Lino Banfi torna ad essere Nonno Libero: a chiederglielo ci ha pensato addirittura il papa. Per questo ruolo ha rinunciato ad interpretare Don Matteo

By on febbraio 26, 2013

text-align: center”>

LINO BANFI RITORNA AD ESSERE LIBERO PER UN MEDICO IN FAMIGLIA – E’ stato Libero su Rai 1 per ben 6 stagioni nella fiction Un Medico In Famiglia, ma poi ad un certo punto ha smesso i panni del nonno per dedicarsi ad altri progetti. Il pubblico però non ha avuto alcuna intenzione a rinunciare al “nonno” più popolare d’Italia, e tra “movimentazioni” cittadine ed istituzionali è stato quasi piacevolmente costretto a rivestire i panni di Nonno Libero. Stiamo parlando ovviamente di Lino Banfi, grande protagonista della fiction di Rai 1 che aveva deciso di lasciare la serie più popolare dell’ultimo decennio per dedicarsi ad altri progetti. Ora, libero in tutti i sensi, ha deciso di ristabilirsi sul set dell’ottava stagione di Un Medico In Famiglia, dove da sempre interpreta il padre di Lele ed il nonno di un sempre crescente numero di nipoti. L’accordo preso con Del Noce al momento del suo abbandono gli permetteva di ritornare in qualsiasi momento volesse, tant’è vero che dal prossimo 3 marzo potremo finalmente rivederlo nella prima serata di Rai 1.

ANCHE NAPOLITANO E BENEDETTO XVI HANNO CHIESTO DEL SUO RITORNO – A chiedere a gran voce il suo ritorno è stato praticamente chiunque, dalla gente per strada, al presidente della Repubblica, al papa. Come lui stesso racconta, quando gira per strada ed incontra la gente praticamente tutti gli chiedono quando tornerà ad interpretare Nonno Libero, e, se fino a ieri non poteva dare una risposta precisa, ora può tranquillizzarli con certezza: tornerà il 3 marzo. A chiedergli un ritorno si sono scomodati addirittura Giorgio Napolitano e Benedetto XVI:

L’anno scorso, durante l’incontro con il papa al quale chiesi la benedizione, lui mi accolse dicendo: “Il nonno d’Italia!“. Insomma, sono stato “obbligato” a tornare.

DA PRETE A NONNO, LINO BANFI HA NIPOTI ANCHE NELLA REALTÀ –  Ai tempi della prima stagione della fiction targata Publispei, Lino Banfi avrebbe dovuto interpretare un altro popolare volto delle serie italiane, quello di Don Matteo. I lavori di scrittura della sceneggiatura erano già cominciati, quando invece gli venne proposto di interpretare il ruolo di Nonno Libero. A quel punto, la Rai scelse Terence Hill  per il ruolo del prete e lui si dedicò ad interpretare la parte del nonno d’Italia, scelta che si è rivelata poi incredibilmente azzeccata. Nella realtà, Lino ha davvero dei nipotini tutti suoi che all’inizio soffrivano di gelosia nei confronti dei nipoti di scena, ma poi, crescendo, nipoti reali e virtuali si sono conosciuti diventando amici. Sul set, una vera parente di Banfi c’è, ed è sua figlia, ma nel ruolo che riveste è semplicemente una dipendente della ASL, ora clinica privata, di Poggio Fiorito.

NON SOLO ATTORE, FORSE ANCHE CONDUTTORE. UN PROGETTO E’ IN FASE DI DELINEAMENTO – Lino Banfi però non è solo un nonno, ma anche una persona di spettacolo. In cantiere, sempre la Rai, ci sono diversi progetti che lo riguardano. Il primo è sempre inerente alla sfera delle fiction, e lo vedrà protagonista nella miniserie in due puntate “Finalmente Libero“, con un evidente richiamo  nel titolo al suo personaggio più famoso; il secondo progetto, che per ora non trova conferma ma resta un’idea del popolare attore, è quella di sbarcare su Rai 1 come conduttore di uno show televisivo. L’idea deve ancora essere vagliata dal direttore di rete Giancarlo Leone, ma le chance di vedere il progetto concretizzarsi dovrebbero essere abbastanza buone. Nel rivederlo nei panni di Libero siamo tutti contenti, ma nelle vesti di conduttore voi ce lo vedreste?

About Vito Tricarico

Nato nel cuore del sud nel 1993, diplomato da non molto come Tecnico della Gestione Aziendale. Curioso osservatore con la voglia di costruirsi ogni cosa con le proprie mani, dedica il proprio tempo a dilettarsi nella scrittura, nel disegno e dare seconda vita ad oggetti comuni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *