La7, Mentana e Lerner pronti a diventare azionisti con Della Valle

By on febbraio 17, 2013

text-align: center”>Enrico Mentana e Gad Lerner con Diego Della Valle

Enrico Mentana e Gad Lerner potrebbero diventare azionisti de La7: la svolta nella trattativa per la cessione dell’emittente tv arriva con l’annunciata presentazione della manifestazione di interesse di Diego Della Valle, contenuta in una lettera pervenuta ieri al presidente di Telecom Italia Franco Bernabè. Una mossa che potrebbe stravolgere l’esito della trattativa in corso con i due potenziali acquirenti, Cairo e Clessidra, che sarà al centro del possimo consiglio di amministrazione della società martedì 19 febbraio.

Della Valle ha chiesto il tempo necessario, qualche settimana, per esaminare i documenti e predisporre un’offerta d’acquisto, ma ha già anticipato la sua trovata, quella di coinvolgere volti-simbolo de La7 nella cordata per l’acquisto dell’emittente (che ha già trovato terreno fertile):

La mia idea è quella di riunire poi nell’azionariato un gruppo di persone che vogliano bene al nostro Paese e che abbiano voglia di sostenere uno strumento di informazione importante, garantendone la totale autonomia, e di coinvolgere nell’azionariato professionisti che lavorano attualmente a La7 e altri ancora che avranno voglia di partecipare a questo progetto

Un’idea, quella di Della Valle, che ha già trovato terreno fertile…

Enrico Mentana e Gad Lerner hanno risposto positivamente all’appello di Della Valle. Tra il fondatore di Tod’s e il direttore del TgLa7 c’è un’amicizia di lungo corso, che il giornalista non ha mancato di ricordare, specificando che a prescindere da qualunque legame personale, non si tira indietro di fronte ad una “una richiesta di assunzione di responsabilità (…) gestionale, di rischio d’impresa e di patto di fedeltà“, purchè l’operazione si fondi su un progetto chiaro e su due principi fondamentali:

Il mantenimento dell’indipendenza e la sostenibilità economica. A me sembra che Della Valle abbia le spalle abbastanza larghe per assicurare l’indipendenza. Per noi è essenziale. Il nostro tg per Bersani è grillino, per Grillo è montiano, per Berlusconi è filo-Pd e così via… Non esiste miglior complimento per noi ed è un bene da tutelare e difendere

Anche Gad Lerner è sulla stessa linea di Mentana: il conduttore di Zeta, volto storico di La7 con il suo Infedele, si è detto pronto “sia alla compartecipazione diretta in un progetto serio e credibile sia all’autoriduzione dei nostri compensi“. Con una precisazione: secondo Lerner questa necessità della società madre di vendere la controllata che edita La7 rischia di trasformarsi in un clamoroso autogol nei confronti della concorrenza ed una mossa che indebolisce la stessa Telecom sul mercato delle telecomunicazioni. A parte questa premessa, anche Lerner si è detto disposto ad entrare nell’azionariato di La7, ritenendo “una nostra assunzione di responsabilità non solo doverosa ma anche appassionante“. La manifestazione d’interesse di Della Valle (che riguarda la sola La7, senza per Mtv né le frequenze di trasmissione) sarà valutata dal cda di Telecom martedì prossimo.

About ClaudiaGagliardi

Nata a Pompei nel 1987, si è laureata in Scienze della Comunicazione con una tesi sul pluralismo e l'indipendenza dell'informazione e sta per specializzarsi in Comunicazione istituzionale. Oggi si occupa delle pagine di attualità del portale Excite.it. Appassionata di giornalismo e di politica, segue con attenzione il mondo della televisione, spesso con occhio critico, soprattutto sul versante della qualità dell'informazione. Divoratrice di programmi di approfondimento e di satira, ma anche di serie tv ("Friends" e "Lost" su tutte) e di cinema, insegue il sogno di diventare giornalista professionista.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *