90210: la serie chiude i battenti dopo cinque stagioni

By on marzo 2, 2013

text-align: center”> 

LA SERIE 90210 CHIUDE I BATTENTI DOPO CINQUE STAGIONI – La serie tv “90210” non avrà una sesta stagione. La notizia, prevedibile,  che deluderà i fan è stata confermata il 28 Febbraio. Il canale The Cw ha deciso di chiudere il sequel della più famosa Beverly Hills 90210 dopo cinque stagioni. Come già accaduto con Gossip Girl, la scure dell’auditel si è abbattuta su questo teen-drama che non ha mai brillato in ascolti. La quinta stagione ha subito un vertiginoso calo dei telespettatori e ciò ha spinto la rete a chiudere la serie tv.

L’ultima puntata sarà trasmessa il 13 Maggio in America. Anche Jason Priestly, l’attore che ha interpretato Brandon nella serie madre, ha voluto esprimere un suo parere, lasciando un tweet in cui si complimenta con la produzione per aver lavorato a questa nuova serie per cinque anni, esattamente la metà di Beverly Hills. La serie 90210 è nata nel 2008, in un periodo in cui la tv americana ha cercato di resuscitare i grandi successi del passato come Visitors, ma anche Melrose Place il cui rifacimento è stato un flop, fermandosi ai 18 episodi della prima stagione.

Per 90210 è andata decisamente meglio. Il primo episodio trasmesso il 2 Settembre 2008 è stato seguito da circa 5 milioni di telespettatori. Tuttavia, col passare degli episodi l’interesse del pubblico è venuto scemando, le storie sono diventate ripetitive e noiose, dimostrando sempre di più che forse l’età d’oro dei teen drama si ormai conclusa per le produzioni hollywoodiane. The O.C., Gossip Girl ed ora 90210, dopo dei buoni riscontri delle prime stagioni, hanno visto calare inesorabilmente l’auditel, determinando il nefasto destino della chiusura. E anche in Italia 90210 non ha mai entusiasmato più di tanto, costringendo Raidue a trasmettere le stagioni in estate e poi su Rai4, dove tutt’ora le repliche vanno in onda alle 15.05 dal lunedì al venerdì. A cosa si può amputare questo snobbismo nei confronti dei teen-drama? Sicuramente lo stile di vita, le ambientazioni e le storie narrate non riescono a creare quel giusto coinvolgimento in un periodo come questo in cui il mondo vive la crisi globale dell’economia e vedere sullo schermo dei rampolli viziati e ricchissimi potrebbe risultare,  abbastanza,  inverosimile e frustrante.

Se negli States il pubblico americano sembra sempre più preso da tematiche d’evasione che si ritrovano nei fantasy o negli horror (come American Horror Story e The Walking Dead), anche nel Belpaese l’american way of life sembra tramontato. Sono lontani i tempi in cui tutte le adolescenti sognavano di fidanzarsi con Dylan o quando si litigava per decidere chi fosse meglio tra Kelly e Brenda. E il destino di 90210 è ormai segnato. L’episodio del 18 Febbraio è stato seguito solo da 550.000 telespettatori e questo ha convinto i produttori a calare il sipario. Mark Pedowitz, presidente della The Cw, ha assicurato che essendo ancora in scrittura gli ultimi episodi, si potrà intervenire per chiudere degnamente la serie come il pubblico merita, trasformando il final season in un final series. Il network ha dichiarato: “Abbiamo avuto cinque meravigliose stagioni, ringraziamo tutto il cast e la produzione. Siamo orgogliosi degli ex liceali della West Beverly High”. Dunque non ci resta che seguire gli ultimi 7 episodi per sapere come si chiuderanno le avventure di Naomi (Annalyne McCord) Annie (Shenae Grimes) Liam (Matt Lanter) e tutti gli altri ragazzi.

Ricordiamo che in Italia 90210 è trasmessa dal lunedì al venerdì su Rai 4 alle 15.05. 

About Dario Ghezzi

Dario Ghezzi nasce il 28 Giugno 1988. Fin da bambino matura la passione per la scrittura e il mondo dell’arte. Dopo il Liceo Classico si iscrive alla facoltà di Letteratura musica e spettacolo dell’Università la Sapienza di Roma laureandosi nel 2011. Nel 2012 si iscrive alla magistrale di Cinema Televisione e Produzione Multimediale dell’università Roma 3 e nello stesso anno ha frequentato una scuola di recitazione. E’ autore di tre romanzi usciti con ilmiolibro.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *