Tutta la musica del cuore, il riassunto dell’ultima puntata

By on febbraio 28, 2013
Tutta la musica del cuore - Francesca Cavallin

text-align: center”>Tutta la musica del cuore - Francesca Cavallin

TUTTA LA MUSICA DEL CUORE, IL RIASSUNTO DELL’ULTIMA PUNTATA – Si è conclusa ieri sera la seguita fiction di Rai 1Tutta la musica del cuore”, che dopo sei puntate, ha raccolto l’ottimo risultato finale di 6.074.000 telespettatori e il 20,58% di share.

Tutta la musica del cuore – L’epilogo è stato all’insegna del lieto fine, con la musica che ha trionfato su ogni cosa negativa, e gli abitanti di Montorso, con il loro Conservatorio, che hanno festeggiato la “vittoria dei buoni” con un ultimo, maestoso concerto al quale ha preso parte anche Angela (Francesca Cavallin), seduta al pianoforte.

La ex-ispettrice del Ministero alla fine è riuscita infatti a smascherare Marra (Antonio Stornaiolo) e a favorire l’incarcerazione dello spietato Rocco Santopirro (Francesco Foti). Anche per Tano (Giordano Franchetti, leggi QUI l’intervista a lanostratv.it), tutto si è concluso per il meglio, e ha riabbracciato la fidanzata Marina (Laura Glavan) e l’amico di sempre Francesco Santopirro (Fabrizio Traversa, leggi QUI l’intervista). Vediamo nel dettaglio quello che è accaduto durante la prima (e speriamo non ultima) serie di “Tutta la musica del cuore”.

Tutta la musica del cuoreAngela si sente fortemente presa in causa per la tragedia accaduta alla famiglia di Pietro, dopo la morte di Luigi. Colpita da forte senso di colpa, sta per cadere nello sconforto e finisce anche per litigare con Mattia.

Anche Tano sta per toccare il fondo: dopo aver perso Marina, Francesco, e anche Angela; ripone tutta la sua fiducia nel padre Libero (Manrico Gammarota). L’uomo però, ubriaco mentre si trovava al lavoro, subisce un grave incidente e rischia di rimanere paralizzato per sempre. Ora Tano è disperato, quindi analizzando la situazione Angela decide di ricominciare a lottare: come prima cosa, la donna accetta di unirsi a Marina e agli altri ragazzi, che decidono di organizzare un grosso concerto contro la mafia per raccogliere fondi in modo da aiutare Libero.

Tano però scopre una verità sconvolgente sul padre, da sempre contrario alla sua amicizia con Francesco Santopirro: assiste ad una visita in Ospedale per Libero, da parte di Rocco Santopirro che gli propone un lavoro (prontamente rifiutato dall’uomo). Tano litiga con il padre viene a sapere dalla madre che in passato i due erano fratelli di sangue “del crimine”, e avevano una relazione professionale che condividevano nel mondo criminale. Libero infine aveva deciso di cambiare vita in seguito all’uccisione di un boss, alla quale aveva assistito il figlio piccolo dell’uomo.

Tano sente per caso che Santopirro manderà alcuni uomini ad incendiare il Conservatorio alla vigilia del concerto (tra i quali c’è anche il figlio Francesco, all’oscuro del vero scopo della missione): questa azione servirà in realtà ad uccidere Angela, impegnata ogni sera fino a tardi per le prove al pianoforte. Non appena se ne accorge, il ragazzo non esita a buttarsi nelle fiamme per salvarla, rimanendo ferito e dando prova di grande coraggio.

Nel frattempo Marina e Francesco si lasciano, e dopo che quest’ultimo viene a sapere il piano del padre cerca di ribellarsi. Decide anche di confessare tutto ciò che sa alla polizia, viene inserito in un programma di protezione per testimoni e rende possibile l’incarcerazione del padre.

Marina chiede scusa a Tano, e ottiene il suo perdono: dopo essere tornato insieme alla ragazza che ha sempre amato, il violinista sceglie anche di prendere parte al grande evento contro la mafia.

Nicola recupera l’hard-disk perduto che conteneva le prove che incastrano l’ex Direttore Marra che viene quindi consegnato alla giustizia: il Conservatorio resta quindi in mani appassionati e oneste, gestito da Angela, Mattia, Marisa e tutti coloro che hanno sempre lottato per ottenere questo risultato positivo. Angela rassegna le dimissioni presso il Ministero a Roma e si ferma a vivere a Montorso: un bellissimo concerto al quale partecipa come pianista, sotto la sapiente direzione di Mattia, sancisce il lieto fine della storia di “Tutta la musica del cuore”.

About Mara Guzzon

Nata nei pressi di Lodi, si è laureata in Scienze e Tecnologie della comunicazione presso lo IULM di Milano. Nella stessa città ha frequentato il Master in Giornalismo e critica musicale del CPM Centroprofessionemusica e ha iniziato ad intraprendere i primi passi nel mondo del giornalismo scrivendo e fotografando. Appassionata di musica, cinema e televisione, attualmente collabora con siti appartenenti al settore dell'intrattenimento e con una web radio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *