L’Eredità: Carlo Conti e la gaffe gay col concorrente

By on febbraio 1, 2013
l'eredità carlo conti

text-align: justify”>l'eredità carlo conti

CARLO CONTI, GAFFE CON UN CONCORRENTE GAY A L’EREDITA’Piccola gaffe risolta con gli applausi del pubblico è andata in onda nella puntata di ieri sera de L’Eredità, quiz show di RaiUno condotto da Carlo Conti. Protagonista di questa svista del conduttore è stato Alessandro Grilli, 21enne di Serravalle presentatosi nel game di Mamma Rai come uno dei cinque sfidanti della puntata del 31 gennaio. Il Ragazzo si intrattiene col conduttore nella solita presentazione di rito e, fra il titolo di studio e la descrizione del look giovanile, la discussione cade rapidamente sulle questioni amorose.

Conti chiede al ragazzo se è “Sposato, fidanzato, single? e il ragazzo cerca di non puntare troppo sull’argomento rispondendo semplicemente “single!”. Conti  fa spallucce e gli chiede …E come mai?; a quel punto, Alessandro da una risposta vaga: “Non si trova. Sarà che c’è la Crisi!“. La battuta del giovane fa scattare l’applauso del pubblico ma Conti, imperterrito, continua a chiedere “… E come mai?. Il ragazzo, visibilmente infastidito dalla continua domanda, ributta il discorso sul vago: “Sarà che abito in un paesino piccolo…“.

A quel punto, Conti incalza: “Ah! Ma dici che lì a Serravalle… Non si accontentano le ragazze di Serravalle…. E lì, con un po’ di timidezza, il concorrente Alessandro, gli risponde:

Ehm… Ma non tanto le ragazze. Ehm… Infatti, ultimamente sono andato al Gay Pride. Quindi… Cercherei di più un ragazzo!”

La risposta di Conti è un secco “Ah! Ah vedi… Evvai!. E a questa esternazione, parte l’applauso del pubblico che sdrammatizza un po’ la situazione. Il conduttore a quel punto, avendo compreso la situazione fa l’ironico:

Beh dai, adesso magari c’è qualcuno di Serravalle che ti ha visto e dice: “Ah ma vedi che c’è  sto Alessandro…

A questo punto, il discorso cambia totalmente tema e finisce sul cibo. Una simpatica gaffe che concediamo a Carlo Conti visto che, tutto sommato, ha dimostrato di sapersela cavare anche in una situazione così particolareggiata. Questo è il primo coming-out italiano formato Tv?

About Gigi

Gigi, classe 1989, pugliese doc. Figlio della generazione 2.0 e appassionato di Social Media, coltiva moltissimi hobby: il video editing, la recitazione, bloggare online, cimentarsi nella fotografia e nel web-design.

7 Comments

  1. Italo Sgrò

    febbraio 4, 2013 at 14:47

    Giustamente Carlo Conti ha dato per presupposto che Alessandro fosse eterosessuale, visto che questa condizione costituisce la regola e la normalità nell’antropologia umana. Piuttosto non avrei fatto retromarcia dopo aver ricevuto l’outing del concorrente. Avrei invece replicato più o meno così: “mi dispiace che ti trovi in questa situazione, spero che tu possa uscire da essa e recuperare un orientamento sessuale normale oppure, quantomeno, evitare di assecondare la tendenza omosessuale, cosa che sarebbe moralmente inaccettabile. Auguri!”

    • Tamara

      marzo 8, 2013 at 22:45

      Caro Italo, mi dispiace che ti trovi in questa situazione (ignoranza allo stato puro), spero che tu possa uscire da essa e recuperare un pò di sanità mentale

  2. Francesca

    marzo 10, 2014 at 20:59

    Di grave c’è che la Rai, in orario protetto, metta in mostra certe porcherie con i bambini davanti alla TV

  3. Mario

    marzo 10, 2014 at 21:00

    Certo è triste che le lobby gay impongano la loro agenda anche nei programmi TV in orario protetto. Che schifo

  4. Luana

    marzo 10, 2014 at 21:00

    Basta con la propaganda gay nei programmi per minori. Vergognatevi

  5. Luana

    marzo 10, 2014 at 21:01

    C’è poco da essere sorpresi. Carlo Conti dovrebbe vergognarsi per essersi prestato a questa pornografia in orario protetto e pagato coi soldi delle famiglie. Bastaaaaa!!!!

  6. Mirella

    marzo 10, 2014 at 21:03

    L’esibizionismo dei gay è sempre più sconcertante. Non hanno neppure rispetto per le persone cui la sodomia fa davvero schifo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *