Sabrina Scampini in Esclusiva a Lanostratv.it: “Quarto Grado ha successo perchè è ben fatto”

By on febbraio 27, 2013

text-align: center”>Sabrina Scampini

SABRINA SCAMPINI IN ESCLUSIVA A LANOSTRATV.IT : “QUARTO GRADO HA SUCCESSO PERCHE’ E’ BEN FATTO”. Nata a Legnano, nell’Alto Milanese, Sabrina Scampini è nota al pubblico televisivo perchè volto femminile di Quarto Grado che conduce con Salvo Sottile. Bionda, affascinante, con i suoi occhi chiari è una delle conduttrici più belle della televisione italiana. Laureata in Scienze della Comunicazione presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha mosso i primi passi in televisione collaborando per alcune fiction come curatrice della parte editoriale. Nel 2010 è approdata su Retequattro al timone del programma di approfondimento che l’ha resa popolare, esperienza alla quale nel 2011 si è aggiunta la conduzione di Domenica Live con Alessio Vinci. Intervistata in Esclusiva per Lanostratv.it, Sabrina Scampini si è raccontata ai nostri microfoni parlandoci di Quarto Grado, ripercorrendo la sua carriera e svelandoci qualche sogno nel cassetto (l’intervista, dopo il salto).

Sabrina Scampini: giornalista, conduttrice, laureata in Lingue e Letterature straniere con indirizzo in Scienze della Comunicazione. Il grande pubblico ti conosce perché volto noto di Mediaset. Sognavi la televisione fin da bambina o immaginavi di intraprendere un’altra strada?

“No, non ho mai pensato di lavorare in tv fino al momento in cui ho iniziato. Sognavo di diventare un pilota di formula 3!” (ride) “In realtà non avevo un obiettivo chiaro in mente, mi è sempre piaciuto scrivere, ma non capivo dove, come, quando…”.

Hai iniziato la tua carriera in televisione lavorando come curatrice editoriale per alcune fiction prima di approdare nel campo della conduzione. Preferisci il set o lo studio televisivo?

“Preferisco lo studio televisivo perchè mi piace la diretta, ma adesso devo ammettere che mi piacerebbe lavorare alla scrittura di una docufiction, o di una serie comedy. Non sono un’appassionata delle lunghe serie all’italiana, ma il set del cinema è magico”.

Braccio destro di Salvo Sottile a “Quarto Grado” che conduci dal 2010. Qual è, secondo te, il segreto del successo di questo programma?

“E’ una forte struttura narrativa, personaggi fissi in studio, una grande preparazione prima della diretta, il lavoro quotidiano di studio dei casi, la serialità del racconto e un team di professionisti”.

Con Salvo Sottile formate una coppia perfettamente in sintonia. Come va la collaborazione con lui? Andate sempre d’accordo? Ci sono mai stati dei contrasti o delle divergenze di opinioni?

“Nessun contrasto. Abbiamo ruoli ben definiti e siamo complementari al programma”.

A settembre ti è stato assegnato l’arduo compito di risollevare le sorti della domenica pomeriggio di Canale 5, dopo la dipartita di Federica Panicucci, e così sei approdata al timone di “Domenica Live” con Alessio Vinci. Neanche con la nuova formula, però, il contenitore domenicale targato Mediaset è riuscito a raggiungere i risultati sperati in termini di auditel. Cosa non ha funzionato secondo te?

“Abbiamo avuto poco tempo a disposizione, 4 settimane non sono sufficienti per un programma nuovo dove tutto è da inventare. Con il tempo qualcosa sarebbe cambiato e migliorato ma a parte questo, è giusto dire che in realtà niente ha funzionato. La domenica è uno spazio molto difficile, la competizione con la Rai è fortissima, serviva più di quello che potevamo fare”.

Con l’arrivo di Barbara d’Urso a “Domenica Live” si è parlato di una presunta rivalità tra te e Alessio Vinci. E’ stata realmente difficile la collaborazione con lui?

“Iniziare a lavorare con una persona da un momento all’altro non è semplice, non ci conoscevamo prima e ci siamo trovati ad affrontare insieme, ma divisi, un’esperienza complicata. Per me era già tantissimo lo spazio che dovevo riempire da sola, era la mia prima esperienza. Con Alessio non parlerei di rivalità, direi che non ci siamo capiti. Poi i giornali hanno giocato un po’ su un pettegolezzo, ma in realtà tra di noi non ci sono mai stati particolari problemi”. 

Se ti venisse proposta la conduzione in solitaria ti sentiresti pronta o preferiresti testare ancora un po’ la conduzione in coppia? Che tipo di programma senti nelle tue corde?

“La conduzione in coppia è difficilissima. Da sola si, ma dipende dal tipo di programma. Mi piace il modo in cui lavoriamo a Quarto Grado: con la massima serietà e professionalità. Non posso più fare a meno di questo. Per il resto mi piacerebbe un giorno poter condurre un programma sempre di approfondimento. Il mio sogno è sempre stato quello di condurre un programma di natura, viaggi, gastronomia ma direi che per ora non sto andando esattamente in questa direzione”.

Programmi a parte, cos’altro sogni per il tuo futuro professionale? Hai un obiettivo preciso che vorresti raggiungere o un sogno nel cassetto che vorresti realizzare?

“Mi piacerebbe ricominciare con la scrittura narrativa in televisione, ma non con le fiction all’italiana: mi piacciono prodotti come “scacco al re” e il racconto di storie tra la realtà e la finzione. Zero dark thirty ha meritato la statuetta e la regia è di una donna! Vorrei provare a fare tante cose, se ne faccio soltanto una il mio cervello rallenta, non vorrei si fermasse!” (ride)

Ti va di lasciare un messaggio per i nostri lettori?

“Grazie a tutti per aver letto la mia intervista e continuate a seguirmi a Quarto Grado, su facebook e ora sono atterrata anche nel mondo twitter, ma ho solo 20 seguaci, come si fa?! Sono un mammut tecnologico. A presto!”. 

About Emanuele Fiocca

Nato a Soveria Mannelli (Catanzaro) il 7 Luglio 1987, è un calabrese doc. Attratto dalla televisione fin da bambino, ha maturato negli anni esperienze in diversi programmi della RAI come UnoMattina in Famiglia, Mezzogiorno in Famiglia, Alle Falde del Kilimangiaro, L'Arena e Domenica In. Caporedattore de LaNostraTv dal 2014 al 2017, è il Responsabile Editoriale e Supervisore del sito.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *