIOVANI

Andrea Nardinocchi – Storia impossibile: lui usa e abusa l’ elettronica in questo pezzo che però non ha nessun elemento per poter funzionare né a Sanremo né fuori. Una canzone che a primo impatto può essere definita una canzone d’ amore, ma è anche una riflessione esistenziale. Eliminato. Voto Utenti Facebook: 6/ Voto Redazione: 6/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 5-

Antonio Maggio – Mi servirebbe sapere: Un uomo conteso tra il bene e il male, di questo parla la canzone del giovane ex X Factor. Anche in questo caso c’è la musica elettronica, ma ci sono anche le sfumature retrò che rendono il tutto godibile. Può funzionare, va in finale. Voto Utenti Facebook: 8,5/ Voto Redazione: 6-/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 5-

Paolo Simoni – Le parole

Un testo improntato tutto sull’ importanza delle parole, la musica non è accattivante e sa di vecchio o già sentito. Di sicuro un’ occasione come quella di Sanremo sprecata da questo giovane cantautore.

Voto Utenti Facebook: 4+/ Voto Redazione: 3+/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 5-

Ilaria Porceddu – In equilibrio

Anche lei è un’ ex di X Factor. La canzone parla della ricerca continua di un equilibrio nella nostra vita, bello il sardo nel ritornello, ma la canzone in generale non può funzionare nelle radio.

Voto Utenti Facebook: 9-/ Voto Redazione: 4,5/ Voto Gruppo d’ Ascolto: 6

About Matteo Pagano

Nato a Casarano (Lecce) nel 1990, è il più giovane tra i Redattori. Frequenta nel Salento la Facoltà di Scienze della Comunicazione, si definisce socievole, ironico e simpatico. Non ha peli sulla lingua, non sopporta l'ipocrisia, ama scrivere ed ascoltare musica. La sua passione è esplosa al Liceo quando gestiva un giornalino di classe. Ha collaborato con giornali online di universitari e il suo rapporto con la tv è di amore-odio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *