Marco Mengoni: “Basta pregiudizi nei miei confronti. Anche chi proviene da un talent può avere talento”

By on febbraio 28, 2013
foto di marco mengoni vincitore di sanremo 2013

text-align: justify”>foto di marco mengoni vincitore di sanremo 2013Marco Mengoni, vincitore della 63? edizione del Festival della canzone italiana, con il brano L’essenziale si racconta, a qualche settimana dal trionfo, al settimanale Intimità. Si torna a parlare della grandissima polemica sui personaggi provenienti dai talent. Secondo molti giornalisti, tra i quali la Venegoni, sarebbero avvantaggiati al televoto nei confronti di cantanti meno esposti mediaticamente. Se andiamo ad analizzare la classifica del televoto, tale ipotesi trova conferma reale in quanto tra i primi quattro posti, tre cantanti hanno partecipato ad un talent (Marco, Annalisa, Chiara). Sul tema Mengoni sottolinea: “Certamente sono emerso grazie a un talent, il mio passato non lo rinnego e me lo tengo anzi ben stretto, poi chi vuole ascoltare anche quello che so fare è ben accetto. Siamo nel 2013 e non dovrebbero più esserci certi pregiudizi: anche chi viene da un talent può avere talento”. Non rinnega il passato, ma è proiettato al futuro e ai  suoi prossimi impegni, che prevedono l’uscita dell’album #prontoacorrere (19 Marzo) e l’EuroVision Song Contest a maggio in Svezia, dove rappresenterà l’Italia.

La vittoria è arrivata grazie: “alla mia testa dura, senza la mia testardaggine non sarei mai arrivato fin qui. La dedico a Luigi Tenco e alla sua famiglia, che tra l’altro mi hanno chiamato per complimentarsi, ci siamo promessi che ci incontreremo il prima possibile, anche solo per un caffè. Ma dico grazie per questa vittoria anche a tutte le persone che mi sostengono da sempre, ai fan, naturalmente e al mio nuovo team di lavoro, al mio produttore e alla mia manager Marta Donà: si sono fatti in quattro per me”. Del Festival promuove quasi tutto, anche gli importanti messaggi lanciati durante la kermesse canora. La lettera di Roberto Baggio ai giovani, resta sicuramente, il momento che ha sentito più vicino a lui. Durante la serata del venerdì, dedicata a Sanremo Story, Marco ha reinterpretato il testo di Luigi Tenco, Ciao Amore: “L’ho scelto dopo aver visto, alcuni mesi fa, un video di Dalidà che cantava proprio questa canzone: mi sono commosso così tanto che l’ho preso come un segno”. Tra i suoi favoriti c’erano gli Elio e le storie tese (secondi classificati) che avrebbe voluto vincitori, nel caso in cui non avesse partecipato. L’8 Maggio inaugurerà L’essenziale tour 2013 da Milano, un tour teatrale che prevede per il momento sette date. In bocca al lupo ad un giovane artista con una lunga carriera davanti a sè.

About Salvatore Petrillo

Avellino gli ha dato i natali, sotto il segno del Toro. La sua passione per la conduzione televisiva e tutto quanto fa spettacolo è nata con lui e fin da piccolo partecipa a feste, recite e saggi. All’età di 8 anni comincia lo studio del pianoforte frequentando poi il Conservatorio “D.Cimarosa” di Avellino. Laureatosi prima in Scienze della Comunicazione presso l’Università degli studi di Salerno e poi in Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo presso l’Università La Sapienza di Roma con il massimo dei voti, continua ad approfondire e conoscere meglio tutte le varie sfaccettature del mondo televisivo. Collabora con il quotidiano a tiratura regionale Corriere dell’Irpinia scrivendo di attualità, cronaca, spettacolo e con l’agenzia di organizzazione eventi ADVS di Roma. Dopo una parentesi di un anno e mezzo a Londra, dove ha cercato di rubare i trucchi del giornalismo anglosassone, torna in Italia per frequentare un corso di dizione e uso della voce e uno di conduzione televisiva presso l’Accademia 09 di Milano. In futuro sogna di farsi strada nel mondo della conduzione televisiva e dello spettacolo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *