MasterChef, intervista a Daiana Cecconi: “Vi svelo la ricetta con cui conquisterò Matteo Renzi”

By on febbraio 28, 2013
Daiana Cecconi MasterChef Italia 2

text-align: center”>Daiana Cecconi MasterChef Italia 2

Daiana Cecconi, casalinga toscana doc originaria di Follonica (provincia di Grosseto), è stata una dei concorrenti più amati di questa edizione di MasterChef Italia. Classificatasi sesta, Daiana ha superato Mistery Box, Invention e soprattutto Pressure Test di ogni tipo: proprio durante l’ultimo, il più difficile, quello in cui bisognava imitare lo chef Bruno Barbieri in una delle sue ricette più conosciute, è stata battuta da Ivan (che abbiamo intervistato qui). Anche lei, però, il suo segno a MasterChef lo ha lasciato: solare, spontanea, genuina e pronta a mettersi sempre in gioco, con la sua cucina, legata inevitabilmente alla tradizione, ha portato in Tv i sapori semplici e sani della sua terra, senza però dimenticare di rendere moderne alcune delle sue pietanze e di impiattare anche bene.

Dalla speciale amicizia con Suien, nata proprio tra i fornelli di MasterChef, alla rivalità con Tiziana Stefanelli: Daiana ci racconta la sua esperienza in un’intervista esclusiva che ci ha rilasciato e per la quale la ringraziamo. La potete trovare dopo il salto, mentre qui potrete trovare quelle di Andrea e Tiziana.

Ciao Daiana, innanzitutto grazie per la tua disponibilità. Come abbiamo  “vagamente” intuito, non hai mai potuto soffrire troppo la presenza di Tiziana. Sbaglio? Cos’è che proprio non sopportavi di lei?

Ciao Matteo! No, non ti sbagli. Nella competizione la  determinazione di Tiziana l’ho sempre percepita al limite della sopportazione, forse perché siamo totalmente diverse. Comunque per me Avvocato si,  Masterchef no!

Chi avresti voluto vedere in finale e chi avresti voluto che vincesse?

Lasciamo i tre  finalisti come sono; come vincitore, però, avrei preferito  Andrea per la passione dimostrata. Secondo posto a Maurizio per la sua creatività.  Terzo posto Tiziana per la sua determinazione.

Qual è il ricordo più bello che ti rimarrà di questa avventura a MasterChef? 

Oltre all’amicizia con Suien, naturalmente, il mio ricordo più bello è legato al momento in cui mi sono presentata per la prima volta davanti ai giudici. Accompagnata dal marito e dail mio compagno sono riuscita a conquistare i giudici con un piatto lontano dall’alta cucina ma ricco di tradizione che ha fatto centro al cuore.

Qual è invece il ricordo peggiore?

Sicuramente la stanchezza. Nell’ultima prova durante la serata della mia eliminazione, me la sono sentita arrivare addosso come una valanga e ho pensato:  “Adesso muorooo!“. Invece, per fortuna, sono “solo” uscita!

MasterChef Italia è stata un’esperienza unica: come la definiresti in tre parole?

Fantastica, straordinaria, emozionante….per una donna come me e i suoi cinquantatré anni è stato “un cocktail  da sballo”!

La tua idea di cucina è legata alla tradizione e ai sapori classici: quanto pensi che possa averti penalizzato ciò?

Mi sono “combattuta” con tutto l’ animo e non è stato facile. Quella è l’unica cucina che mi rispecchia e che amo veramente…  Questo è il mio ingrediente segreto.

L’insegnamento più grande che MasterChef ti ha regalato…

Un  insegnamento in termini culinari è stato osare di più. Ma la cosa più bella è stata la conferma che non si deve mai smettere di sognare…

… Che è proprio il tuo motto. Finita questa esperienza, hai sogni e progetti futuri legati al mondo della cucina?

Si. Ho alcuni progetti che “bollono in pentola”, ma il primo sfizio che vorrei togliermi è quello di poter  far assaggiare il mio lampredotto al sindaco di Firenze, Matteo Renzi! Il mio sogno più grande sarebbe invece quello di girare un film con Leonardo Pieraccioni ambientato nelle nostre terre fra storie d’ amore e profumi di ottima cucina, nooo?!

Puoi svelarci, in gran segreto, una delle tue ricette migliori? Magari quella con cui intendi conquistare Matteo Renzi…

Non so se è questa la mia ricetta migliore, ma certamente è vincente.

Il lampredotto

Ingredienti

>lampredotto, 800 gr

>pomodori misti per la salsa, 1 kg

>cipolle, 3

>coste di sedano, 5

>carote, 5

>brodo di carne, q.b.

>sale, q.b.

>pepe, q.b.

>olio, q.b.

Preparazione

1. Preparare una salsa di pomodoro con olio, cipolla e pomodori, poi passarla.

2. Preparare il brodo di carne assieme a una cipolla, 2 carote e il sedano; lasciarlo bollire in pentola a fuoco medio.

3. Aggiungere il lampredotto e farlo sgrassare calcolando dal bollore circa 20-25 minuti. Quando la salsa è pronta aggiungere un po’ d’acqua e farla bollire con sedano carota e cipolla, poi aggiungere il lampredotto sgrassato e aggiustare di sale.

4. Fare insaporire il lampredotto, tagliarlo a piccoli pezzetti e servirlo con fette di pane tostato inzuppate nel brodo con l’aggiunta della salsa verde e di quella piccante.

About Matteo

Nato e residente in provincia di Lecce, è il più giovane tra i Redattori de LaNostraTv.it. Frequenta il Liceo Linguistico e adora il calcio (ma solo quello in Tv), la lettura (in particolare la saga di 'Harry Potter' e la magica penna di J.K. Rowling), il mondo dell'Interior Design, la Filosofia, la musica e naturalmente la televisione . La passione per la scrittura e per il giornalismo ha sempre accompagnato il suo percorso scolastico e non. Per il futuro ha molti sogni e parecchie ambizioni, ma anche tanta confusione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *